fbpx

Festival MANN: Muse al Museo

Scritto da Lorenzo Riccio Il . Inserito in Port'Alba

mann muse museo napoli archeologico musica

Al Mann il Museo Archeologico Nazionale di Napoli si è tenuto un grande festival internazionale che ha presentato per sette giorni molti eventi tra letteratura, musica, teatro, danza, scienza, arte, cinema, fumetti e tanto altro. Molti gli ospiti importanti del mondo dello spettacolo e della musica, per una settimana completamente sold out.

Il Festival Internazionale, il primo organizzato da un museo autonomo statale in base alla Riforma Franceschini, voluto dal direttore Paolo Giulierini, ha come direttore artistico Andrea Laurenzi in collaborazione con Luca Baldini - Officine della Cultura, e comprende oltre 50 eventi che si sono svolti dal 19 al 25 aprile.

Sarà Ray Wilson ha inaugurato il festival mercoledì 19 aprile con il concerto in trio dal titolo “An evening with…”.

Tosca, eclettica cantante e attrice, si è esibita venerdì con “Appunti musicali dal mondo”.

Entrambi eventi di grandissimo spessore artistico: si è volato davvero alto con le voci di Ray Williams e di Tosca, due artisti cui Paolo Giulierini ha consegnato la medaglia di “Ambasciatori del Mann nel mondo”.

Giovedì 20 aprile, si è tenuto “Histoire du soldat”, opera di Igor Stravinski composta nel 1918 che intreccia teatro, danza e musica, nella versione diretta da Daniele Russo, che è anche voce narrante, e la direzione d'orchestra di Luca Bagagli (Produzione del Teatro Bellini) che ha regalato una interpretazione davvero raffinata.

“Danzando spassiunatamente” con Peppe Servillo & Solis String Quartet è stato lo spettacolo serale di sabato 22 aprile, un omaggio alla cultura e alla canzone classica napoletana. Prodotto da Movimentoinactor Teatrodanza - Consorzio Coreografi Danza d’Autore, in collaborazione con AreaLive.

Il tutto esaurito di Sergio Cammariere con “Io” (in sostituzione dello spettacolo di Gino Paoli e Danilo Rea precedentemente annunciato) alla voce e al piano, ha confermato l’altissimo livello del Festival.

Non poteva mancare un prezioso omaggio a Totò per i 50 anni dalla scomparsa: in scena lunedì 24 aprile “In arte Totò, viaggio nel mondo poetico e musicale di Antonio De Curtis” di Enzo Decaro e Liliana De Curtis.

Martedì 25 aprile la chiusura è affidata a Cristiano De André con “De André canta De André”, guest artist opening Paolo Benvegnù.