Patrimonio UNESCO: inizia il restauro del Complesso dei Girolamini e di San Paolo Maggiore

Scritto da Fabio Di Nunno Il . Inserito in Succede a Napoli

DI NUNNO

L’attuazione del Grande Progetto Centro storico di Napoli – Valorizzazione del sito UNESCO prosegue con i lavori di restauro e di valorizzazione del Complesso dei Girolamini e del Complesso di San Paolo Maggiore.
Entrambi i lavori si inquadrano nel più ampio programma di conservazione delle strutture del sito UNESCO, che include tutto il centro storico di Napoli, e sono finalizzati a potenziare l’offerta culturale dei complessi nel loro insieme, anche attraverso la creazione di servizi logistici e di accoglienza. In tal modo, secondo Carmine Piscopo, Assessore al diritto alla città, ai beni comuni e all'urbanistica del Comune di Napoli, «prosegue il programma UNESCO, attraverso il recupero, il restauro e la valorizzazione del patrimonio storico artistico della nostra città. Un rinnovato ringraziamento è rivolto a tutte le Istituzioni che stanno lavorando attivamente, affinché, sempre più, il Grande Progetto Centro Storico, sotto lo sguardo dell'Europa, si trasformi in una realtà concreta e viva».

I lavori del Complesso dei Girolamini prevedono il restauro di entrambe le facciate del complesso su via Duomo e piazza dei Girolamini e di alcuni significativi ambienti, quali il chiostrino cinquecentesco, il chiostro grande e la congrega dei dottori, nonché un generale miglioramento degli spazi espositivi. Sono inoltre previsti la riqualificazione e l’adeguamento funzionale dell’impianto di illuminazione e di condizionamento oltre al risanamento delle coperture, per un importo complessivo di circa 5.780.000,00 euro ed una durata dei lavori di 15 mesi. Il progetto di restauro e valorizzazione del Complesso dei Girolamini è frutto del lavoro dell’Arch. N. Ricciardelli, Dott. U. Bile, Geom. A. Chichierchi, Geom. G. Mugione, con la collaborazione dell’Arch. Domenico Persico.

Per quanto concerne il Complesso di San Paolo Maggiore, i lavori mirano al restauro e alla valorizzazione del sito attraverso il potenziamento dei suoi valori culturali ed economici, con l’allestimento del museo dell’opera e della pinacoteca, la sistemazione del chiostro e della sala auditorium e la realizzazione di spazi di accoglienza e di promozione didattica. Alla fine dei lavori, complessivo di 3.000.000,00 di euro e con una durata prevista di un anno, il Complesso di San Paolo Maggiore sarà inserito all’interno di un sistema museale territoriale di rilevanza cittadina. Il progetto di restauro e valorizzazione del Complesso di San Paolo Maggiore è di Gnosis Architettura (a cui appartiene il rendering del Complesso di San Paolo Maggiore utilizzato come immagine in questo articolo).

A questi due importanti interventi di restauro, si aggiunge la sottoscrizione del contratto per la riqualificazione e la rifunzionalizzazione di alcuni ambienti di Castel Capuano. Obiettivo dei lavori è consentire la libera apertura al pubblico dell’area dei cortili, al piano seminterrato e al piano terra,

al fine di integrare l’edificio al tessuto di percorribilità urbana, consentendo al monumento di divenire un accesso privilegiato e qualificato all’area del centro storico Patrimonio UNESCO. Castel Capuano è stato individuato inoltre quale sede ideale per realizzare un polo integrato formativo ed espositivo che conservi ed esalti la storica destinazione ad indirizzo giuridico, che contempli funzioni rappresentative, educative e di servizio per l’alta formazione degli studi del diritto, valorizzandosi, sempre più, quale motore per la divulgazione della cultura della legalità.

Banner AIRC

Iscriviti alla nostra NewsLetter e risparmia subito 5€ sul prossimo acquisto