Napoli - Lazio

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO4

Dall'Allianz Stadium al San Paolo. Da Gonzalo a... Higuain. Eh sì, perché in Napoli-Lazio del 13 aprile 2014 il Pipita harealizzato la prima tripletta con la maglia partenopea. Per Maradona invece quella del febbraio '85 è stata l'unica, nell'ultima annata in riva al Golfo di Rino Marchesi.
Il quale da giocatore aveva indossato la casacca biancoceleste per cinque stagioni, prima di chiudere la carriera nel Prato. Il 5 luglio '87 tornava a Fuorigrotta Raimondo Marino, in campo nella gara decisiva contro il Campobasso. Si era trasferito nella Capitale dopo 103 presenze in A con la maglia partenopea: campione d'Italia mancato ma 'Eroe del meno nove'. Scrivi Napoli-Lazio e pensi inevitabilmente a Bruno Giordano, autore di una doppietta con la casacca biancoceleste nella pirotecnica sfida del 2 aprile 1978. Come Antonio Capone, che in quella partita realizzava inoltre il primo centro nella massima serie.
Una partita che nella storia partenopea significa l'ultimo gol di Juliano con l'amato Napoli: a difendere la porta avversaria vi era Claudio Garella... 'Totonno' aveva debuttato in prima squadra nell'annata 1961-'62, l'unica in riva al Golfo da calciatore di Gigi Simoni. Il predecessore di Fascetti sulla panchina della Lazio e il tecnico dell'ultimo Napoli prima del fallimento. Era tornato a Fuorigrotta nel '96, dopo quattro stagioni alla guida della Cremonese. Pavel Nedved invece si trasferiva a Formello e il 12 maggio 2001 scriveva al San Paolo l'explicit con il gol in biancoceleste. Quarant'anni prima, con quei colori, andava a segno per la prima volta Paolo Carosi, tecnico di Giordano nella Primavera della Lazio. Nella domenica dell'unica rete con la casacca partenopea di Giorgio Maioli.

Banner AIRC

Iscriviti alla nostra NewsLetter e risparmia subito 5€ sul prossimo acquisto