Napoli - Milan

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

Bianchi

Osservate l’albo d’oro del campionato -allora il più bello del mondo- dal 1987 al 1990: from Napoli to Napoli, con le formazioni rossonerazzurre nel mezzo. Da Ottavio ad Albertino. Se il tecnico del secondo scudetto è conosciuto anche per aver indossato per nove stagioni la maglia del Diavolo, Bianchi quella casacca l’ha vestita nella stagione 1973/74. A Milanello è stato allenato -anche- da Trapattoni (subentrato a Cesare Maldini e dopo l'arrivederci del maestro Rocco), vecchio pilastro del centrocampo rossonero che nell’estate ’65 il 'Ciuccio' avrebbe voluto accogliere a Campi Flegrei. Era lui l’obiettivo principale, come scritto da Francesco Marolda lo scorso anno sul Corriere dello Sport dopo la scomparsa di Roberto Fiore. E così nel 1968 ‘Giuanin’ festeggiava il secondo tricolore con il Diavolo.

Sulla piazza d’onore il Napoli che, prima di allora, non era mai andato oltre il terzo posto. Era la prima annata a Fuorigrotta dell’ex rossonero Paolo Barison. Il Milan aveva riabbracciato il 'Paròn' – tre stagioni partenopee da giocatore – e con il ritorno di Nereo Rocco tornò al successo anche in Europa, affiancando la Coppa delle Coppe allo scudetto. Tra i protagonisti di quel double Angelo Benedicto Sormani e Kurt Hamrin, poi compagni di squadra anche in riva al Golfo nel campionato 1970/71, con il Napoli -miglior difesa- sul gradino più basso dietro Inter e Milan.

Il portiere del 'Ciuccio' che nel ’76 sollevava la Coppa Italia era Pietro Carmignani, il quale lavorerà a Milanello nello staff di Arrigo Sacchi (per poi seguirlo in azzurro). Quello della stella rossonera è stato il tricolore di Ruben Buriani, in riva al Golfo nella stagione 1985/86. Ma per poco, considerato che la sua carriera venne frenata da un brutto fallo di Mandorlini proprio a San Siro. E il tricolore dei Walter: De Vecchi – ha disputato l'ultima annata nella massima serie sotto il Vesuvio- e Novellino, il tecnico che nell'unico torneo a Fuorigrotta riportava in A il 'Ciuccio'.

Milan-Napoli della stagione 1994-'95 (la prima che assegnava i 3 punti a vittoria) si concluse con una rete per parte. Per i partenopei andò a segno un ragazzo del rione La Loggetta: l'8 gennaio di ventitré anni fa Fabio Cannavaro scriveva l'incipit realizzativo alla Scala del calcio.

Banner AIRC

Iscriviti alla nostra NewsLetter e risparmia subito 5€ sul prossimo acquisto