fbpx

NAPOLI CITTÀ LIBRO: il ritorno della fiera del libro nel Mezzogiorno

Scritto da Francesca Ciaramella Il . Inserito in Port'Alba

CIARAMELLA.png

Dal 24 al 27 maggio il Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore ospiterà Napoli Città Libro, l’evento che sancisce il ritorno della grande fiera del libro nel Mezzogiorno. Un risveglio improvviso dal torpore degli ultimi dieci anni che riporta questo moderno appuntamento con la cultura nella più grande città del Sud Italia, e lo fa grazie all’iniziativa di tre editori partenopei riuniti nel Comitato Liber@Arte: Diego Guida, Alessandro Polidoro e Rosario Bianco.

Lo scorso 8 maggio presso l’Unione Industriali di Napoli ha avuto luogo la conferenza stampa di presentazione del programma dell’evento che ha illustrato il vasto elenco di appuntamenti e la complessità dei temi che il salone napoletano porterà in tavola. L’occasione è particolarmente propizia per addetti alla cultura e non, dal momento che strizza favorevolmente l’occhio a contenuti impegnati e li mette in scena per un pubblico vario e non necessariamente esigente; si rivolge dunque alla napoletanità tutta con un istinto che pensa in maniera ottimistica e guarda avanti: guarda alla lettura come appannaggio di tutti, immagina l’editoria nostrana come uno dei principali bacini economici della città, sogna una comunità impegnata nella sua riapertura verso la bellezza e le potenzialità della letteratura di ieri e di oggi.

A partire da giovedì 24 maggio un’ampia kermesse di convegni si alterneranno e sovrapporranno, non solo presentazioni e commenti di novità editoriali, ma dibattiti e riflessioni che avranno come temi l’evoluzione della lettura dall’antichità ad oggi e un triplo intervento politico rappresentativo che metterà al centro della sua riflessione l’interrogativo «La cultura salverà il Mezzogiorno?», durante il quale interverranno il Sindaco di Matera (capitale europea della cultura 2019) Raffaello Giulio De Ruggieri, l’Assessore alla cultura del Comune di Palermo (capitale italiana della cultura 2018) Andrea Cusumano, e il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Da venerdì 25 fino a domenica 27 sarà invece possibile seguire percorsi letterari esclusivi lungo i vicoli di Napoli con ingresso finale al Salone del Libro.

Quello che il più generico libro può fare nelle mani giuste, nelle mani di una giovane mente appassionata o nelle pieghe di un vegliardo saggio di quartiere, sullo fondo della città che ingloba esoterismo, romanticismo, rivoluzione, tradizioni e complessità sociale; una combinazione dinamitarda che Napoli Città Libro intende innescare.