PD: Bisogna ripartire da nuove Regole di Iscrizione e da Nuovi Circoli

Scritto da La Redazione Il . Inserito in Il Palazzo

pd regole

Riceviamo e pubblichiamo

Caro Partito Democratico, Martina, Orfini, Del Rio, Calenda, Zingaretti, Renzi ed tutti gli altri che si riconoscono nei valori di questo partito, iscritti e normali il cittadini, è del tutto evidente la difficoltà attuale nel rilanciare i nostri valori ed una proposta credibile e condivisibile di governo.
Siamo spariti dai giornali e spesso balbettiamo in Televisione. Ancora ci lecchiamo le ferite del 4 marzo, la cui colpa è di tutti noi che, ai vari livelli di responsabilità,  non abbiamo saputo cogliere le principali esigenze di molta parte della cittadinanza e non siamo riusciti adeguatamente a evidenziare il reale lavoro effettuato. Ora noi pensiamo che, se da una parte, dobbiamo essere orgogliosi di avere portato, con tutta evidenza, fuori  dalla crisi l’ Italia, bisogna lavorare per individuare, tenuto conto dei nostri valori imprescindibili, un progetto, una visione per il futuro.  Prima di questo per noi risulta assolutamente essenziale aggiornare / modificare / rendere più trasparenti le “Regole di iscrizione “. Solo così avremo Circoli , Segretari , Delegati che nascono dalla vera espressione degli scritti, e possono portare nuove idee,  e non da oscure e scorrette manovre di potere, delle quali siamo stati testimoni. Abbiamo pensato di proporvi una  sintesi di un lavoro ( in realtà molto più dettagliato) per “Nuove Regole per l’Iscrizione” e “Nuova missione dei Circoli” e ci dichiariamo  disponibili a discuterne. In questo modo desideriamo evidenziare che molti di noi ci sono, non ci arrendiamo, sicuri di essere ancora “umani” e pronti a combattere per le nostre idee.

Nuove Regole per l’iscrizione ai Circoli . Al fine di standardizzare le procedure di adesione al partito, assicurare un puntuale e costante monitoraggio della platea degli aderenti, evitare le “strumentali” corse all’iscrizione poco prima del “Congresso” ed assicurare la presenza “effettiva” nei Direttivi, si propone di:
a) di mantenere la campagna tesseramento aperta dal 1° gennaio al 31 ottobre di ciascun anno;
b) di inserire l'”ufficio adesioni” fra gli organismi di circolo permanenti;
c) di inserire, nel modulo di richiesta della tessera, specifici riferimenti alle responsabilità civili e penali (legate alla legge sulla privacy) incombenti su coloro che raccolgono i dati e la sottoscrizione del richiedente;
d) di definire, entro il 31 dicembre di ciascun anno, le porzioni territoriali di competenza dei singoli circoli (preferibilmente uno per Municipalità);
e) di escludere dai diritti di elettorato attivo e passivo gli iscritti da meno di 3 mesi, rispetto alla data di indizione di congressi a qualunque livello territoriale;
f) di rendere obbligatoria una riunione del Direttivo ogni mese (Agosto escluso);
g) di far decadere i membri del Direttivo che hanno sommato tre assenze ingiustificate consecutive o sei assenze (ancorché non consecutive), nel caso che non abbiano dato, con comunicazione orale o scritta, una giustificazione valida.

Missione dei Nuovi Circoli: I Circoli saranno aperti non solo in modo saltuario  per l’incontro con i soci, ma vi si svolgeranno più attività quali:
a) Incontri per approfondire singole tematiche (in modo da essere in grado di traferirle ai cittadini correttamente con una visione condivisa);
b) Attività per renderli fruibili al massimo numero dei cittadini (Es: esperienze professionali offerte gratuitamente, start up con l’assistenza di un commercialista o di un tutor, proiezione di films con presentazione ed altro);
c) Proporsi quali sedi di associazioni con l’obbiettivo di coinvolgere ad un impegno politico i giovani.

Tenuto conto della più ampia missione, i Circoli devono essere finanziariamente autonomi con contributi “obbligatori e mensili” di diversa entità in funzione del ruolo (presidente, segretario, membri del direttivo, associati ed altri). I Circoli devono obbligatoriamente rendicontare annualmente il loro bilancio in dettaglio, con un membro del direttivo “responsabile” dello stesso bilancio)
I Circoli possono, in realtà debbono, avere contributi anche da esterni (PD Provinciale, PD Regionale, PD Nazionale, Sponsor); ma non “direttamente” da singoli parlamentari per evitare una possibile dipendenza dagli stessi.
Con la speranza che altri cittadini possano allinearsi o migliorare le  nostre proposte, in quanto spinti dalle stesse motivazioni di trasparenza per un reale rilancio del partito.

Fiorenzo Betti
Vincenzo Bonamassa
Corrado Busco
Filomena Cacace
Ettore De Cristofaro
Livia Grimaldi
Raffaele Visco

Banner AIRC

Iscriviti alla nostra NewsLetter e risparmia subito 5€ sul prossimo acquisto