fbpx

Un'agorà musicale al Maschio Angioino

Scritto da Gabriele Esposito Il . Inserito in Port'Alba

agorà

Martedì 16 settembre è arrivata nel porto di Napoli la più grande nave da crociera al mondo, MS Oasis of the Seas, il gigante della compagnia di navigazione Royal Caribbean International, una città galleggiante. Dalla nave sono scesi circa settemila turisti, in prevalenza americani che, prima di visitare la città, sono stati accolti prima al Terminal di piazza Municipio, con un'iniziativa organizzata dall'assessorato comunale alla Cultura e al Turismo, nella persona del Dott. Gaetano Daniele e destinata anche ad altri 10mila crocieristi attraccati al Porto, con altre navi.

 

In seguito, nel cortile del Maschio Angioino, intorno a mezzogiorno, è andato in scena lo spettacolo dal titolo “Dove sta Zazà”, ispirato all’omonima canzone scritta dai napoletani Cutolo e Cioffi: canzone che viene utilizzata dal popolo partenopeo, per accogliere i liberatori americani. 

Canzoni, balli e poesie,  interpretati dall'accademia  “Agorà Arte” di Miano, già protagonista con successo dell'accoglienza all'aeroporto di Capodichino, pochi mesi fa, hanno creato grande empatia con i turisti rimasti incantati dalle atmosfere che la tradizione classica napoletana sa sempre regalare.

La rappresentazione di figure tipiche del folklore popolare, come ‘o pazzariello, ‘a bell’ambriana, ‘o iettatore, ‘o munaciello, desta nel pubblico sempre grande ilarità e curiosità negli spettatori di tutto il mondo, che hanno apprezzato in maniera fragorosa le performance artistiche del cast di Agorà. Queste figure tipiche della storia partenopea, spesso dimenticata, interagiscono continuamente con una modernità che ancora oggi non riesce a dare risposte ad una Napoli, ancora in  cerca della sua identità.

Un grandissimo cast ha reso lo spettacolo godibile. Costituito da: Pasquale Cirillo (piano e direzione musicale), Giuseppe Arena (contrabbasso), Fabio Esposito (batteria), Domenico Matania (fisarmonica), Emanuela Renno (voce); dal gruppo di ballo formato da Antonella Cipolla, Federica Cerullo, Raffaele De Luca, Anna Spampinato, Sara Palmieri e Federica Rotunno. Il tutto introdotto in più lingue dalla cantante-attrice Susy Amoruso e per la direzione artistica del maestro Renato Di Meo.

I crocieristi potranno così conoscere parte del patrimonio storico culturale di Napoli e degustare le specialità locali. I percorsi sono stati inseriti nella brochure “Live Naples – One day in the city of the sun”, progettata dall’Assessorato alla Comunicazione e dall’Assessorato al turismo ( che si allega anche con la traduzione in italiano); la brochure sarà distribuita presso un apposito infopoint del Comune di Napoli all’interno del Porto .

Tre le associazioni che hanno contribuito alla realizzazione diun più vasto programma di accoglienza: AGORA ARTE che ha organizzato un concerto di musica napoletana nel cortile del Maschio Angioino a partire dalle ore 10 fino alle ore 14. Sii turista della tua città accoglierà i turisti all’interno del Porto con fiori indicando loro i percorsi consigliati dalle brochures, infine l’Associazione Tuteliamoci attenderà i turisti lungo il percorso del centro storico per offrire loro ogni supporto ed assistenza.

Alle ore 17.30 al rientro sulla nave dei crocieristi è previsto un concerto finale di saluto dei Neapolitan contamination un progetto musicale che coniuga diverse sonorità con la canzone classica napoletana. Ad accogliere e a salutare i crocieristi che partiranno in serata per Barcellona ci sarà l’assessore alla promozione della città Monia Aliberti. .I crocieristi potranno così conoscere parte del patrimonio storico culturale di Napoli e degustare le specialità locali. I percorsi sono stati inseriti nella brochure “Live Naples – One day in the city of the sun”, progettata dall’Assessorato alla Comunicazione e dall’Assessorato al turismo ( che si allega anche con la traduzione in italiano); la brochure sarà distribuita presso un apposito infopoint del Comune di Napoli all’interno del Porto .

Tre le associazioni che hanno contribuito alla realizzazione diun più vasto programma di accoglienza: AGORA ARTE che ha organizzato un concerto di musica napoletana nel cortile del Maschio Angioino a partire dalle ore 10 fino alle ore 14. Sii turista della tua città accoglierà i turisti all’interno del Porto con fiori indicando loro i percorsi consigliati dalle brochures, infine l’Associazione Tuteliamoci attenderà i turisti lungo il percorso del centro storico per offrire loro ogni supporto ed assistenza.

Alle ore 17.30 al rientro sulla nave dei crocieristi è previsto un concerto finale di saluto dei Neapolitan contamination un progetto musicale che coniuga diverse sonorità con la canzone classica napoletana. Ad accogliere e a salutare i crocieristi che partiranno in serata per Barcellona ci sarà l’assessore alla promozione della città Monia Aliberti. .Tammurriata nera, Fenesta ‘ca lucive, Canzona Appasiunata, Reginella e una Dicitencello vuje ricca di controtempi e spazi recitativi, sono state alcune delle melodie proposte ed immortale dai vari telefonini e che siamo sicuri faranno il giro del globo, portando la cultura napoletana in tutti gli angoli della terra.

Il maestro Renato Di Meo afferma che la rinascita di Napoli può avvenire attraverso queste manifestazioni, che permettono una riscoperta della storia e dell’identità culturale partenopea, fatta, però, di caratteri innovativi; una contaminatio che permetta di essere sempre in divenire ad una tradizione che ha fatto del sapersi ri-innovare una sua peculiarità.

Inoltre, l’istrionico direttore artistico di Agorà Arte ci da appuntamento, rispettivamente, il 21 ed il 26 settembre al Chiostro di San Domenico Maggiore alle ore 21 ed al Parco del Poggio, per il Forum delle Culture, per uno spettacolo dedicato al grande Tenore Enrico Caruso.

Unica nota storta il traffico cittadino mandato in tilt dallo sbarco di tanti visitatori e da una squadra senza precedenti di taxi e pullman privati, messi in campo dal Comune, che hanno permesso il raggiungimento delle località archeologiche e turistiche della Campania che vuole ritornare felix.