fbpx

Le ore della notte

Scritto da Claudio d'Aquino Il . Inserito in Port'Alba

le ore

Bruciano le ore della notte allo stoppino del tempo
e una plenitudine corposa
veglia sulle mura di pomice
della città vecchia
innalzata ai canali del firmamento.

La stanchezza abbraccia la valle con liquido mare
che tutto chiama a sé.

Nella casa una nostalgia severa
trasalisce con raggruppo di fiori
dalle strettoie dei vasi.

Gli alberi dormono in piedi
come animali pazienti
filari di gemme preziose
come rosari
sui fianchi della montagna.

Spesso la vita si schiude a sorpresa
dalle siepi più stranite
con squarci che superano le aurore della mente.

E allora dalla terra nuda
s'alza un frumento glabro
che gli uomini stacciano alle reste
per farne pane sacro
alla mensa di Dio.