fbpx

Il Palazzo

Dai palazzi del potere di Napoli a quelli di Roma.

Le più delicate questioni istituzionali esaminate da specialisti del settore.

Congresso regionale: rendiamo più chiaro il segno dell’innovazione!

Scritto da Riccardo Barone Il . Inserito in Il Palazzo

BaroneRegionale

Il 16 febbraio si celebreranno, in tutta Italia, i congressi regionali del PD, che costituiranno l’ultimo passaggio del processo di elezione della classe dirigente del PD, cominciato con i congressi locali e provinciali dello scorso autunno.
Questa è l’occasione, non solo per rafforzare il vento di cambiamento che ha investito il PD, ma, soprattutto, per vedere nascere una nuova classe dirigente campana in grado di cambiare verso alla politica regionale.

Napoli, il turismo e gli assessori incompetenti

Scritto da Riccardo Sepe Visconti Il . Inserito in Il Palazzo

Visconti

Premesso che da uomo di Sinistra ho assai cari i temi del disagio economico, della mancanza di lavoro e del rilancio di un’economia sostenibile, parlando della mia Città, per quelle che sono le mie competenze in materia vorrei dire subito: Napoli non è una Città a vocazione Turistica, e questo è un fatto! Per supportare tale affermazione diciamo subito che nel 2013 le presenze di visitatori registrate in città sono state circa 2.200mila contro una media (tanto per fare un esempio) di 3.300mila nella sola isola d’Ischia (valutazioni raccolte dall’Azienda di Cura Soggiorno e Turismo).

Lettere aperte sul San Carlo

Scritto da Angela Pascale Il . Inserito in Il Palazzo

Angelasancarlo

Caro sindaco De Magistris,
in questi giorni ho letto, attonita, articoli e notizie circa il teatro San Carlo e la sua decisione di non farlo aderire al decreto "Valore Cultura" del ministro Bray. Prima di lanciarmi in prematuri giudizi nei suoi confronti ho aspettato giorni e articoli, ho aspettato motivazioni convincenti date da proposte serie e solide a tal punto da poter sostituire il decreto o aderirne senza causare danni.

L’Europa è il futuro e non si torna indietro.

Scritto da Roberta Capone Il . Inserito in Il Palazzo

CaponePSE

Dal 28 febbraio fino al 1 marzo si terrà in Italia un importante evento politico per il Partito Democratico che organizzerà a Roma per la prima volta il congresso del Partito Socialista Europeo. Il congresso di Roma che lancerà ufficialmente la candidatura di Martin Shultz a Presidente della Commissione Europea ma non solo, infatti sarà l'occasione anche per annunciare l'adesione del Pd al Partito Socialista Europeo.

A cosa serve una scuola di formazione per i Giovani Democratici napoletani? (AAA risposte cercasi)

Scritto da Riccardo Barone Il . Inserito in Il Palazzo

riccsutony

Negli scorsi giorni l’organizzazione giovanile del PD napoletano ha rilanciato l’idea di una scuola di formazione di partito, per formare i giovani sulla “memoria storica, le idee di oggi e le politiche di domani”.
Difronte alle buone intenzioni, io mi pongo due domande:
1) È possibile riuscire a riproporre la scuola delle Frattocchie?
2) Come si fa una scuola di partito se manca l’ideologia portante del partito?

Bilancio Comunale

Scritto da Rino Cardinale Il . Inserito in Il Palazzo

Rino

Se c’è un aspetto che accomuna indiscutibilmente la giunta attuale con quella che l’ha preceduta esso è rappresentato dalla scelta, tutta politica, di affidare ad un tecnico l’assessorato al bilancio. Anche le modalità con cui ciò si è verificato sono, a dir poco, sorprendentemente simili. In entrambe le giunte l’ex presidente del Collegio dei Revisori è stato chiamato ad assumere la carica di assessore al bilancio, in entrambi i casi per sostituire il medesimo assessore dimissionario/to, Riccardo Realfonzo.

Qualcosa di nuovo

Scritto da Marco Sarracino Il . Inserito in Il Palazzo

sarracino assmblea 1

Chi sarà il prossimo presidente dell’assemblea provinciale del PD Napoli? Quali saranno le donne e gli uomini di cui il neo eletto segretario Venanzio Carpentieri si circonderà per dare vita ad un nuovo gruppo dirigente che manca alla comunità dei democratici napoletani da oltre un anno e mezzo?

I 70.000 e la Politica

Scritto da Francesca Scarpato & Berardo Impegno Il . Inserito in Il Palazzo

Manifestazione 16.11.2013

Possiamo oggi, senz’ombra di dubbio, affermare che la manifestazione “#fiumeinpiena – Stop al biocidio” dello scorso 16 Novembre, sia stata il fatto sociale e politico più importante degli ultimi tempi per Napoli e il mezzogiorno in generale. Con essa è ormai emerso con chiarezza il dato che la distanza tra  “la piazza” e i “palazzi del potere” è, a dir poco, enorme. Per le strade sfilavano associazioni, comunità ecclesiali, comitati spontanei di cittadini, singoli. Mentre defilati e non protagonisti erano i rappresentanti delle amministrazioni, i partiti tutti e perfino le sigle sindacali. E questo è un dato di fatto enorme che richiede e richiederà approfondimenti seri e analisi non banali (se non anche molti “esami di coscienza”).

Truffa alle assicurazioni, 400 indagati, IMPEGNO (PD): Il tema resta quello di una riforma necessaria

Scritto da Leonardo Impegno Il . Inserito in Il Palazzo

leo assicurazioni

Sarebbero 1237 i sinistri fasulli nella maxi-inchiesta nolana che,nei giorni scorsi, ha portato all'emissione di 16 misure cautelari e 400 avvisi di garanzia e mi congratulo con i carabinieri e la guardia di finanza di Nola che hanno portato alla luce una vera e propria associazione a delinquere che coinvolge avvocati, medici e procacciatori. Una situazione non più tollerabile!" e a dichiararlo è Leonardo Impegno, deputato del Partito Democratico. >>

I "renziani" a Napoli

Scritto da Ernesto Paolozzi Il . Inserito in Il Palazzo

paolozzi renzi napoli

Il successo che Matteo Renzi sta riscuotendo è dovuto essenzialmente alla capacità che il sindaco di Firenze ha avuto di prospettare un cambiamento radicale del PD come premessa per un più generale cambiamento della politica italiana. Perché ciò accada, Renzi deve prima conquistare la leadership del partito e poi conquistare i voti necessari per battere il centrodestra e il pericoloso qualunquismo che si diffonde in vari strati del paese.

Decreto del Lavoro: è stato un fallimento?

Scritto da Salvatore Capasso Il . Inserito in Il Palazzo

Capasso lavoro

E’ stato un susseguirsi di commenti allarmati culminati nella condanna sberleffo di Grillo che non perde occasione per saltare alla giugulare del governo. Gli effetti del Decreto del lavoro di giugno sembra siano stati miseri. Lo ricordiamo, il Ministro Giovannini attraverso le misure contenute nel Decreto prevedeva di agevolare l’assunzione di 200 mila giovani. Al 31 ottobre le domande di assunzione sembrano essere state scarse, 14 mila, ben sotto quindi la soglia obiettivo indicata da Giovannini. Nei dettagli il Decreto prevede lo stanziamento di 794 milioni di euro da impiegare nel quadriennio 2013-2016 per l’assunzione di giovani fino a 29 anni.

Il sesto quesito bocciato

Scritto da Umberto De Gregorio Il . Inserito in Il Palazzo

De gregorio 6

Cinque quesiti sono stati accolti. Il sesto quesito è stato bocciato. In relazione al sesto quesito osserviamo che le ipotesi in cui i quesiti referendari possono essere dichiarati inammissibili sono tassative e riguardano le materie di imposte, tasse, corrispettivi, tariffe, atti di designazione, nomina, revoca, ovvero concernenti il personale o la salvaguardia dei diritti delle minoranze o degli immigrati.

Le primarie PD in Basilicata e il rischio “Gattopardo”

Scritto da Roberto Calise Il . Inserito in Il Palazzo

Le primarie, queste maledette. Con tutta probabilità, un pensiero simile è balenato nella testa di molti dirigenti del PD lucano la sera dello scorso 22 settembre 2013, quando la vittoria di Marcello Pittella, l’uomo “anti-apparato”, era ormai chiara. Quello della Basilicata è un caso tutt’altro che inusuale. Come ci ricorda anche il professor Mauro Calise nel suo ultimo libro, “Fuorigioco. La sinistra contro i suoi leader” (154 pagine, Laterza, Bari, 2013), lo strumento delle primarie si rivolta spesso contro chi viene identificato come appartenente alla “vecchia politica”.

Quando gli SLOGAN sostituiscono i CONTENUTI: "NO ALL'INCENERITORE!"

Scritto da Francesca Scarpato Il . Inserito in Il Palazzo

MIO ACERRA

Un bel po' di tempo fa qualcuno definiva noi Italiani un popolo di santi, poeti e navigatori eppure io, oggi, ci aggiungerei anche di demagoghi e populisti dal momento che la verità non interessa più a nessuno e l'argomentare è divenuto solo un verbo dal senso oscuro ai più. Slogan di ogni tipo e forma passano veloci di bocca in bocca divenendo parte del lessico quotidiano di ciascuno di noi ma la domanda a questo punto è una: che fine hanno fatto i contenuti? 

E faccio un esempio (non a caso) su tutti: NO ALL'INCENERITORE. Ecco. No all'inceneritore. Cosa ci potrebbe essere di più giusto da dire! No all'inceneritore. Ineccepibile!

A QUALCUNO PIACE CALDO(ro)!

Scritto da Francesca Scarpato Il . Inserito in Il Palazzo

mio

Giusto qualche giorno fa mi è capitato di ascoltare uno stralcio del discorso tenuto dall’attuale Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, durante l’ultima seduta del Consiglio Regionale e, ne scrivo perché mi ha particolarmente colpito la parte in cui, affrontando la questione ambientale campana tanto alla ribalta nelle ultime settimane finanche al livello nazionale, ha affermato che “l’obiettivo (di chi? Non mi è ancora ben chiaro nonostante lo abbia ascoltato più e più volte) è quello di generare confusione” sull’argomento rifiuti.