fbpx

Il Pallonetto

Il nome di un quartiere, che è anche il nome di un gesto tecnico: tutti gli sport dell’area napoletana, con un occhio di riguardo al calcio, per molti la prima vera passione della vita.

Il derby dell'identità

Scritto da Gabriele Esposito Il . Inserito in Il Pallonetto

identità

A sei mesi dagli incidenti di Roma, che hanno portato alla morte del giovane tifoso napoletano, Ciro Esposito, va in scena, in un San Paolo vuoto per metà, senza tifosi ospiti, il derby del Sud tra Napoli e Roma. Il ricordo di Ciro e la preoccupazione per eventuali ripercussioni o rivendicazioni, ha spinto l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, di concerto con gli altri Organi preposti, a vietare la trasferta ai tifosi giallorossi, attraverso il divieto di acquisto per l’incontro a residenti nel Lazio.

Callejon come Virdis, gol sbagliati e Equitalia tormentano i napoletani

Scritto da Giuseppe Pedersoli Il . Inserito in Il Pallonetto

corr18 21348 immagine obig

Iniziamo dalla fine? “Quanto al Napoli, se si sbagliano gol come ha fatto Callejon è duro dar la colpa all’allenatore”. A Gianni Mura su Repubblica, voto 10 con due lodi. Per i mie coetanei: Pietro Paolo Virdis andò via dalla Juve dopo un clamoroso gol mancato nel derby col Torino. L’avvocato Agnelli disse che anche lui (con un noto problema di zoppìa) avrebbe segnato quel gol e Virdis fece la sua fortuna.

Gli ultrà e la ripresa del campionato

Scritto da Gabriele Esposito Il . Inserito in Il Pallonetto

Ultras Campionato Ciro Napoli

Novanta giorni senza campionato, seppur intervallati dalla parentesi disastrosa del Mondiale brasiliano, hanno rappresentato per i tifosi di calcio una lunga e noiosa partita da guardare, in attesa della ripresa alle normali attività domenicali ed infrasettimanali. Mogli, fidanzate, suocere, figlie e chi più ne ha più ne metta, da giugno a fine agosto hanno occupato il tempo e lo spazio dei più sfegatati sostenitori, con viaggi, cene, pulizie di casa, cinema, teatro, passeggiate e chiacchierate in divano, davanti ad una tv spenta, in segno di lutto, per la fine del campionato.

L’eredità di Ciro

Scritto da Gabriele Esposito Il . Inserito in Il Pallonetto

Ciro-Esposito-funerali

Ad una settimana dai funerali, Ciro Esposito, il tifoso del Napoli morto a seguito degli scontri a seguito della finale di Coppa Italia del 4 maggio scorso a Roma, continua a parlare attraverso le voci di amici, parenti, tifosi.

Ciao Ciro

Scritto da Gabriele Esposito Il . Inserito in Il Pallonetto

ciroesp

Ciro non ce l’ha fatta. Mercoledi 25 Giugno alle ore 6,39 il suo cuore ha smesso di battere. Il giovane supporter partenopeo, ferito a seguito degli incidenti dello scorso 3 maggio a Roma, per la finale di coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, era ricoverato al Policlinico Gemelli nel reparto di rianimazione e le sue condizioni risultavano già critiche nella giornata di Martedi, tant’è che in rete, tra bufale ed odio razziale, la notizia già trapelava.

Chi salva Napoli?

Scritto da Gabriele Esposito Il . Inserito in Il Pallonetto

esposspeziale

Ad un mese dai fatti di Roma, la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina ha lasciato ancora tanti quesiti irrisolti, così, la fondazione Sudd di Antonio Bassolino ha organizzato, lo scorso 4 giugno 2014, una tavola rotonda che ha visto tra i protagonisti l’avvocato Claudio Botti, ideatore del Te Diegum, Massimiliano Gallo, fondatore del giornale on-line Napolista, Claudio Velardi, i giornalisti Vittorio Zambardino, Anna Trieste, ed il filosofo Biagio de Giovanni. 

Cosa avete fatto al mio amato calcio?

Scritto da Mariano Paolozzi Il . Inserito in Il Pallonetto

PaolozziNapoliBologna

Domenica al Dall’Ara di Bologna sono successi due fatti gravissimi, ma soprattutto agghiaccianti per insensatezza e bizzarria. Un gruppo più o meno numeroso di ultras bolognesi ha esposto uno striscione razzista contro il Napoli e i napoletani che recitava “sarà un piacere quando il Vesuvio farà il suo dovere”, intonando i soliti cori razzisti contro i tifosi azzurri e, ciliegina sulla torna, hanno fischiato la canzone Caruso del loro Lucio Dalla suonata prima del match dalla dirigenza rossoblù per gettare un ponte di amicizia e gemellaggio fra le due controparti.

Lo Sport e i Diritti Civili

Scritto da Manlio Converti Il . Inserito in Il Pallonetto

Manliosport

Sappiamo tutti benissimo che lo sport veicola emozioni forti e con esse tematiche popolari di grande impatto. Sappiamo anche che in Italia questo si traduce spesso in comportamenti aggressivi e violenti da parte di alcuni tifosi che si organizzano esplicitamente per lanciare messaggi razzisti o per fare violenza fuori e dentro gli stadi.

Salernitana-Nocerina: il “rispetto” e la “fede”

Scritto da Mauro Malafronte Il . Inserito in Il Pallonetto

malafronteNocerina

Forse chi non frequenta lo stadio non lo può capire, ma quel 10 novembre, a Salerno, non c’era possibilità di fare calcio. La Lega Pro, nome orribile per indicare la vecchia “Serie C”, ha ancora una dimensione umana: gli stadi sono spesso piccoli e ci si conosce più o meno tutti, la numerazione dei giocatori ha ancora un senso compiuto, dall’uno all’undici, con un intero pubblico spesso aggrappato all’invenzione del” dieci”, quello che ha i capelli un po’ lunghi, qualche tatuaggio e dei piedi che “pensano”, a dispetto dei “muratori” con il numero cinque e sei.

C'era una volta...

Scritto da Giorgio Gravier Il . Inserito in Il Pallonetto

2013.12.12 - Cera una volta

Un vecchio faceva il cammino con il figlio giovinetto. Il padre e il figlio avevano un unico piccolo asinello: a turno venivano portati dall'asino ed alleviavano la fatica del percorso. Mentre il padre veniva portato e il figlio procedeva con i suoi piedi, i passanti li schernivano: "Ecco," dicevano "un vecchietto moribondo e inutile, mentre risparmia la sua salute, fa ammalare un bel giovinetto". Il vecchio saltò giù e fece salire al suo posto il figlio suo malgrado. La folla dei viandanti borbottò: "Ecco, un giovinetto pigro e sanissimo, mentre indulge alla sua pigrizia, ammazza il padre decrepito". Egli, vinto dalla vergogna, costringe il padre a salire sull'asino. Così sono portati entrambi dall'unico quadrupede: il borbottìo dei passanti e l'indignazione si accresce, perché un unico piccolo animale era montato da due persone. Allora parimenti padre e figlio scendono e procedono a piedi  con l'asinello libero. Allora sì che si sente lo scherno e il riso di tutti: "Due asini, mentre risparmiano uno, non risparmiano se stessi". Allora il padre disse: "Vedi figlio: nulla è approvato da tutti; ora ritorneremo al nostro vecchio modo di comportarci".

Il Carnevale settimanale

Scritto da Giorgio Gravier Il . Inserito in Il Pallonetto

2013.12.04 - Il Carnevale settimanale

Da qualche mese, complice anche un pizzico d’invidia per i risultati sportivi ottenuti negli anni recenti, si è diffusa sugli spalti di tutta Italia la tendenza a prendere particolarmente di mira i tifosi partenopei con una serie di cori, poco lusinghieri. Come già ricordato in un recente articolo, non vi è in realtà in questo tipo di manifestazione nessuna novità, essendo questo tipo di cori una manifestazione del tifo italico da sempre legata al mondo del pallone e non solo.