Il Pallonetto

Il nome di un quartiere, che è anche il nome di un gesto tecnico: tutti gli sport dell’area napoletana, con un occhio di riguardo al calcio, per molti la prima vera passione della vita.

Dal miracolo alla normalità : ecco il nuovo Napoli targato Ancelotti

Scritto da Simone Santacroce Il . Inserito in Il Pallonetto

santacroce

Napoli-Parma 3 a 0. Una partita come le altre verrebbe da pensare eppure proprio in questa partita è avvenuta la definitiva scissione con il più recente passato sarrista.
Nove cambi di formazione rispetto alla scorsa giornata, uso massiccio del turnover, tutta la rosa che viene finalmente sfruttata ma soprattutto tanta ma tanta normalità.

Verso Juventus - Napoli

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO

Scrivi Juventus-Napoli e pensi subito a Gonzalo Higuain. Aveva quattro mesi e una settimana l'argentino il 17 aprile 1988, quando i partenopei vennero sconfitti al Comunale. Il vice allenatore era Domenico Casati, il quale da calciatore ha indossato la casacca della Vecchia Signora -due volte- nel campionato antecedente il Mondiale in Cile.

“Siamo quasi pronti!”

Scritto da Emanuele Russo Il . Inserito in Il Pallonetto

253px Carlo Ancelotti 2016 cropped

Questa è la frase detta da Carlo Ancelotti al termine della partita all’Olimpico di Torino contro i granata, vinta con il risultato di 3-1 (4’ Insigne, 20’ Verdi, 51’ Belotti, 59’ Insigne) a favore della squadra partenopea, sfoggiando una grande prestazione.

Lo sport non è questo!

Scritto da Emanuele Russo Il . Inserito in Il Pallonetto

632juventus douglas costa di francesco

Episodio vergognoso capitato domenica durante il match di campionato, disputato all’Allianz Stadium, tra Juventus e Sassuolo.
Protagonista Douglas costa, centrocampista della Juventus , che sin dal suo ingresso in campo ha fatto notare di non avere i nervi saldi, mettendo in atto comportamenti non giustificabili nei confronti dell’ex bologna Federico Di Francesco, D. Costa poi espulso successivamente con l’ausilio del Var.

Il domani di Spalletti

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO Spalletti

''Il grande mare che avremmo traversato'', canta Ivano Fossati. Quello di Amburgo, dove otto anni fa si è disputata la finale di Europa League. La prima con l'attuale denominazione. Un brano che si adatta bene a Luciano Spalletti. O meglio alle rotte dell'uomo di Certaldo al timone delle squadre italiane più blasonate.

Aspettando Torino - Napoli

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO Torino Napoli

''Napoli non va male perché hanno comperato Savoldi, ma perché non possono vendere i Gava. E non spetta a Ferlaino risolvere i problemi della città. Lui deve organizzare la migliore formazione degli azzurri.

Una follia che costa!

Scritto da Matteo Zapelli Il . Inserito in Il Pallonetto

juventus 1123439supereva

Gli ultimi dieci minuti della partita tra Juventus e Sassuolo valevole per il campionato di Serie A sono stati da esempio di tutto ciò che nel calcio andrebbe condannato e hanno gettato giustamente ombre sulla vittoria e il risultato ottenuto dai bianconeri.

Napoli Charlatans: continua l’invasione

Scritto da Andrea Esposito Il . Inserito in Il Pallonetto

monteruscello

Sono arrivati a quota 15 canestri installati tra Napoli e Pozzuoli. Giancarlo Garraffa ci racconta in esclusiva l’emozione dell’ultima inaugurazione tenutasi domenica scorsa a Monteruscello con un grande ospite.
Due anni fa sembrava un sogno troppo ottimistico per tramutarlo in realtà, ma ora dopo tanto impegno e olio di gomito quel sogno è divenuto realtà. I Napoli Charlatans, con l’ausilio della onlus DAREFUTURO, stanno invadendo Napoli e Pozzuoli di canestri. Ma chiamarli semplicemente “canestri” è riduttivo. Domenica scorsa a Pozzuoli, più precisamente a Via Modigliani, si è tenuta l’inaugurazione del terzo playground puteolano (dopo quello di Via Napoli e quello del Rione Toiano) e a raccontarci l’evento è proprio Giancarlo Garraffa, forse la vera anima dei Charlatans con tutto il suo staff.

Storie di Pinzolo

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO

Non era ancora tornato a Bogliasco Fabio Quagliarella nell'estate 2015, quando il 'Baciccia' scelse Pinzolo per la seconda parte della preparazione estiva. La Sampdoria aveva riabbracciato Walter Zenga (come allenatore) ma 'Deltaplano' -primo soprannome, coniato da Gianni Brera- non terminò la stagione sulla panchina blucerchiata.

Napoli Basket: finalmente si inizia

Scritto da Andrea Esposito Il . Inserito in Il Pallonetto

ESPOSITO

Dopo un’estate a dir poco turbolenta, complice il cambio di presidenza (passata da Ciro Ruggiero a Federico Grassi, coadiuvato da Francesco Tavassi), è iniziato finalmente il ritiro della squadra sotto gli ordini di coach Lulli e dei vice Trojano e Tagliaferri presso il Palazzetto dello Sport di Casalnuovo.

Juve, Milan e Napoli

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

Hamrin

Quando mezzo secolo fa il Napoli otteneva il miglior piazzamento nella massima serie (non era mai andato oltre il terzo posto), Malatrasi festeggiava il terzo tricolore, il nono della storia rossonera.

Tra patria ed Europa

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

Ajax

Ciak si gira. Alla conquista del Vecchio Continente, dopo l'abbuffata tricolore. C'era una volta l'Inter dominatrice nello Stivale ma balbettante in Europa e così nella prima stagione alla Pinetina (ultima di CR7 in Inghilterra) José Mourinho capì come rafforzare la Beneamata dopo l'eliminazione di Manchester: missione compiuta.

Napol...il Bari

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

Cané

Lo stadio San Nicola e quello di Fuorigrotta distano circa duecentosessantasei chilometri. Gli impianti che hanno ospitato -anche- le gare del gruppo B al Mondiale '90 (tranne il match inaugurale).

Gli avversari del Napoli e i loro tecnici

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

Gullit

Bonucci e il possibile ritorno alla Juventus? Dodici mesi fa Leo aveva salutato il capoluogo sabaudo cinquant'anni dopo il chiarimento tra Edmondo Fabbri e Gigi Meroni. E nel 1967 si chiudeva il ciclo della Grande Inter, nell'ultima stagione nerazzurra di Armando Picchi: il capitano di quella squadra che però aveva uno scarso feeling con il tecnico.

Banner AIRC