fbpx

La gravidanza e’ possibile anche con la sclerosi multipla

Scritto da Alessandra Mugnolo Il . Inserito in Vac 'e Press

686832DA-1A89-4EDE-8DCA-C4585C8CD9D0
Programmare una gravidanza con la Sclerosi Multipla è possibile e parte proprio dalla Seconda Università degli Studi di Napoli (SUN) con il Prof.ssore Gioacchino Tedeschi e collaboratori la campagna di promozione al concepimento diretta ai pazienti con storia clinica di Sclerosi Multipla. Ne parlano con noi il Prof.ssore Luigi Lavorgna e la Prof.ssoressa Simona Bonavita, specialisti in Neurologia.

• Da dove nasce il vostro progetto?
Prof.ssore Lavorgna: Il progetto è nato dall’esigenza di dover tranquillizzare molti dei nostri pazienti affetti da Sclerosi Multipla sulla possibilità di non solo avere figli, ma anche e soprattutto figli sani. La Sclerosi Multipla non è una malattia ereditaria e quindi trasmissibile madre-figlio\a o padre-figlio\a.
• In che cosa consiste il vostro impegno per la campagna ?
Prof.ssore Lavorgna: Stiamo selezionando donne gravide già affette da SM (Sclerosi Multipla) e compagne\mogli gravide di uomini già affetti da SM che saranno seguite dal punto di vista neurologico, fotografate ad arte e filmate durante la gestazione. Queste donne racconteranno la loro realtà di future mamme con SM, le loro emozioni, aspettative, paure, sogni. Il 4 Novembre a Milano presso il Circolo della Stampa avverrà la presentazione ufficiale insieme con la Professoressa Bonavita con la quale collaborerò per il contributo neurologico-specialistico, Edoardo Boncinelli genetista di fama internazionale, Alessandra Graziottin specialista in Ginecologia, Giovanni Corsello Presidente della Società Italiana di Pediatria (SIP).
• Per i nostri lettori che vorrebbero partecipare al Progetto oppure segnalarlo ad un amico cosa consiglia?
Prof.ssore Lavorgna: I lettori possono visitare il sito http://smsocialnetwork.com/site/ una sorta di minifacebook interamente dedicato al mondo della sclerosi multipla oppure visitare il canale Youtube e cercare tra i video dedicati alla SM.
• Venendo alla parte medica, cosa accade durante la gravidanza ad una paziente con Sclerosi Multipla?
Profe.ssoressa Bonavita: La gravidanza può essere considerata quasi una terapia naturale per una paziente con SM; dai nostri studi si è evinto che nel primo trimestre di gravidanza si registra una lieve ricaduta della patologia, nel secondo trimestre invece, le ricadute diminuiscono come nel trimestre di allattamento. Quindi considerando i nove mesi ed i tre di allattamento, non c’è nessuna differenza tra l’impatto che una gravidanza da sulla salute di una paziente affetta da SM rispetto ad una paziente non affetta da SM. La terapia farmacologica di prima linea è compatibile con il concepimento, quando la paziente scopre poi di essere in dolce attesa sospende la terapia.
• Quale impatto sul nascituro una madre con SM?
Prof.ssoressa Bonavita: Assolutamente trascurabile, unica cosa osservata è un basso peso, niente altro.
Ringrazio il Prof.ssore Lavorgna e la Prof.ssoressa Bonavita per avermi gentilmente rilasciato l’intervista e i colleghi da sx: Umberto Papace, Dario Troise, Manuela Nugnes, Valeria Panariello per le osservazioni mosse durante la stessa.