fbpx

SERENDIPITY: Un imprevisto che diviene certezza di successo

Scritto da Gabriele Esposito Il . Inserito in Teatro

acsi

Si spengono le luci e cala il sipario. L’ACSI danza, settore nazionale danza, ha dato il via alle attività formative con il campionato provinciale, competizione di danza a squadre e danze coreografiche, lo scorso 15 novembre al Teatro Lendi di Sant’Arpino. Al termine di questo percorso, il primo maggio 2016, ci sarà la finale nazionale, inserita nei percorsi del Giubileo, con una giuria di grande qualità e professionalità.

Serendipity Dance Luisa, partecipa a questo primo step selettivo, con la solita dedizione e passione, esibendosi con grazia, tecnica ed ardore interpretativo, cogliendo il plauso del presidente di giuria Samuel Peron. Le allieve della maestra Imma Fummo, ottengono la vittoria nelle categorie latino sincro batteria 7-9 anni ed in quella 10-12. Inoltre, la Serendipity si aggiudica la medaglia di bronzo nella batteria 3-6 anni. Infine, una delle allieve dell’associazione di via Ettore Bellini, Francesca Polverino (che concorreva nella batteria 10-12), allieva di Imma Fummo dall’età di 5 anni, è stata scelta per uno stage di tecnica latina di Peron e Samanta Togni.
Dino Carano, direttore artistico ACSI, ha ringraziato, dalle pagine Facebook, tutti i partecipanti che al teatro Lendi, che hanno danzato con il massimo della professionalità , applauditi da un pubblico attento e corretto. “Grazie ad una giuria professionale Aniello Schiano, Di Cola Daniele, Di Salvo Paola, Mola Pako Capuano, con presidente di giuria Samuel Peron, all'impeccabile direttore Antonio Ferrone al fotografo ACSI Antonio Azzurro”. Il direttore artistico conclude affermando, la non importanza del risultato ma del confronto, “l'importante è aver rispettato la danza”.
Entusiasta, stanca, ma raggiante, Imma Fummo, tra l’altro fine psicologa, afferma:“Il regalo mio più grande siete voi –rivolto alle sue allieve-. Grandi e piccole, mamme, compresa la mia. Il mio braccio destro Alessandra Fummo.” Felicissima, con “24 ore di assenza dai social”, di vedere “la mia bacheca piena”, rivolge un ultimo pensiero alle sue piccoline: “Siete ricche nell’animo bambine mie. Siete piene di voglia di crescere...e io lavorerò sempre per farvi vivere tutte le esperienze che nella danza, non ho potuto io. Buon inizio anno agonistico”.
Io che la conosco da tempo e la vedo, spesso, lavorare nel quotidiano, dico che il sacrificio paga. Unitamente alla passione ed all’amore per una disciplina, la danza, che ti tempra e ti fortifica, donandoti una marcia in più se ben guidati da seri professionisti, come Imma.