fbpx

‘O Curt: XV edizione del Festival Del Cortometraggio

Scritto da Lorenzo Riccio Il . Inserito in Cinema & TV

ocurt-napoli-banner

Seminari, esposizioni artistiche, incontri con attori e registi, retrospettive, e soprattutto la proiezione di trentanove cortometraggi: dal 18 novembre 2015, per tre giorni consecutivi, torna ‘O Curt, storico Festival napoletano dedicato al cinema breve, promosso dall’Assessorato ai Giovani e Politiche Giovanili del Comune di Napoli che si terrà presso Palazzo Le Grenoble (via Crispi, 86), il Palazzo delle Arti di Napoli (via dei Mille, 60) e l’Instituto Cervantes (via Nazario Sauro, 23).

Nato nel 1996 originariamente per i giovani film-maker Napoletani come vetrina locale, da un'idea della Mediateca Comunale “Santa Sofia”, il festival giunto ormai alla XV edizione è diventato un momento di unione e condivisone delle variopinte esperienze cinematografiche maturate in tutto il mondo. 

L’attenzione per il contesto locale, contaminata dallo studio del cinema che non ammette confini è ben presto andata oltre i confini geografici, e così ’O Curt si è trovato quasi da subito a parlare più lingue, grazie anche al contributo attivo degli istituti di cultura, ancora oggi ampiamente protagonisti dell’evento, seguendo da vicino l’evoluzione della fruizione del mondo audiovisivo. La XIV edizione del Festival del cortometraggio 'O Curt, organizzata dall'Associazione culturale "Tycho", è un'iniziativa del progetto “Napoli Città Giovane: i giovani costruiscono il futuro della Città”, realizzato nell'ambito dei Piani Locali Giovani-Città Metropolitane, promossi e sostenuti dal Dipartimento della Gioventù - Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Il programma della XV edizione, presentato alla stampa giovedì 12 novembre nella Sala Pignatiello di Palazzo San Giacomo, ha affascinato per la varietà dei cortometraggi presenti. Particolare attenzione merita la provenienza dei cortometraggi in concorso; l’organizzazione ha voluto creare un programma con un ampio respiro internazionale per ribadire ancora una volta che lo “straniero” non è un nemico, pensiero reso ancor più centrale a causa degli avvenimenti degli ultimi giorni: saranno proiettati filmati giunti da tutto il mondo, soprattutto dal Medio Oriente, in lingua originale con sottotitoli.

Quest’anno il programma precede ben cinque sezioni competitive con ’O Curt internazionale riservato a corti di autori nazionali ed internazionali, ’O Curt Internazionale Animazione, per cortometraggi d’animazione, ’O Curt Nazionale per la nuova produzione italiana, ’O Curt Napoli per “corti” di autori campani ed infine Educational per i lavori nati nelle scuole, di cui addirittura alcuni provenienti da scuole elementari. Non mancherà anche l’esposizione delle migliori foto di scena dai set cinematografici italiani.

Spazi d’autore per due grandi artisti del ‘900, Jean-Luc Godard (Parigi, 3 dicembre 1930) regista, sceneggiatore, montatore e critico cinematografico francese e Salvatore Piscicelli, che sarà presente al festival, precursore della scuola cinematografica napoletana che negli anni ‘80 e ‘90 ha dato luce film che hanno rappresentato la citta di Napoli in un modo nuovo. In particolare sono quattro i film previsti per l’omaggio al caposcuola della nuova cinematografia napoletana: Immacolata e Concetta, in scena Giovedì 19 novembre al PAN alle Ore 16 e Le occasioni di Rosa in scena alle ore 19, Regina proiettato Sabato 21 novembre presso il PAN alle Ore 17,45 e Il corpo dell’anima, in scena da oggi mercoledì 18 novembre presso l’Institut Français Napoli Grenoble alle ore 21.30.
Numerose le proiezioni fuori concorso con vetrine dedicate al meglio della produzione internazionale di cortometraggi, nonché la partecipazione dell’istituto Goethe con la sua selezione di cortometraggi tedeschi.

La giuria sarà presieduta da un ospite di eccezione, Sergio Castellitto, che nel corso della rassegna incontrerà il pubblico come gli altri giurati, cui si affiancheranno l’attore Massimiliano Gallo, il regista e fumettista Andrea Scoppetta, la direttrice della fotografia Francesca Amitrano, l’attrice Cristina Donadio, la documentarista Marinella Ioime, il critico cinematografico Salvatore Marfella e la dirigente scolastica Silvana Casertano. L’incontro con Sergio Castellitto, aperto al pubblico senza necessità di prenotazione in una sala dalla capienza limitata di soli 100 posti, si svolgerà sabato 21 novembre alle ore 20 presso l’Istituto Grenoble e consisterà in una conversazione sulla sua esperienza nel mondo dello spettacolo ripercorrendone i momenti salienti, al termine della quale verranno decretati e premiati i cortometraggi vincitori di 'O Curt 2015.


Per ulteriori informazioni: