fbpx

Ago&Filo: l'anima della cultura

Scritto da Giuseppe Cozzolino Il . Inserito in Teatro

ago e filo

La cultura rappresenta l’elemento distintivo di un popolo, senza di essa, il limen delle civiltà diverrebbe assai labile. Ci definiamo popolo in base alle esperienze passate, di chi ci ha preceduto, facendoci trasportare in quel wormhole immaginario che lega il passato al presente, proiettandolo nel futuro.

Da qui, in maniera tanto istintuale che cognitiva, la Compagnia Teatrale Ago&Filo, dopo il successo pre-natalizio di “Buon Compleanno Topo…Lino”, al Teatro Bolivàr di Napoli, è pronta ad una nuova avventura artistica “La Cena del Venerdì…anche i quadri hanno un’anima”.
Una chiacchierata con il cast mi ha fatto comprendere quanti sacrifici risiedano dietro la preparazione di un’opera così complessa, dove attori e ballerine, in una perfetta osmosi scenica danno vita ad uno spettacolo dove vincerà l’amore per la cultura e combattuto il gioco d’azzardo.
Gli autori della “Cena”, Gino Tramontano e Diego Rossi, mi raccontano con orgoglio della loro nuova creatura: “ambientata in un museo, di un piccolo paesino, dove vengono custodite le opere di un grande pittore (Josef Crn), rappresenta il pretesto per organizzare una narrativa costruttiva, velata da sano umorismo tradizional-napoletano, riguardo la problematica della chiusura dei teatri. Noi siamo giovani, ancora, e vogliamo vivere di cultura e teatro, meno di ipermercati e sale bingo. La Cena del Venerdì lotta anche gli stereotipi negativi attraverso l’utilizzo della parafrasi edoardiana e plautina, dell’inganno del servo che riesce a solare il padrone. Il tutto condito da tante risate, personaggi bizzarri e musiche inedite bellissime (composte da Tramontano n.d.r.)”
Come ci ricorda il coordinatore di questo giovane gruppo attoriale, Gabriele Esposito “il processo di crescita di Ago&Filo continua. In questo spettacolo verranno affrontate tematiche molto delicate ed attualissime, pur mantenendo una semantica istintuale, leggera e diretta. Ogni battuta è pervasa da un sardonico umorismo che vela una forma di costruttivismo culturale. Le musiche sono eccezionali, incalzanti e magiche… Questo lavoro oscilla tra il serio ed il faceto, tra la tragedia e la risata, tra il mistico ed il comico, tenendo lo spettatore per circa un’ora ed un quarto incollato sulla sedia.”
Le coreografie, curate da Roberta Bocchetti direttrice di “Anima&Danza, arte musical e spettacolo” rappresentano la giusta cornice ed abbellimento di questa fotografia teatrale. Roberta, solare ed emozionata ci spiega come “ho accettato subito questa collaborazione con grande entusiasmo, in quanto il progetto mi ha colpito subito. Con la mia scuola, dove la danza è materia principe, in tutti i suoi diversi stili, attraverso l’integrazione di discipline come il canto, il tiptap e la recitazione, vuole fornire tutte le skills formative adatte a costruire gli artisti di domani, per il mondo dello spettacolo e del musical, in particolare. Vedere le mie allieve in questo show è un grande motivo d’orgoglio.”
Il cast de “La cena del Venerdì…anche i quadri hanno un’anima” è così composto: Lucy Greco (Guida) Andrea Pisciotta (Custode) Rosario Di Matteo (Aldo) Sara Scarparo (Sofia) Salvatore Di Matteo (Il Pescatore), Roberta D’Alessandro (Brigida) Marco Maggio (Giulio) Diego Rossi (Gastone) Gabriele Esposito (Felice), Mario Ramondini (Il Sindaco) e il corpo di ballo di Anima&Danza (Bocchetti Marcella, Cacialli Manuela, De Campos Giuliana, Esposito Gilda, Esposito Emanuela, Evangelista Simona, Palumbo Cristiana, Porrino Francesca, Sacco Federica, Salcino Nunzia e Tammaro Luisa). Le coreografie sono di Roberta Bocchetti, il trucco è curato da Giuliana Ruggiero, La costumeria è gestita da Lucia Chiacchio (che avrà anche un cameo iniziale) e La regia è di Diego Rossi e Gino Tramontano.
Il 7 maggio alle h 21 al teatro Bolivàr, sito in via Bartolomeo Caracciolo 30, nei pressi della metropolitana di Mater Dei, “La cena del venerdi…anche i quadri hanno un’anima” vi aspetta, ma affrettatevi, come ricorda l’organizzazione, i posti sono già in esaurimento. Per informazioni contattate direttamente la pagina FB di Ago&Filo, l’anima della cultura.