fbpx

Marijuana legale: passo giusto o immorale?

Scritto da Emanuela Ferone Il . Inserito in Vac 'e Press

cannabis

Posta in questi termini, potrebbe sembrare una domanda spinosa. E per certi versi lo è. È da una tematica così controversa che si è partiti in un pomeriggio di un venerdì. È il titolo dell’iniziativa che i Giovani Democratici di Ercolano hanno organizzato per parlare della proposta di legge sulla legalizzazione delle droghe leggere.

Questo evento ha visto la partecipazione di numerosi ospiti; partendo dai più illustri come l’onorevole Leonardo Impegno, promotore della proposta di legge, il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto e del segretario di circolo Piero Sabbarese. Ma i Gd sono stati il fulcro da cui è partito il dibattito.
Si è cercato di dare un approccio dal punto di vista farmacologico e quindi terapeutico con la segretaria del Gd Ercolano Mariateresa Scognamiglio nonché farmacista la quale ha spiegato in che modo la cannabis possa portare giovamenti ed un apporto significativo in cure farmacologiche per particolari patologie. Contributo tecnico lo hanno conferito, invece, sia il responsabile legalità Gd Ercolano Walter Ivan Mancini che Simone Sangiovanni, responsabile legalità Gd Campania. Se il primo ha parlato di straordinarietà dell’evento in sé, averne parlato all’interno di una camera parlamentare di una tematica così controversa non può che far auspicare ad una Italia sempre più volta al futuro ed inoltre il timore che la legalizzazione possa portare ad un uso sempre più smodato è sicuramente uno dei falsi miti che aleggiano su questa proposta. Ma basti pensare che l’uso di droghe tra le nuove generazioni è sempre più in voga di questi tempi. Sangiovanni invece sottolinea che ‘legalizzare la cannabis vuol dire controllare la qualità del prodotto immesso sul mercato, assicurarsi le entrate economiche e snellire i procedimenti giudiziari. Il secondo aspetto ci viene offerto dal confronto con il Colorado dove l'industria emersa dalla legalizzazione ha prodotto 40mila posti di lavoro.’ Ma colui che ha messo ‘i puntini sulle i’ chiarendo gli aspetti e l’effettività della approvazione della legge è stato l’onorevole Leonardo Impegno, componente della X Commissione per le Attività produttive, Commercio e Turismo che ha dato degli spunti, delle possibili soluzioni che auspica possano rivelarsi a favore della lotta alla criminalità proprio perché la legalizzazione delle droghe è un importante passo in tal senso; “Legalizzare non significa incentivare o promuovere ma significa regolamentare, controllare e addirittura proteggere” come ci ha tenuto a sottolineare Impegno. In casi come questo, legiferare serve a tutelare, non sprona all’utilizzo grossolano e facilitato ma disciplina un comportamento, limitandone gli eccessi e gli abusi. Basti pensare che entrò nel merito della questione Roberto Saviano dichiarando: “Le droghe leggere sono merce di scambio tra terroristi e organizzazioni criminali. Per questo la legalizzazione indebolirà le mafie”. Quindi a favore di una legge che punta a colpire chi vi lucra ma che si prefigga come obiettivo primo di supervisionare e regolamentare coloro che sono fruitori, quali minorenni e giovani, legiferare in maniera responsabile è un approccio coscienzioso e giusto. #Accendiamola è la campagna dei Gd Campania, promossa in primis dalla segretaria Francesca Scarpato, che si è ben sposata con l’evento organizzato dai Gd Ercolano, evento che ha rappresentato una delle prime tappe del tour che tale organizzazione si è prefissa di continuare per far conoscere questa proposta di legge. Obiettivo fondamentale è quello di uscire dai partiti e far capire che legiferare rappresenta una possibile soluzione, ma informare né è uno ancora più doverosa e già parlarne in un Paese come l’Italia, che ci ha messo anni per approvare una legge sui diritti civili è qualcosa che ha dello straordinario, poter fare un ulteriore passo in avanti è segno di cambiamento per un paese che cerca di guardare avanti, con un piede nel presente e uno nel futuro.

 

 

Intervista a Marco Gentili. Sul tema dei diritti c’è ancora tanto da fare

 

Di vigna e di terra, di modernità e di radici: ecco perché il vino ci salverà

 

Libero video in libera rete. Che non si abbiano mai più vittime innocenti come Tiziana Cantone.

Intervista a Filomena Gallo, Segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica.

Arriva alla Camera la legalizzazione della cannabis: ecco cosa prevede