fbpx

Insigne e il Napoli ripartono da Udine: 1-2 e tabú sfatato

Scritto da Simone Santacroce Il . Inserito in Il Pallonetto

insigne

Ci sono partite che valgono più di altre e questa era una di quelle, inutile negarlo. Il Napoli doveva vincere sul sempre ostico campo dell'Udinese (dove non vinceva dal lontano 2007) per uscire dal momento difficile che stava attraversando e, grazie ad un ritrovato Insigne, che non segnava da 223 giorni, lo ha fatto con personalità e cinismo seppur con la solita disattenzione difensiva che ha portato al gol i padroni di casa con Perica.

Proprio lo scugnizzo napoletano, che arrivava da settimane difficili dovute alle polemiche sul mancato rinnovo del contratto e alle critiche ricevute dopo le recenti prestazioni, ha trascinato il "suo" Napoli con una doppietta da bomber vero su quel campo dove nella passata stagione gli azzurri avevano detto addio al sogno scudetto e che quest'anno potrebbe rivelarsi invece un nuovo punto di inizio per la stagione dei partenopei. La banda di mister Sarri, ancora orfana del proprio bomber polacco Arkadiusz Milik, dimostra dunque ancora una volta che il bel gioco prima o poi porta a ottimi risultati e che, nonostante il mercato di Gennaio sia ancora piuttosto lontano, il Napoli ha già in casa i mezzi per continuare la propria (rin)corsa in campionato così come in Champions League e in Coppa Italia. Da sottolineare anche le eccellenti prestazioni dei diversi giovani (molti degli anni '90 come evidenziato da Sarri) che la squadra azzurra vanta nel proprio organico (su tutti spiccano i nomi del giovane ma già esperto terzino destro albanese Hysaj, dell'ormai leader della difesa Koulibaly, del neo acquisto Diawara e dell'ex Empoli Zielinski che continua a stupire tutti con i suoi numeri d'alta scuola) e che rappresentano il futuro della società del presidente De Laurentiis che appare ora più che mai roseo.

Sono emersi dunque in maniera evidente i progressi di questa squadra che si erano soltanto intravisti nelle ultime uscite e che dovranno essere confermati già dalle prossime partite.