fbpx

#TOCCALE: Conoscere l’autopalpazione come forma di prevenzione primaria per i tumori al seno

Scritto da Vittoria Ziviello Il . Inserito in Linea di Confine

Ziviello

In Italia, ad una donna su 8 viene diagnosticato il tumore al seno. Gli specialisti sostengono che, tuttavia, un dato così allarmante potrebbe essere tenuto sotto controllo e ridotto oltre il 20% se le donne iniziassero tutte ad avere un ruolo attivo nell’osservazione del proprio corpo, oltre che, naturalmente, adottare uno stile di vita sano a tutte le età.

Per incrementare l’efficacia della prevenzione del tumore al seno, una delle possibili armi di cui una donna può avvalersi è proprio l’Autopalpazione, un esame che ogni donna dovrebbe imparare a fare da sola. I medici consigliano di iniziare a farla già a partire dai 20 anni e di continuare almeno fino ai 60. Questa operazione consta di due fasi: una prima , di osservazione e una seconda, di palpazione.

OSSERVAZIONE

Si consiglia di collocarsi in piedi davanti allo specchio e si alzano prima le braccia in alto e poi si poggiano le mani sui fianchi ; questa posizione è ideale per osservare attentamente simmetria, forme, dimensioni ed eventuali sporgenze o rigonfiamenti. È necessario esaminarsi anche di profilo, per poter notare dei cambiamenti che altrimenti non sarebbero visibili in posizione frontale.

PALPAZIONE

In posizione supina, si alza un braccio per volta e l’altro esegue la manovra sul seno opposto. Bisogna esercitare una pressione uniforme su tuta la mammella con movimenti delicati ma decisi, andando dall’ esterno verso il centro: questi movimenti permettono di individuare la presenza di protuberanze sospette. Dopo di che bisogna formare dei cerchi concentrici, partendo dall’esterno sino al capezzolo, disegnando linee a raggiera che partono dal centro fino all’ascella e viceversa. Si consiglia di eseguire la palpazione dopo la fine del ciclo mestruale, quando il seno è più morbido e decongestionato dalla scarica ormonale.

L’autopalpazione è importante per imparare a conoscere il proprio seno, ma solo un esame medico e una mammografia possono individuare davvero gli eventuali sintomi di un tumore.