fbpx

Reggia Express: un treno d'epoca collega Napoli con la Reggia di Caserta

Scritto da Enrico Mezza Il . Inserito in Funiculì, funicolà

Reggia napoli caserta

Al di là della destinazione, ogni viaggio è prima facie un attraversamento, un percorso da compiere. E’ così anche per i viaggi nella storia, attraverso disegni, sculture ed opere ingegneristiche di ogni tempo. Ebbene, da Napoli a Caserta apre una nuova porta temporale, che parte dalla Stazione Garibaldi ed arriva in una delle più belle opere dei Vanvitelli.

In questa settimana, ha tagliato i nastri di partenza il “Reggia Extra”, locomotiva storica che collega Napoli Centrale alla Reggia di Caserta . Si tratta, però, di un treno speciale e, mai come stavolta, la visita inizia prima di cominciare. Il “Reggia Extra” offre al visitatore diversi servizi, non solo di utilità materiale, ma anche culturale e sociale. Questa, infatti, non è un comune veicolo, ma un’importante testimonianza della tradizione tranviaria italiana.

Quella della “Reggia Extra” è una locomotiva storica, degli anni ’30, assemblata con carrozze del ’20, integralmente restaurate, in modo fedele al loro aspetto originale. Si tratta di carrozze di tipo Centoporte e vetture Corbellini, che tornano a solcare i binari nazionali dopo quasi un secolo. Questo è il primo vantaggio del “Reggia Extra”: un viaggio comodo, funzionale ed assolutamente caratteristico. Come detto, però, non è l’unica utilità che offre il servizio. Alla discesa dalla carrozza, il viaggiatore dovrà stare attento a non cestinare il biglietto, perché valido per l’accesso alla Reggia.

Al prezzo di 18€, gli organizzatori non hanno previsto il solo percorso a/r da Napoli alla struttura vanvitelliana, ma altresì l’accesso alla stessa Reggia di Caserta. Accesso, invero, prioritario, senza necessità di ulteriori convalide, né file. Inoltre, compreso nel prezzo è prevista altresì la possibilità di utilizzare un’audioguida, utile per una più attenta visita del plesso architettonico. Ciò, tuttavia, non è ancora sufficiente.

Da un punto di vista generale, “Reggia Express” risponde a chiare linee guida di politica culturale, tese alla totale mobilitazione degli utenti. Il servizio è d’interesse non solo per il turismo interno, ma anche esterno. Collegare i diversi punti d’interesse culturale del territorio campano spinge ad una visione d’insieme del patrimonio artistico regionale. Inoltre, da un punto di vista esterno, abbatte alcune delle barriere che i turisti stranieri possono incontrare per visitare punti meno collegati con il centro. In quest’ottica, “Reggia Express” s’inserisce nel solco già tracciato da Capodimonte Shuttle, ed altre iniziative simili, che hanno interessato il territorio campano. Ma ciò, ancora, non basta.

Quella in esame è una locomotiva green, nel senso che permette a più di 300 visitatori di raggiungere il sito culturale senza emissione di anidride carbonica prodotta dalle auto a motore. Non verde, ma bianco latte, è infine il colore dell’ultima utilità del Reggia Express.

Sempre grazie a Reggia Express, sarà possibile partecipare ad alcuni work-shop enogastronomici, degustando eccellenze della produzione regionale, come la mozzarella di bufala d.o.p. Non resta, pertanto, che augurare buon viaggio!