fbpx

Pagellone 2016/17 : In attesa della prossima stagione tiriamo le somme di quella appena terminata

Scritto da Simone Santacroce Il . Inserito in Il Pallonetto

napoli squadra voti
Una stagione esaltante, seppur non terminata con il raggiungimento dell'agognato secondo posto, si è appena conclusa. Al Napoli autore di un calcio spettacolo vanno solo fatti i complimenti e un enorme grazie va a mister Sarri e ai suoi ragazzi per averci deliziato durante tutto l'anno. Ora, in attesa che la nuova stagione ricominci, tiriamo le somme di quella appena terminata.

REINA-Voto 6.5: Il numero 1 del Napoli,o per meglio dire il 25,non ha certo disputato la sua miglior stagione in carriera nonostante parate determinanti come in quel di Roma. Detto questo l'estremo difensore spagnolo ha dalla sua quell'esperienza che dentro e fuori dal campo è fondamentale all'interno di un gruppo giovane come quello azzurro. Inoltre un portiere con i piedi da regista raramente si incontra. Siamo certi che abbia dunque ancora molto da dare a questo Napoli.
RAFAEL-Voto 5: Non ha di certo avuto molto spazio quest'anno ma la sua grande chance in occasione di Napoli-Juventus l'ha avuta. Purtroppo il portiere brasiliano non l'ha sfruttata a dovere subendo un gol evitabile. La sua esperienza napoletana è agli sgoccioli e a lui va il nostra in bocca al lupo.
SEPE-S.V.: Il portiere napoletano e elemento cresciuto nel settore giovanile non ha avuto nessuna occasione di mettersi in mostra in questa stagione. Per il bene suo e quello del Napoli è giusto che vada a cercare spazio altrove.
KOULIBALY-Voto 8: Il leader indiscusso della retroguardia napoletana. Il gigante senegalese ha disputato un'altra ottima stagione sotto la guida di mister Sarri. Un difensore sul quale puntare e ormai di livello internazionale a cui andranno affiancati compagni di pari livello nella prossima sessione estiva di mercato. Attenzione alle sirene inglesi ma la volontà di Kalidou è chiara, restare a Napoli e vincere con questa maglia.
HYSAJ-Voto 7: Non un inizio eccezionale per il terzino albanese che ha forse pagato anche i molti impegni ravvicinati che lo hanno visto per la prima volta protagonista. Da sottolineare infatti il grande Europeo giocato con la sua Albania la scorsa estate. Ma dopo un inizio incerto si è rivisto l'Elseid dello scorso anno, un motore inesauribile lì sulla fascia destra. Sarà un titolare sicuramente anche nella prossima stagione.
ALBIOL-Voto 7: Altra grande stagione per il centrale spagnolo e la sua presenza è fondamentale al fianco di Koulibaly. Durante il periodo del suo infortunio la sua assenza si è fatta infatti notevolmente sentire. Non sappiamo se resterá all'ombra del Vesuvio anche il prossimo anno ma nel caso in cui decidesse di rimanere sarà quasi sicuramente lui il compagno di reparto di Koulibaly.
GHOULAM-Voto 6.5: Il solito Ghoulam che siamo abituati a vedere, formidabile in fase offensiva e distratto in quella difensiva. Quest'anno ha pagato dazio anche per aver disputato la sempre stressante Coppa D'Africa ma la sua stagione resta comunque positiva. È ancora in ballo il rinnovo del suo contratto e la sua permanenza è ancora in dubbio ma c'è una certezza. Terzini sinistri migliori di Ghoulam ce ne sono pochi in giro.
CHIRICHES-Voto 6: Spesso prima alternativa ai due centrali titolari. Un giocatore di esperienza che non ha mai fatto mancare il suo apporto. Una stagione tutto sommato positiva ma qualcosa di meglio in giro il Napoli potrebbe scovare. Da apprezzare comunque l'abnegazione e la tanta voglia messa sempre in campo dal gigante rumeno.
MAKSIMOVIC-Voto 5.5: Oggetto misterioso della stagione azzurra. Arrivato in pompa magna alle pendici del Vesuvio per 25 milioni di euro dal Torino sembrava dover essere il grande colpo del mercato partenopeo. Si è rivelato invece ancora un diamante grezzo che ha fatto solo intravedere qualcosa di buono. Spetterà a Sarri prepararlo al meglio in vista della prossima stagione.
TONELLI-Voto 6: Sfortuna. È questa la parola chiave per il difensore arrivato dall'Empoli. Fedelissimo di Sarri e ottima alternativa ha mostrato il suo valore nelle poche apparizioni stagionali dove ha regalato con due gol addirittura 6 punti agli azzurri. Purtroppo i numerosi infortuni che lo hanno fermato più volte durante l'anno ne hanno limitato l'impiego. Speriamo possa rendersi più utile l'anno prossimo.
STRINIC-Voto 6.5: Terzino part-time. Riserva più che ottima di Ghoulam che quando chiamato in causa ha sempre fornito ottime prestazioni. Una stagione nel complesso discreta che lo candida per un posto da co-titolare anche per la prossima stagione.
MAGGIO-Voto 8: Ok il voto è fin troppo alto per quanto dimostrato e per i minuti effettivamente giocati dal veterano azzurro ma siamo dichiaratamente di parte. Un grande uomo prima che un grande calciatore. Sempre al suo posto e mai una parola fuori luogo nonostante il poco minutaggio. Siamo forse agli addii ma in cuor nostro vorremmo vederlo ancora sfrecciare come una volta sulla fascia destra. Caro Christian sei ormai napoletano a metà dopo 9 anni e per il tuo attaccamento alla maglia ti saremo sempre grati.

ZIELINSKI-ROG-DIAWARA-Voto 7 : Li mettiamo insieme non a caso. Sono il presente e soprattutto il radioso futuro del centrocampo partenopeo. I tre colpi dello scorso mercato estivo che,seppur in tre arrivino a malapena a 60 anni,hanno già fatto vedere le loro grandissime qualità. Certo Zielinski in primis ha avuto più spazio ed è a tratti sembrato un giovane Hamsik. Diawara è uno dei migliori prospetti del calcio europeo e lo vedremo nei prossimi anni. Rog ha avuto meno spazio dei due compagni ma da febbraio in poi ha avuto modo di far capire di che pasta è fatto. La certezza è una. Il centrocampo azzurro è in una botta di ferro.
ALLAN-Voto 6.5 : Solito motorino del centrocampo. Giocatore dai mille polmoni e tuttofare li in mezzo al campo. Non avrà dei piedi alla Gerrard per intenderci ma riesce a compensare tanto con il cuore e la voglia. Un inizio altalenante ha lasciato spazio poi ad un'altra ottima stagione del mediano brasiliano. Continua cosi Marques.
JORGINHO-Voto 7 : Dopo un inizio di stagione non all'altezza delle aspettative create dal regista italo-brasiliano l'anno scorso il metronomo azzurro è tornato a dettare in maniera egregia i tempi della squadra. Spesso alternato al giovane Diawara ha saputo ritagliarsi anche quest'anno il suo spazio risultando numeri alla mano uno dei migliori registi del campionato. Unica pecca la poca efficacia in zona offensiva, qualche gol e sarà un centrocampista di ottimo livello.
GIACCHERINI-Voto 6: Poche occasioni per mettersi in mostra. Ha portato sicuramente tanta esperienza nello spogliatoio azzurro ma in campo ha trovato davvero poco spazio data la folta concorrenza. La sufficienza è però più che meritata anche alla luce dei gol di pregevole fattura messi a segno.
HAMSIK-Voto 9 : Lasciato appositamente per ultimo. Il capitano ha giocato probabilmente la sua miglior stagione in azzurro. Dopo 10 anni di Napoli Marek è ormai diventato il leader tecnico del centrocampo napoletano e chi meglio di lui potrà fare da chioccia ai giovani compagni di reparto. Stagione eccezionale per i gol (record di Maradona lontano solo due lunghezze), per gli assist ma soprattutto per la continuità di rendimento che spesso gli era mancata negli anni precedenti. Un condottiero che speriamo ci trascini verso traguardi importanti con la fascia al braccio.
MILIK-Voto 6.5/7 : Difficile essere precisi ed obiettivi in questo caso. Sappiamo tutti come è andata. Stagione iniziata alla grande con 7 gol e tre doppiette nonostante l'ombra di Higuain e poi...crack. Sul più bello il crociato salta durante una partita con la sua Polonia e lo tiene fermo per circa 5 mesi e mezzo. Un solo gol in casa del Sassuolo dal suo rientro ma non si poteva chiedere di più al centravanti polacco. D'altra parte ha trovato la concorrenza inaspettata del numero 14... Lo attendiamo dunque nella prossima stagione dove speriamo possa trovare continuità e gol.
INSIGNE-Voto 9.5 : Se la passata stagione si era accesa la miccia quest'anno è esplosa la bomba. Record di gol e assist personali non bastano a descrivere la stagione dello scugnizzo napoletano. Un percorso di maturazione incredibile quello dell'ex talento di Frattamaggiore. Ex talento non a caso visto che può ormai essere inserito nella ristretta cerchia dei fuoriclasse. Fresco anche di rinnovo sarà una delle colonne portanti di questo Napoli che dalla prossima stagione proverà a centrare il bersaglio grosso.
CALLEJON-Voto 8.5 : Abbiamo finito gli aggettivi per questo giocatore. Sembra avere a tratti il doppio o il triplo dei polmoni di un uomo normale e alla corsa e al sacrificio unisce una capacità di andare in rete e di fare assist fuori dal comune. Non è un caso se da quando arrivò a Napoli con Benitez e poi nei due anni di Sarri sia stato sempre un titolare fisso. Quando si vede è devastante, quando non si vede fidatevi, lui c'è. È li a fare il lavoro oscuro che tutti gli allenatori apprezzano. P.s. Avviso per le forze dell'ordine di Napoli. Se nei video di sorveglianza o nelle foto scattate dall'autovelox scorgerete una figura non identificata che corre in modo anormale non allarmatevi...è solo Jose Maria.
GABBIADINI-Voto 5 : Caro Manolo ti abbiamo sempre apprezzato, fino al tuo addio a Gennaio con destinazione Inghilterra. Un giocatore dalle qualità indubbie ma dalla personalità fin troppo fragile. In fondo non è stata solo colpa tua, non hai avuto la fiducia sufficiente nè la pazienza dell'ambiente, ma forse non eri pronto a ricevere una eredità così pesante come quella del numero 9 dell'anno scorso. Good luck Mr. Manolo!
PAVOLETTI-Voto 5 : Arrivato nel mercato invernale per sopperire alla mancanza di centravanti dopo l'addio di Gabbiadini e l'infortunio di Milik ma l'utilità di questo acquisto resta tutt'ora dubbia. Poche presenze e prestazioni non all'altezza hanno fatto si che la maggioranza dei tifosi lo etichettassero come "pacco". Non siamo del tutto d'accordo con questa valutazione ma sta di fatto che il Pavoletti visto al Genoa è lontano parente di quello arrivato a Gennaio a Napoli. Certo veniva da un brutto infortunio ma sembra non essersi per niente inserito negli schemi di Sarri. Vedremo se resterà, magari con una preparazione adeguata potrà rivelarsi utile nella prossima stagione.
MERTENS-Voto 14 : 14 si, non è un errore. 14 sia come il numero della sua maglia sia perchè il 10 non basta. C'è poco da discutere e da raccontare, i numeri parlano da soli. 33 gol stagionali tra campionato e coppe e un nuovo ruolo da "falso nueve" che ha ormai fatto suo. Il folletto belga ha sorpreso tutti e,approfittando del vuoto di potere venutosi a creare al centro dell'attacco azzurro,si è ritagliato il suo spazio andando a formare con Insigne e Callejon il tridente più prolifico d'Italia e tra i migliori d'Europa. Un rinnovo sudato il suo arrivato soltanto a fine stagione ma che pone le basi per il prossimo futuro. Lui così come gli altri ha un unico obiettivo adesso,vincere. Ha deciso di volerci provare con la maglia del Napoli e non ha intenzione di smettere di stupire, ne vedremo delle belle.

SARRI-Voto 10 : Ha fatto incetta di complimenti e premi quest'anno. Il suo Napoli esprime a detta di tutti il miglior gioco del campionato Italiano e forse uno dei migliori d'Europa. Il "Sarrismo" è diventato ormai una sorta di filosofia,un mantra neo-pagano che predica il bello, il divertimento e la voglia di vincere attraverso il divertimento stesso. Teniamoci stretto il nostro mister che come pochi incide oggettivamente sul gioco della sua squadra. L'ingranaggio creato dell'allenatore toscano, ma di origini napoletane, sembra ormai ben oliato e necessita solo di qualche piccola modifica per raggiungere la perfezione. Confidiamo in lui e nella società per continuare a divertirci e iniziare a sognare in grande...