fbpx

Universiadi 2019: sulle navi da crociera il viaggio degli atleti

Scritto da Antonio Zapelli Il .

universiadi

È ufficiale: occorrono quattro navi da piazzare al molo Beverello, per almeno 2500 posti letto, ossia per tutti gli atleti che prenderanno parte alle Universiadi 2019. Una decisione che ieri è stata "scoperta" e censurata dal gruppo regionale di Forza Italia, che ha reso nota la pubblicazione del relativo bando per la ricerca delle navi.

Il bando è stato pubblicato sul Burc lo scorso 22 maggio, ed è la prova, secondo i forzisti, del fatto che si è rinunciato alla possibilità di tirar su un Villaggio a Bagnoli e si sarebbe preferito commettere l'errore di "spendere oltre 26 milioni di euro, ben un milione di euro giorno, per noleggiare navi che il giorno successivo alla chiusura dei giochi salperanno dal porto di Napoli lasciandoci solo il ricordo di un caos annunciato".

Al di là delle valutazioni delle opposizioni in Regione, il bando apre la ricerca delle navi da adibire a alloggio. È previsto che si debbano trovare 10300 posti letto ordinari, cioè nessuna soluzione di rimpiazzo, come letti a castello o divani letto. Le navi ormeggeranno presso la Stazione Marittima per i 19 giorni della manifestazione (dal 27 giugno al 17 luglio) più due giorni per le operazioni tecniche. L'importo totale dell'appalto è di 21.995.082 euro, Iva compresa, per un costo di poco più di 2100 euro a posto letto. Le domande dovranno pervenire per via telematica al sito "http://fornitori.universiade2019napoli.it" entro le ore 18 del 21 giugno prossimo.

Va sottolineato che le navi serviranno soltanto come “albergo” degli sportivi, saranno infatti dei veri e propri hotel galleggianti. Ma, secondo Forza Italia, "la mancata osservanza di quanto stabilito dall'Accordo di Programma del luglio 2016 pone a serio rischio il trasferimento delle risorse necessarie, ovvero i famosi 100 milioni ". Si tratta dei fondi che vanno ancora assicurati, secondo quanto riferito appena nel marzo scorso dal ministro per il Mezzogiorno Claudio De Vincenti proprio in risposta a una interrogazione della parlamentare di Forza Italia Mara Carfagna. Per la precisione, sulle Universiadi pendono 170 milioni di impegni diretti della Regione e 140 da parte del governo. Di questi ultimi, 40 sono già assegnati alla Regione nel quadro del Patto per la Campania, mentre gli altri 100 vanno messi insieme fra Pon e Fondo coesione per il periodo 2014-2020.