fbpx

L'ANM e l'orario estivo: attese e disagi per chi si muove in città

Scritto da Simona Ciranna Il . Inserito in Funiculì, funicolà

anm

Come di consueto, ha preso il via il 1 luglio l’orario estivo dell’ANM. Ogni anno cittadini napoletani e turisti sono costretti a subire grandi disagi ed interminabili attese di ogni mezzo pubblico della città partenopea. L’azienda ANM mette a dura prova la pazienza dei napoletani che devono subire l’abolizione di pullman o minori corse della metropolitana.

Nel corso dell’anno la situazione non risulta semplice ma durante l’orario estivo diventa estenuante. L’orario estivo è dunque in atto, come se la città si fermasse, come se le persone non lavorassero o non si spostassero per la città facendo, inutilmente, affidamento sui pullman e le metro napoletane. Dilatamento dell’attesa delle corse metropolitane e riduzione dei mezzi su ruote tanto da rendere vana l’attesa alle fermate, in particolare dopo le 20 quando i pullman si rinchiudono in deposito.

Risulta spontaneo confrontare la situazione dell’azienda napoletana dell’ANM con quelle delle grandi città come Roma o Milano dove l’attesa della metropolitana è quasi nulla, i treni si rincorrono, fermandosi alle fermate l’uno dopo l’altro. A Napoli si rischiano sempre ritardi o problemi tecnici con conseguente chiusura della tratta, estendendo a dismisura i disagi per i cittadini e non.

C’è chi ormai si è rassegnato e chi ancora si indigna per i continui ritardi ma ciò che rende più amara la pillola, come una beffa per la cittadinanza, è l’aumento del prezzo dei biglietti; aumento arrivato a ridosso dell’orario estivo dell’Anm.