fbpx

Nuova Musica Napoletana - 2° Puntata: Giovanni Block

Scritto da Roberto Calise Il . Inserito in Musica

2013.06.18 - NMN 2 Giovanni Block

A circa un mese dalla prima puntata, continua il viaggio della nostra testata nella Nuova Musica Napoletana, alla scoperta del meglio che la scena artistica partenopea oggi offre. La seconda tappa di questo percorso prende spunto da un quesito, che sempre più spesso si ripresenta: la tradizione cantautorale sta finendo? In un’Italia dove le novità musicali sembrano sempre più appannaggio di talent show e reality, che hanno ormai monopolizzato anche il Festival di Sanremo, il responso sembrerebbe scontato. Invece, la risposta che non ti aspetti è nella qualità di giovani come Giovanni Block.

E’ veramente complesso descrivere, in poche righe, il percorso artistico ed umano di un artista come Block, che fonde la classicità del suo diploma di Conservatorio con influenze jazz, passando per l’elettronica, fino a toccare le suggestioni mediterranee che solo una città come Napoli può offrire. Una poliedricità, a livello di musiche quanto di scrittura dei testi, che gli è valsa numerosi riconoscimenti. Elencarli presenta il classico dilemma della scelta. Per una trattazione più completa, rimandiamo ai link in calce all’articolo. In questa sede, basterà dire che già nel 2007 ha ricevuto la Targa SIAE/Club Tenco del Premio Tenco come Miglior Autore Emergente, e che due anni dopo ha vinto il Festival Musicultura, ricevendo inoltre un premio speciale dall’Università delle Marche per l’elevata qualità letteraria dei suoi brani. Tanta acqua è poi passata sotto i ponti, e dopo altri premi ancora (Arezzo Wave, Arè Rock Festival, Premio Alex Baroni, Argo Jazz Festival etc.), il 7 Novembre 2011 esce il suo primo disco, Un Posto Ideale, che raccoglie tante delle canzoni premiate durante gli anni precedenti, assieme ad altri inediti. Da autore completo, Block non si limita alla musica, poiché, come si suole dire, anche l’occhio vuole la sua parte. Da qui, la sempre attenta produzione di videoclip, mai banali e dallo stile accattivante. L’ultimo video, realizzato per il lancio del singolo La mentalità, è stato realizzato grazie alla collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Abbiamo incontrato Giovanni Block a pochi giorni dalla ripresa del suo tour, che prenderà il via il prossimo venerdì 21 Giugno. Se volete farvi un’idea sullo stato di salute del cantautorato in Italia, andare ad un suo concerto è sicuramente il termometro migliore.

Giovanni, il tuo primo album, Un Posto Ideale, pubblicato nel Novembre 2011 dopo una lunga gestazione, è un insieme di suggestioni. Potresti darci una definizione della tua musica?

Cerco di scrivere canzoni, musiche, testi in maniera dignitosa. Provo a migliorarmi quotidianamente. Il resto non lo so. Se definissi la “mia musica” in qualche modo sarebbe un po’ saccente da parte mia. Non posso definirla io. Tra 100 anni, se interesserà a qualcuno, la definiranno e la catalogheranno da qualche parte… ma non credo accadrà. Quindi, perché parlarne in maniera autoreferenziale? Bisogna aspettare che il pubblico decreti le cose prima di imporgliele come decidiamo noi. Sono uomo del mio tempo, e per questo molto confuso. Le mie canzoni sono dunque eterogenee e confuse. Diverse tra di loro, come diverso sono io ogni anno che passa. Credo. Spero.

Ascoltando il disco, in molti pezzi emerge una velata critica all’attuale società italiana, dal punto di vista politico e sociale. Una critica sempre mossa con ironia e leggerezza. L’allegria ci salverà?

Ma è proprio l’allegria quello che ci ha affossato. No, non credo che sarà l’allegria. Credo che a salvarci saranno la fame e la necessità. Salvarci “dall’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla”, come diceva Albert Einstein.

Il video del tuo nuovo singolo, La mentalità, presentato lo scorso 28 Maggio, è stato realizzato grazie al prezioso supporto dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. Com’è nata questa collaborazione?

Grazie a Barbara Napolitano che ho conosciuto durante un’intervista in Rai. Mi ha proposto questa magnifica esperienza ed ho accettato volentieri. La cosa ha avuto e sta avendo ottimi risultati. E ne siamo tutto contenti. Ne approfitto per ringraziare ancora gli splendidi ragazzi dell’Accademia.

Dopo il lancio del tuo nuovo video, ricominci a suonare da vivo con uno spettacolo dal titolo molto ironico, Vadino, Signori, Vadino!. Quali sono le prossime occasioni per sentirti dal vivo?

Il tour riprenderà il prossimo venerdì 21 Giugno da Napoli. Suonerò nella splendida cornice del Castel Sant’Elmo di San Martino (Vomero), nell’ambito della rassegna Sant’Elmo Estate. Successivamente, il 3 Agosto sarò ad Arenzano (Genova) per la settima edizione di Amor Sacro, Amor Profano, un festival dedicato a Fabrizio De André. Chiuderò infine l’estate con un concerto a Ferragosto in un altro luogo molto suggestivo, l’Anfiteatro Romano di Lecce. Vi aspetto numerosi!

 

Il primo disco di Giovanni Block, Un Posto Ideale (Incipit Records) è disponibile nei migliori negozi di dischi, sul sito della Egea Music (LINK) e in formato digitale su iTunes (LINK)

 

Per maggiori informazioni, curiosità, i suoi video e le prossime date del tour:

 


Leggi le altre puntate di Nuova Musica Napoletana: