fbpx

Ma De Magistris perchè non fa il sindaco?

Scritto da Rodolfo Buccico Il . Inserito in Succede a Napoli

demone

Sarà scontato pensare alla città di Napoli in termini di scarsa vivibilità, anche quando cerchi di armarti di quella pazienza che alla fine sfocia nella sopportazione rassegnata.

Sarà che quando provi a muoverti con l’autobus o le funicolari devi rivolgerti al santo che più ti piace, perchè il primo passi e le seconde siano aperte. Sarà che se sei in auto per spostarti da un capo all’altro della città un’ora assume il carattere della normalità e nel mentre le buche fanno da stimolo a mantenere attenzione e riflessi elevati.

Sarà che può essere naturale considerare la Mostra d’Oltremare come uno spazio di grande valenza urbanistica e hai difficoltà a vederlo come alloggio per gli atleti delle Universiadi. E magari ti torna in mente come si sia lavorato bene per il Forum delle Culture.

Sarà che a De Magistris piace molto dire la sua su Salvini in merito alla questione dei migranti, ma nell’ordinario il porto funziona alla meno peggio e non solo per colpa dell’Autorità Portuale. Sarà poi che camminare può essere a rischio, soprattutto per gli anziani e i disabili, grazie allo stato pietoso di molti marciapiedi e la mancanza di arredo urbano e supporti per la mobilità adeguati.

Sarà che il sindaco è una presenza costante o quasi allo stadio per la partita del Napoli (anche se tifa Inter) e quando c’è da ragionare a favore di una struttura sportiva al passo coi tempi e con le sfide europee della SSC Napoli, fa disperare De Laurentiis e tutti noi che il Napoli lo amiamo per davvero.

E naturalmente parla di ostacoli alla rinascita, di contrasto ai poteri forti (che, secondo me, non lo vedono nemmeno), di primati nel turismo, di economia cittadina florida, di produzione culturale e giovani talenti, di partecipazione attiva e di difesa dei beni comuni. In merito a queste cose in parte c’è substantia, ma grazie a singoli e gruppi di cittadini capaci e coraggiosi, che avrebbero avuto piacere di avvertire al proprio fianco un sindaco con competenze organizzative e azioni sistematiche a favore della città. Tralascio la vicenda Bagnoli, perchè lì c’è sicuramente chi ha detto e fatto peggio e perchè in fondo quella è questione ardua e sedimentata.

Su una cosa De Magistris ha ragione, Napoli va difesa e sostenuta e sicuramente avrebbe bisogno di un sindaco molto meno tribuno e molto più concreto sui tanti temi che sono sul tavolo.

 

Rodolfo Buccico