fbpx

Shock alla regione

Scritto da Manlio Converti Il . Inserito in La Bufala

Manlio REGINOE

In epoca di larghe intese e flusso mediatico surgelato al massimo da eventi grandiosi come la guerra in Siria ed il recupero della Costa Concordia, mi continuo ad interrogare sui danni materiali e morali dell’assenza di politica e di opposizione alla Regione Campania.
Per la verità sembra che carabinieri, giudici e guardia di finanza stiano verificando i conti di tutti i consiglieri e siano pronti ad una vera e propria retata che delegittimerebbe del tutto il nostro già inutile consiglio regionale.


La politica della Regione si è rivelata fatale per Sanità e Trasporti, mentre nessuno si interroga sull’assenza di programmazione politica per incentivare produttività e quindi lavoro.

L’unico evento degno di nota ulteriore è una protesta ad Aprile per garantire l’avvicendamento alle poltrone dei tre dimissionari consiglieri eletti in parlamento. Atto di fondamentale significato per il futuro della nostra Regione.

Non voglio neanche lontanamente restare inane di fronte alla tragedia dei Rifiuti, sulla quale la Regione non solo non ha fatto nulla, ma ha garantito fondi solo per la realizzazione di nuovi Termodistruttori, ignorando ogni ulteriore impianto e le necessarie bonifiche nella terra dei veleni.
Manca del tutto anche qualsiasi riferimento alla guerra chimica in atto, che ci sta appunto uccidendo, violentando campagne e falde acquifere, di cui sono sicuramente colpevoli le industrie del nord esattamente come i camorristi campani, ai quali vale la palma di terroristi, giacché uccidono così anche sé stessi e la propria discendenza.

Nell’ambito sanitario i tagli non hanno, ad esempio, ottenuto alcun miglioramento nell’efficienza, né ridotto in alcuno modo gli sprechi. Nell’ambito della Psichiatria abbiamo solo aumentato la disperazione di sofferenti psichici e delle loro famiglie sempre più spesso costrette a ricoveri forzati in TSO o a reclusioni sine die in cliniche private, laddove si intenda il beneficiario degli esosi fondi che comunque sono erogati sempre dalla Regione Campania.
Più in generale si sono ridotti i punti di accesso, non è iniziata alcuna campagna di prevenzione tumori, laddove sappiamo che le donne neanche laureate accedono regolarmente a mammografie e pap-test, figuriamoci campagne di sensibilizzazione contro l’abuso di medicinali e l’obesità infantile.

Nell’ambito dei trasporti la prossima apertura della stazione Garibaldi otterrà come effetto quello della riduzione della frequenza delle corse e dell’ulteriore sovraffollamento, per l’utenza in arrivo e in partenza da tutte le stazioni verso il centro. Nessuna regola è stata data al sistema perché sia reso ecologico e nemmeno umano, laddove in estate si soffre un caldo osceno anche sotto terra.

Sulla questione lavoro, abbiamo garantito un certo numero di schiavi, grazie alle leggi razziste che trasformano i migranti in criminali, e abbiamo abbandonato intere aree alla criminalità organizzata anche straniera, che produce merci sofisticate, cioè false e talvolta pericolose, droga, sempre pericolosa, e discariche abusive, quasi sempre tossiche.

La crisi mediterranea dovrebbe vedere i nostri imprenditori in prima linea alla ricerca di nuovi mercati e nell’incentivazione dell’import-export, ma tutti sanno che il nostro porto è invaso da merci Cinesi, anche abusivamente, e non escluderei che anche i pizzaioli, dopo Barilla ed il re del Riso decidano di negare a noi omosessuali il diritto all’alimentazione nel nostro Paese, in nome della libertà di parola.