fbpx

“Oltre la notte”, la mostra del Sud al JAMBO

Scritto da Matteo Zapelli Il . Inserito in Mostre

ZAPELLI1

Nella zona cosiddetta dell’Agro - aversano, la terra conosciuta in tutta Italia come fortino dei Casalesi, si decide di diffondere l’arte, la bellezza, la luce come segno di ribellione ad una criminalità organizzata che solitamente manipola tutto. È questa l’idea che si colloca alla base della mostra Oltre la notte (Da Curia a Solimena – Capolavori di pittura meridionale) a cura di don Gianni Citro e organizzata dalla Fondazione Meeting del Mare C.R.E.A. (Cultura Religioni e Arte).
Con questa mostra inizia il tentativo di un percorso nuovo per la città di Trentola-Ducenta, fondata su un patto di responsabilità sociale, tra il mondo della cultura made in Campania e delle Istituzioni al servizio dello stato.

Della mostra fanno parte 28 dipinti provenienti da varie collezioni private, e l’inaugurazione c’è stata lo scorso 5 dicembre presso il Centro Commerciale Jambo1. Dopo il buio di un passato di collusioni e interazioni con la criminalità organizzata, a tre anni esatti dal sequestro, la mostra di pittura “Oltre la notte” è il coronamento dello straordinario lavoro di dialogo inter - istituzionale tra più rappresentanti della politica e della giustizia. Di quella simbiotica collaborazione tra l’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) e la Magistratura che hanno avviato il radicale risanamento etico, morale, organizzativo, gestionale e commerciale del Jambo. “Oltre la notte” è un viaggio in cui il visitatore-protagonista, immergendosi nell’arte, si allontana gradualmente dal buio dell’oscurità notturna per raggiungere uno spiraglio di luce.

Le opere – collocate storicamente nell’arco temporale che va dalla seconda metà del ‘500 ai primi decenni del ‘700 e, pertanto, espressione del barocco di scuola napoletana – sono tutte intessute di quella sottile armonia tra opposti (tormento-beatitudine, profano-sacro, nero-bianco, male-bene,tenebre-luce) sul cui confine si colloca la verità. L’installazione “Oltre la notte” sarà visitabile fino al 5 febbraio 2019.