fbpx

Conoscere le stazioni dell’arte: riparte il corso MetroArt

Scritto da Roberto Calise Il . Inserito in Funiculì, funicolà

2013.11.05 - Corso MetroArt

Il critico Achille Bonito Oliva lo definì il “museo obbligatorio”, un concentrato eccezionale di “arte pubblica” per dare un’anima a potenziali non-luoghi, ossia le fermate della costruenda metropolitana di Napoli. Stiamo parlando delle stazioni dell’arte della Linea 1 del metrò, ormai famose in tutto il mondo. Create da archistar di fama internazionale e tempestate di opere, sia di giovani artisti che di più conosciute firme, questi piccoli gioielli sono (e, soprattutto, saranno) sempre più numerosi nella nostra città.

L’ambizioso progetto di dotare Napoli di un’efficiente e moderna infrastruttura di trasporto, ma che fosse allo stesso tempo un vero e proprio museo sotterraneo, risale ai tardi anni ’90, e più precisamente poco dopo la stesura del Piano Comunale dei Trasporti del 1997. All’epoca, il Sindaco Antonio Bassolino, il Vicesindaco Riccardo Marone, il Presidente della Metropolitana di Napoli Giannegidio Silva, l’architetto Alessandro Mendini e l’ingegnere Ennio Cascetta (che sarà poi Assessore ai Trasporti della Regione Campania dal 2000 al 2010) tracciarono su carta quanto oggi è realtà, o si appresta a diventare tale (molte stazioni della Linea 1 sono ancora in costruzione). Un’idea certamente vincente, che ha permesso al capoluogo partenopeo di balzare agli onori della cronaca di settore a livello internazionale, l’ultima volta con l’apprezzamento del quotidiano inglese The Telegraph, che ha eletto la stazione Toledo come la più bella d’Europa.

Capire per meglio apprezzare questo vero e proprio tesoro di arte contemporanea è quindi doveroso da parte della cittadinanza. Per tale motivo, Metronapoli (la società che gestisce il trasporto pubblico su ferro), in collaborazione con Legambiente Neapolis 2000, promuove la II edizione del Corso di Formazione di Arte Contemporanea “Metroart, la bellezza nei luoghi di transito”, patrocinato dal Comune di Napoli e condotto da Maria Corbi, Responsabile Ufficio Patrimonio Artistico Metronapoli, e da Luisa Lepre, storica dell’arte, sempre in forze a Metronapoli.

Cinque gli appuntamenti fra novembre e dicembre, per un totale di 20 ore complessive di formazione, attraverso lezioni frontali (che si svolgeranno presso la sala conferenze Metronapoli, via Raffaele Morghen 7) e visite guidate presso le stazioni. Il corso, completamente gratuito, è rivolto a studenti e laureati in materie storico-artistiche e architettura, oltre ai soci Legambiente. Partecipare è semplice. Entro il 15 novembre è necessario inviare le proprie generalità ed il curriculum vitae all’indirizzo email: legambiente.neapolis@gmail.com.

La società Metronapoli, oltre ad organizzare il corso di formazione di cui sopra, organizza periodicamente anche Art Tour per le varie stazioni, e rende gratuitamente disponibili sul proprio sito delle pratiche guide denominate Metro Art, una per ogni stazione dell’arte che, ricordiamo, non sono presenti solo sulla Linea 1, ma arrichiscono anche il tracciato della Linea 6, per un totale di 13 “musei obbligatori”, così suddivisi:

  • Stazioni dell’Arte sulla Linea 1:

Dante, Materdei, Museo, Quattro Giornate, Rione Alto, Salvator Rosa, Toledo, Università, Vanvitelli

  • Stazioni dell’Arte sulla Linea 6:

Augusto, Lala, Mergellina, Mostra

E’ importante ricordare che i tanti cantieri che attangliano la città nei prossimi due anni lasceranno il posto alle nuove splendide stazioni del sistema metropolitano di Napoli, arricchendo così anche il patrimonio artistico della città. Le prossime aperture previste sulla Linea 1 sono quelle di Garibaldi (fine 2013), Municipio (2014) e Duomo (2015), mentre le nuove fermate della Linea 6 (Arco Mirelli, San Pasquale, Chiaia e Municipio) saranno operative entro la fine del 2015.

 

Corso di Arte Contemporanea

“Metroart, la bellezza nei luoghi di transito”

 

Calendario dei cinque incontri:

 

mercoledì 20 novembre 2013

Sala Conferenze della sede Metronapoli di via Raffaele Morghen 7, Napoli
ore 9.30 – 10.00: Presentazione e introduzione al corso
a cura di Carmine Maturo – Legambiente/Neapolis 2000
ore 10.00 – 13.30: Le Stazioni dell’Arte: il progetto, le architetture, gli interventi artistici da Toledo a Museo
a cura di Maria Corbi, storico dell’arte, Responsabile Ufficio Gestione Patrimonio Artistico Metronapoli 

mercoledì 27 novembre  2013

Sala Conferenze della sede Metronapoli di via Raffaele Morghen 7, Napoli
ore 9.30 – 13.30: Le Stazioni dell’Arte: le architetture e gli interventi artistici da Materdei a Rione Alto. Il caso della stazione Piscinola: "Felimetrò”
a cura di Maria Corbi, storico dell’arte, Responsabile Ufficio Gestione Patrimonio Artistico Metronapoli

mercoledì 4 dicembre  2013

Sala Conferenze della sede Metronapoli di via Raffaele Morghen 7, Napoli
ore 9.30 – 11.00: Valorizzazione e  salvaguardia delle opere delle Stazioni dell’Arte. Attività didattiche e divulgative. Problematiche conservative dell’arte contemporanea
a cura di Maria Corbi, storico dell’arte, Responsabile Ufficio Gestione Patrimonio Artistico Metronapoli
ore 11.30 – 13.30: Visita alle stazioni Toledo (I e II uscita) e Università
a cura di Luisa Lepre, storico dell’arte, Ufficio Gestione Patrimonio Artistico Metronapoli 

mercoledì 11 dicembre  2013

ore 9.30 – 13.30: Visita alle stazioni Dante, Museo, Materdei
partenza alle ore 9.30 - atrio Stazione Materdei
a cura di Luisa Lepre, storico dell’arte, Ufficio Gestione Patrimonio Artistico Metronapoli

mercoledì 18 dicembre  2013

ore 9.30 – 13.30: Visita alle stazioni Salvator Rosa, Quattro Giornate, Vanvitelli
partenza alle ore 9.30 - atrio Stazione Materdei
a cura di Luisa Lepre, storico dell’arte, Ufficio Gestione Patrimonio Artistico Metronapoli

 

Modalità di partecipazione:

La domanda di partecipazione deve essere inoltrata entro il 15 novembre all’indirizzo email legambiente.neapolis@gmail.com e deve indicare nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza, recapiti telefonici e di posta elettronica, breve curriculum e motivazioni di partecipazione. A parità di valutazione si farà riferimento all'ordine cronologico di consegna.
La partecipazione è gratuita, l'iscrizione a Legambiente comprende assicurazione.
Al termine del corso di formazione verrà rilasciato un attestato di partecipazione dal circolo Neapolis 2000 di Legambiente.

 

Per maggiori informazioni: