fbpx

“Io ho un sogno. Il futuro è donna”. Dalla Regione Campania voucher per la formazione delle donne.

Scritto da Elisabetta Di Fraia Il . Inserito in Il Palazzo

io ho un sogno dalla regione un voucher per la 18439

“La Regione Campania è da sempre in prima linea per sostenere i percorsi formativi destinati alle donne in età lavorativa”, con queste parole l’Assessore alla formazione e alle pari opportunità della Regione Campania, Chiara Marciani, ha annunciato la pubblicazione dell’avviso pubblico “Io ho un sogno. Il futuro è donna”.

Si tratta di voucher formativi destinati a tutte le donne della Campania di età compresa tra i 18 e i 50 anni che avranno così a disposizione fino a 3mila euro per prendere parte a corsi di formazione autorizzati e corsi di specializzazione o master. Con una particolare attenzione alle materie cosiddette STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica). “Il nostro obiettivo – spiega l’assessore Marciani – è quello di favorire l’accrescimento delle competenze delle donne al fine di sostenere il loro inserimento nel mondo del lavoro, affinchè anche in Campania il futuro diventi sempre più tinto di rosa.

L’avviso “Io ho un sogno” si qualifica dunque come un’opportunità imperdibile a disposizione di tante donne della nostra regione per le quali in taluni casi i costi dei corsi hanno rappresentato una barriera insormontabile nel conseguimento di una qualifica che è indispensabile per l’accesso al mondo del lavoro”.

La fascia di età cui è destinata questa iniziativa è volutamente ampia, come ha spiegato l’Assessore Marciani, per coinvolgere quante più donne possibile: da quelle più giovani ancora nel pieno del loro percorso formativo; a quelle che hanno abbandonato il lavoro per dedicarsi alla famiglia e che sono animate dal desiderio di volersi rimettere in gioco.

“Ancora una volta”- ha concluso l’assessore- “ la Regione Campania scommette sul binomio formazione – occupazione che diventa sempre più qualificato, rispondente ai sogni dei cittadini e delle cittadine, alle necessità del mondo del lavoro nella nostra regione, capace di coniugarsi armoniosamente con il tema dei diritti delle donne e delle pari opportunità”.