fbpx

Dantedì: l’iniziativa che ha smosso il web

Scritto da Maddalena Maria Sorbino Il . Inserito in Port'Alba

giornata dante

Il 25 dello scorso mese, per il primo anno in assoluto, molti tra studiosi e amanti della materia, hanno partecipato ad una splendida iniziativa che ha fatto letteralmente impazzire il mondo social (e non solo!).

Essa è stata proposta dal Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, che ha dichiarato quel giorno: “Oggi si celebra il primo Dantedì una giornata che in questa prima edizione non potrà che essere per forza di cose esclusivamente digitale. Le tantissime iniziative nate spontaneamente sul territorio, così come quelle promosse dalle istituzioni, si sono spostate sulla rete. Oggi più che mai è necessario ricordare in tutta Italia e nel mondo il genio di Dante con una lettura individuale e al contempo corale della sua opera: Dante è l’unità del Paese, Dante è la lingua italiana, Dante è l’idea stessa di Italia.”

Per la precisione alle ore 12,00 tutti sono stati chiamati a leggere Dante insieme anche se distanti e a riscoprire i versi della Commedia. Decine di migliaia di studenti lo hanno fatto anche nel bel mezzo delle lezioni a distanza. Sono stati coinvolti scuole, musei, biblioteche, luoghi di cultura e artisti.

Il Mibact e il Miur hanno proposto inoltre sui propri account social immagini, video, opere d’arte, rare edizioni della Divina commedia per raccontare quanto la figura del Sommo Poeta nel corso dei secoli abbia segnato tutte le espressioni culturali e artistiche dell'identità italiana.
Anche la Rai ha assistito attivamente selezionando con Rai Teche le lecturae Dantis interpretate dai maggiori artisti del nostro tempo.

Pillole, letture in streaming, performance dedicate a Dante, tutte identificate dagli hashtag ufficiali #Dantedì e #IoleggoDante, che hanno fatto bene al nostro umore, accompagnandoci per tutta la giornata.

Molti si sono chiesti il perché è stata scelta come data di inizio proprio il 25 marzo e la risposta è semplicissima: è questo il giorno individuato come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia.

Ha particolarmente incuriosito il fatto che tanti sono stati quelli che hanno dato voce alle altre opere di Dante, soprattutto per quanto concerne le “Rime” e la “Vita Nova”.

Un modo, quindi, per unire ancora di più il Paese in periodo così tragico per tutti.
Un modo, forse, per non abbandonare quel senso di appartenenza e quella cultura che contraddistingue il nostro popolo.