fbpx

Villa Fernades è ripartita

Scritto da Vincenzo Bonadies Il . Inserito in Linea di Confine

WhatsApp Image 2020 07 19 at 22.57.35

Dopo il lockdown, il bene confiscato alla camorra di Portici ha ripreso a funzionare e seppure a ritmo ridotto ha messo in campo una serie di iniziative e attività che la proiettano sempre più ad esser un hub creativo per la città e l’intera provincia.

Il COVID 19 ha di fatto rinviato l’inaugurazione che doveva essere fatta il 27 febbraio scorso, ma non ha potuto fermare tutte le energie messe in campo nel progetto collettivo guidato da Seme di Pace onlus.

WhatsApp Image 2020 07 19 at 22.57.35 1

Un progetto ambizioso realizzato dalla Fondazione Con Il Sud e la Fondazione Peppino Vismara insieme al Comune di Portici e, in qualità di partner, ad altre 23 associazioni fortemente radicate sul territorio provinciale.

Durante il periodo di chiusura pandemica, alcune associazioni hanno dato luogo in streaming ad attività culturali trasversali al fine di mantenere alta l’attenzione sul progetto sociale di Villa Fernandes, ma il primo segno di vera rinascita è arrivato con la riapertura del suo parco alla cittadinanza e dalla ripresa delle attività svolte al 1° piano da parte del Forum dei giovani e dell’ufficio comunale Informagiovani. Contemporaneamente hanno ripreso alcuni corsi di formazione sospesi durante i mesi di quarantena.

A seguire, sono state avviate alcune attività pubbliche svolte nel pieno rispetto del protocollo anticontagio, all’aperto e con un numero limitato di partecipanti.

La cultura quale leva aggregativa e formativa è stata la linea che ha caratterizzato finora tutti gli eventi.

842ba487 84c5 40ef b1b5 4c0cbee7de87

Il 19 giugno si è svolto l’incontro “La cultura: un’opportunità di sviluppo economico e sociale per il territorio”, con la partecipazione del sindaco Vincenzo Cuomo e di Vittorio Fresa, responsabile Service Unit Cultura Crea Invitalia. L’obiettivo, quanto mai appropriato, era capire come poter usufruire degli strumenti agevolativi messi a disposizione dal bando Cultura Crea di Invitalia.

Si è continuato poi con la presentazione della rassegna teatrale “Racconti per ricominciare” coordinata artisticamente da Giulio Baffi e Claudio di Palma e organizzata da Vesuvioteatro, che ha visto anche la villa porticese – insieme ad altri luoghi di rilievo architettonico e storico della Campania – trasformarsi in un teatro all’aperto ospitando, dal 27 giugno all’11 luglio, lo spettacolo “Dirimpettai” di Eduardo Tartaglia, interprete della messinscena insieme a Peppe Miale, Massimo De Matteo, Serena Pisa e Angela De Matteo.

bb5e3798 62d4 40f9 9e20 81e4432e2432

Attualmente è in svolgimento la rassegna “Lib(e)ri al parco”, ideata da Ileana Bonadies in collaborazione con la libreria Mondadori Point di Portici, che ha goduto finora della partecipazione degli scrittori Alessio Forgione con “Giovanissimi” (NN Editore), Antonio Benforte con “Lo spazio tra le cose” (Scrittura&Scritture), Massimiliano Virgilio con “Le creature” (Rizzoli).

Concluderà il ciclo di incontri letterari – lunedì 20 luglio alle ore 18 – Antonio Fresa e il suo libro “Nea-polis” (Intermedia Edizioni).

La velocità d’azione prospettata all’inizio è, dunque, sì ridotta ma a Villa Fernandes sono pronti a premere sull’acceleratore per essere sempre più un hub creativo per lo sviluppo economico e sociale del territorio ma con lo sguardo rivolto all’Europa.