fbpx

Benedetto Croce (seconda parte)

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Port'Alba

Croce 1

La prima forma dello spirito è l'ARTE come conoscenza delle cose simili nell'INTUIZIONE, che è differente dalla PERCEZIONE in quanto può riferirsi indifferentemente a una cosa reale o immaginaria, e dalla mera SENSAZIONE perché questa è soltanto passiva, mentre l'arte, intuendo, esprime, sicché si può dire che intuizione ed espressione s'identificano.

Non esiste conoscenza reale che non sia compiutamente espressa; s'illude chi crede di avere molte cose da dire, ma di non saperle esprimere, sia pure solo tacitamente. Infatti l'estrinsecazione fisica dell'intuizione in suoni, colori, movimenti e via dicendo, non è necessaria; l'oggetto fisico (il quadro, la frase pronunciata) non è che uno stimolo per riprodurre l'intuizione (immagine, proposizione) nata nella mente dell'autore.

Questa è l'effettiva opera d'arte, e per coglierla bisogna porsi di fronte alla sua estrinsecazione fisica, ricostruendo in noi le stesse condizioni dell'autore nel momento della creazione. Quando ciò avviene, riproduciamo necessariamente, mediante il GUSTO, l'opera d'arte. La diversità dei giudizi critici è dovuta all'imperfetta esecuzione del procedimento, all'impossibilità soggettiva di ricostruire le condizioni dell'autore.

Croce sviluppò successivamente la propria estetica nei saggi raccolti in 'Problemi di estetica' (1910), dove l'espressione artistica è riconosciuta come espressione di sentimento e il suo carattere discriminante nei confronti delle espressioni comuni viene scorto nella purezza da interferenze intellettuali o pratiche (cfr.il saggio su 'L'intuizione e il carattere lirico dell'arte'), quindi nel 'Breviario di estetica' compreso in 'Nuovi saggi di estetica' (1920), nell' 'Aestethica in nuce' del 1928 (raccolta negli 'Ultimi saggi', 1935) e infine in 'La poesia '(1936) dove accanto all'espressione poetica vengono teorizzate le espressioni non poetiche che possono assumere valore artistico come “letteratura”.

Per saperne di più:

Benedetto Croce (prima parte)