fbpx

Il tram del desiderio, il desiderio del tram

Il . Inserito in Funiculì, funicolà

Tram 2

Lo scorso 18 dicembre è stato presentato al pubblico, in presenza di autorità cittadine e dei vertici dell’Azienda Napoletana Mobilità (ANM), il “tram del Desiderio”, realizzato dall’artista newyorkese Nicolina Johnson in collaborazione con l’italo-americana Jade Fusco ed il napoletano Riccardo D’Ambrosio oltre, ovviamente, all’ANM che ha messo a disposizione la vettura 959 ed i locali del deposito San Giovanni.

Nicolina Johnson, che ha già realizzato in giro per il mondo opere di arte moderna sia da studio che da strada, si è trovata in passato a “vestire” luoghi come Sunset Boulevard a Los Angeles o la funicolare di Valparaiso in Cile, ma anche sette barche a Rio de Janeiro in Brasile o un pannello di musicisti nella Central Station di New York. Questa volta ha scelto Napoli per realizzare una livrea integrale “da sogno” da applicare ad uno degli anziani ma sempre validi 30 tram a carrelli superstiti, che prestano il loro servizio sulle rotaie – attualmente un po’ “ristrette” nei percorsi – ininterrottamente dal 1935. Sul tram hanno trovato spazio molti bambini che hanno ricevuto in dono alcuni regali ed hanno lasciato a bordo la propria “letterina del desiderio”, raccolta da un Babbo Natale tranviario. Secondo l’artista Nicolina Johnson l’intento dell’opera è stato quello di vestire di una livrea speciale, sia all’esterno che all’interno, un mezzo pubblico come il tram, quasi a stravolgere dei rituali e far rivivere a chi viaggia il senso della meraviglia.

Il tram del desiderio ha riportato all’attualità la “voglia di tram”, nel senso che si avverte come forte sia nella cittadinanza che nell’amministrazione cittadina – che ne ha fatto uno dei capisaldi del proprio programma – la necessità di “restituire chilometri” di rotaie sia ai vecchi tram a carrelli che ai moderni Sirio: in questo senso il referente alla mobilità del comune di Napoli Anna Donati ha ribadito l’intenzione del Comune di riportare il tram verso ovest – è notizia di questi giorni la progettazione esecutiva del ripristino della tratta da piazza Municipio a piazza Vittoria, che si realizzerà entro la primavera – con l’obiettivo a medio termine di far rivedere i tram fino a piazza Sannazaro (quando i cantieri della linea 6 del metrò lo consentiranno), che li attende dal dicembre 2000, ma anche a piazza Carlo III, dove il tram manca dal 1956. Altro progetto in essere è quello di prolungare i binari da via Stadera (il cui arrivo è stato celebrato di recente) a via Nazionale delle Puglie, mentre quelli meno immediati riguardano il ritorno verso Fuorigrotta e l’area di Città della Scienza. Insomma, i desideri dei napoletani viaggiano sempre più su rotaia, ed hanno notevoli possibilità di essere concretamente realizzati. 

Di seguito, il tram 959 ripreso dall'esterno

959 esterno

 L'interno del tram 959

959 interno