fbpx

Virtual tour nell’archeologia al MAV di Ercolano

Scritto da Felicia Trinchese Il . Inserito in Mostre

Virtual tour al MAV di Ercolano

In attesa di poter ritrovare appieno il suo pubblico, dal vivo e in piena sicurezza, al di là delle incertezze di questo tempo sospeso che a causa della pandemia ha stravolto le abitudini di noi tutti nella fruizione del nostro Patrimonio culturale, il MAV di Ercolano ha organizzato per l’intero mese di febbraio su prenotazione, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, i Virtual Tour interattivi del percorso museale. Si tratta di un vero e proprio viaggio nella memoria, con una guida che interagirà con i visitatori, della durata di circa 60 minuti, disponibile su piattaforma ZOOM.

Ed essendo il MAV il luogo dove, attraverso la tecnologia e la luce, si restituisce la memoria del passato, dando forma all'invisibile, al negato, a ciò che non può più essere visto e a ciò che non è ancora visibile, la sua offerta ben si coniuga con le passeggiate archeologiche digitali. Le visite guidate virtuali aiutano gli insegnanti ad affrontare i problemi della didattica in epoca Covid, infatti, se le gite scolastiche sono ancora proibite, gli studenti di ogni età possono “entrare” direttamente da casa o dalle loro aule nello splendore delle antiche città vesuviane, Pompei ed Ercolano. Il MAV con questa iniziativa contribuisce all’ulteriore crescita della cultura digitale della nazione.

La visita virtuale, grazie alla magia tecnologica dell’ultima versione  MAV 5.0 - Virtual multiReality, la più avanzata di sempre che, da ottobre 2019, ha rivoluzionato radicalmente il modo di vivere l’esperienza conoscitiva del viaggio nel passato, più volte validato scientificamente, mostrerà la grande bellezza delle città e delle dimore romane alle pendici del Vesuvio, prima della devastante e tragica eruzione del 79 d.C., calandosi nella vita e nello splendore delle principali aree archeologiche di Pompei, Ercolano, Baia, Stabia e Capri, per meglio comprenderne il passato con gli occhi di un viaggiatore d’altri tempi.

I visitatori digitali conosceranno così l’organizzazione e la vita quotidiana delle città romane del Vesuviano, attraverso la visione delle ricostruzioni dei luoghi in cui si svolgevano le attività di un antico cittadino ercolanese o pompeiano lungo l’arco di una giornata, con la possibilità di porre domande e chiedere approfondimenti, seguendo la voce narrante e interagendo con un operatore che supporterà la visita in ogni momento.

Il viaggio virtuale consta di quattro tappe. La prima parte del viaggio si svolgerà tra i luoghi pubblici delle città: quei luoghi presenti in ogni antica città romana. È possibile vedere il Teatro di Ercolano, dove gli abitanti della città accorrevano per assistere alle rappresentazioni, le Terme, luogo di socialità molto frequentato, il Foro di Pompei, il cuore della vita quotidiana della città, dedicato alle attività amministrative e commerciali, la palestra della Schola Armaturarum, crollata nel 2012 a Pompei.

La seconda parte è dedicata alle Domus pompeiane, visitandone alcuni esempi tra i più significativi (Casa del Poeta tragico, Casa del Citarista, Casa del Labirinto, Casa del Fauno): la ricostruzione dei luoghi privati consentirà di conoscere come erano organizzate le case degli antichi pompeiani, i loro ambienti e le differenti funzioni a cui erano destinati.

La terza parte offre un viaggio nella pittura pompeiana e ercolanese. Ogni affresco e mosaico viene raccontato appieno nella sua bellezza e nel suo significato, evidenziandone i particolari e le specificità.

La quarta parte del viaggio, infine, è dedicata alla Villa dei Papiri, una delle più grandi e sontuose residenze romane, riportate alla luce dagli scavi di epoca borbonica, tra il 1750 ed il 1764. La sua ricostruzione virtuale è un grande attrattore del MAV, in quanto la Villa si estende sotto l’attuale centro abitato di Ercolano, a circa trenta metri di profondità, e arriva fino al mare. E il suo scavo, oltre alla straordinaria raccolta di opere d’arte, ha restituito una ingente biblioteca di papiri con testi greci e latini.

Il percorso termina con la ricostruzione dell’evento che ha cambiato per sempre la storia e la geografia dell’area vesuviana: l’eruzione del Vesuvio, raccontata dalla voce del grande attore Mariano Rigillo e ricostruita con la consulenza dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in un docu-film straordinario che chiuderà il nostro viaggio esattamente nel punto e nel momento in cui tutto è iniziato.