fbpx

“Immersioni nell’arte”, al via la rubrica che approfondisce i segreti del Mediterraneo

Scritto da Felicia Trinchese Il . Inserito in Mostre

immersioni nellarte

Lunedì 22 marzo, in occasione del “World Water Day”, Giornata Mondiale dell’Acqua, prende il via una nuova iniziativa, “Immersioni nell’arte”, che vede come enti promotori il Museo e Real Bosco di Capodimonte in collaborazione con SZN, Stazione Zoologica Anton Dohrn, Istituto Nazionale di Biologia, Ecologia e Biotecnologie Marine.


Si tratta di un ciclo di approfondimenti sui rispettivi canali social ufficiali con oggetto la fauna e la flora marina del Mediterraneo, le caratteristiche del golfo di Napoli, i miti e le sirene, le curiosità scientifiche che emergono da una selezione di opere tra le tante custodite a Capodimonte, dalla pittura alla scultura, dalle arti applicate al disegno.

La rubrica si apre con l’opera “La Sorgente” di Vincenzo Gemito (1908), disegno a matita su carta, che proviene dalla raccolta del collezionista e suo grande ammiratore Achille Minozzi. È il ritratto di un acquaiolo napoletano che con la mano destra regge un vaso di creta appoggiato sul suo fianco. Fa da sfondo il mare di Napoli, mentre ai suoi piedi si riesce a riconoscere un piccolo squalo.

La scelta di questo disegno per l’apertura dell’iniziativa lo stesso giorno del “World Water Day” non è casuale. L’opera fornisce l’occasione di parlare dell’uso sostenibile di una risorsa fondamentale per la sopravvivenza di tutte le specie viventi del pianeta, fortemente impattata dai cambiamenti climatici e dalle attività dell’uomo. Difatti circa il 70% della Terra è ricoperto di Oceani, conoscere e salvaguardare il mare significa anche comprendere e tutelare tutti quei fattori che ne garantiscono la vita.

Nell’opera, come già anticipato, si intravede la figura di uno squalo esanime, laddove lo squalo rappresenta la pura potenza ed efficienza. Gli squali, spesso enfatizzati come terrificanti predatori e definiti come aggressivi e pericolosi, in realtà non sono altro che il simbolo della fragilità del mare, vittime dell’oltremodo esagerato sfruttamento ittico e del commercio, spesso anche illegale se pensiamo alle loro pinne.

“Immersioni nell’arte” si compone di 12 appuntamenti per 12 post con contenuti curati in sinergia tra gli esperti d’arte del Museo e i biologi marini della SZN, pubblicati nel corso di un anno in contemporanea su Facebook e Instagram. Protagonisti dei successivi appuntamenti saranno Luca Giordano, Giacinto Gigante e tanti altri artisti presenti nelle prestigiose collezioni di Capodimonte.