fbpx

L'angolo del libro: "Football Clan" di Cantone & Di Leo

Scritto da Giuseppe Pedersoli Il . Inserito in Letteratura

Football clan

“Insigne titolare è un messaggio di speranza”. Non lo dicono mister Mazzarri, il cardinale Sepe né il presidente de Laurentiis. A dichiararlo è Raffaele Cantone, magistrato in Corte di Cassazione, già alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. L’attacco di questa anomala recensione è in realtà il titolo di un’intervista da lui rilasciata a Pino Taormina sul Mattino di domenica scorsa (9 dicembre, poche ore prima di Inter – Napoli). L’ex Pm ha analizzato, insieme al giornalista Gianluca Di Feo, la contiguità tra il mondo del calcio e gli affari mafiosi, nel libro “Football clan”, edito da Rizzoli.

L’analisi è anche uno spaccato di tantissime inchieste che hanno dimostrato, anni dopo la famosa foto di Diego Armando Maradona nella vasca a forma di conchiglia, accanto a boss Carmine Giuliano, che tante squadre sono nelle mani della criminalità organizzata. Nel libro si parla del lato oscuro del calcio, attraverso fatti realmente accaduti; quello della Mondragonese, riconducibile a Renato Pagliuca, fedelissimo di Augusto La Torre; dell’Albanova, che in seguito all’arresto di Francesco Schiavone è scomparsa nel nulla; del Crotone, che si conquistò la promozione nella serie superiore regalando ad esponenti della mafia bazooka e kalashnikov. Il passaggio più inquietante, a parere di chi scrive, è quello dei casalesi che tentarono la scalata (per fortuna fallita) alla Lazio.

Il libro di Cantone e Di Feo è molto interessante e non solo per chi è appassionato di calcio. Con gli episodi di Mario Balotelli a Scampia, Hamsik fotografato vicino allo “scissionista” Domenico Pagano e la presenza di personaggi squallidi sul terreno del San Paolo, si ha davvero la sensazione di quanto il nostro amato pallone sia a rischio. I due autori commentano anche la singolare vicenda di Gigi Buffon (portierone azzurro e grande scommettitore) e il caso di Antonio Conte, l’allenatore della Juventus squalificato per non aver denunciato gli accordi sottobanco per una partita del Siena: l’omertà calcistica e quella mafiosa si assomigliano. Conte torna in panchina proprio nel giorno in cui Insigne debutta alla Scala del calcio, in Inter-Napoli. Per fortuna una speranza ancora c’è. Concludo, infatti, queste poche righe sul libro di Cantone e Di Feo consigliandone la lettura e citando il virgolettato del magistrato nell’intervista rilasciata a Taormina del Mattino: “C’è qualcosa di più bello e significativo che vedere Lorenzo Insigne, giocatore che arriva dall’hinterland napoletano, dalla periferia degradata, simbolo di questo Napoli”?

 

 

Raffaele Cantone & Gianluca Di Feo

Football Clan

Edizioni Rizzoli, 282 pagine, 17 Euro

Disponibile su: