fbpx

L’estate dei docciati freddi e il nuovo Larry Semon

Scritto da Mauro Malafronte e Giuseppe Pedersoli Il . Inserito in A gamba tesa

Renzi Ice Bucket Challenge

Rovesci temporaleschi. Un’estate che addirittura ha spinto qualcuno a chiedere la proroga della stagione e il rinvio dell’apertura delle scuole. A nuvole, vento e goccioloni si è aggiunta l’immagine del Premier con un secchio d’acqua ghiacciata svuotato sul cranio. Che ha moltiplicato le adesioni alle iniziative anti “SLA” (malattia terribile).

Anche perfetti signor nessuno si sono sentiti autorizzati ad emulare Matteo Renzi, Diego Armando Maradona e tanti altri “docciati freddi” che hanno raffreddato un agosto per nulla torrido. Nell’epoca dei paradossi, non può che attenderci un autunno caldo. Il Presidente del Consiglio, questo gli va riconosciuto, si sforza come un matto per accelerare la ripresa dell’economia e il meccanismo delle riforme. Vola ovunque, è onnipresente e si prodiga per diffondere ottimismo. Ma soldi non ce ne sono. Ispirandoci a un noto spot pubblicitario e restando sul tema delle temperature, verrebbe da dire: “Mattè, fa caldo”. La scuola con un anno di superiori in meno farà crollare il fabbisogno di insegnanti e, di conseguenza, i posti di lavoro disponibili. Lo stesso dicasi per i permessi sindacali dimezzati (ma sul punto prevedo una battaglia politica e giudiziaria).

Insomma, dopo un agosto freddo con “docciati gelati”, ci attende un autunno caldo. In Campania, poi, non ne parliamo proprio. Le elezioni alla Regione sono imminenti e in campagna elettorale tutti si scatenano. La cancellazione della Provincia, con l’avvento della Città Metropolitana, moltiplicherà in modo esponenziale le tensioni. Chi sarà al vertice della nuova istituzione? Il sindaco appannato che qualcuno vuole uscente? Oppure Luigi de Magistris si rilancerà alla grande? E in questo scenario frenetico, quasi alla Ridolini, quale sarà il ruolo del Partito Democratico? Chi sarà il Larry Semon (per l’appunto chiamato “Ridolini”) che conquisterà consensi e prime pagine dei giornali?

Con tutto il rispetto per la battaglia contro la “SLA” e le docce gelate di vip e presunti tali, i cittadini preferiscono cose concrete. Magari potesse diventare realtà il sogno del deputato Leonardo Impegno sul tema della “RC Auto”. La spesa per quel maledetto tagliandino da esporre sul parabrezza è diventata insostenibile. Meno ghiaccio, più impegno, in tutti i sensi, maggiori risultati “tangibili”. Questo vogliono gli italiani e, forse, ancora di più i residenti in Campania. QdN sarà pronto a vigilare, stimolare, commentare. E, se serve, a criticare. Buon autunno. Lo diciamo a tutti, adesso, anche se l’estate finirà il 21 settembre.