fbpx

La stagione teatrale napoletana 2014/2015 – II puntata

Scritto da Roberto Calise Il . Inserito in Teatro

2014.09.10 - Nuova stagione teatrale 2014 2

Continua il viaggio di QdN nel ricchissimo panorama del teatro napoletano per la stagione 2014/2015. Dopo aver analizzato la scorsa settimana il cartellone dei teatri “storici” di Napoli, il San Carlo, il Mercadante ed il Bellini, in questa puntata vedremo cosa offre il Teatro Augusteo, per poi spostarci sulla collina del Vomero (teatri Diana e Cilea).

Teatro Augusteo

Numeri impressionanti di pubblico contraddistinguono da sempre lo splendido Teatro Augusteo, opera di Pier Luigi Nervi, inaugurato nel 1929. Il perché di questo successo è presto detto: come ogni anno, il cartellone offrirà un misto di grandi nomi della comicità e della musica italiana. Si comincia il 19, 20 e 21 settembre con Bentornata Piedigrotta, una cavalcata sulle più belle canzoni della tradizione napoletana. Sabato 11 e domenica 12 ottobre sempre spazio alla musica, con Peppino di Capri in concerto. Il weekend successivo (da venerdì 17 a domenica 19 ottobre) sarà invece dedicato alla settima arte, con la rassegna Artecinema, XIX festival internazionale di film sull’Arte Contemporanea, che, dal 1996, ha come obiettivo quello di mostrare l’arte contemporanea attraverso lo strumento del cinema documentario. La stagione teatrale propriamente detta sarà inaugurata il 24 ottobre da Sistina Story, omaggio alla commedia musicale italiana con Enrico Montesano e Pippo Baudo. Da venerdì 7 novembre sarà in scena Gino Rivieccio con Stasera ci divertiamo, una serata di monologhi e canzoni del comico napoletano. Due grandi nomi della musica italiana solcheranno il palco dell’Augusteo lunedì 17 (Stefano Bollani) e martedì 18 (Francesco Renga), prima di lasciare nuovamente spazio al teatro con un duo d’eccezione: Federico Salvatore e Peppe Lanzetta in Pascià (da venerdì 21 novembre). Chiudono l’anno due appuntamenti musicali, con Fiorella Mannoia in concerto (10 dicembre) e, da venerdì 12, Stelle a metà, la commedia musicale scritta da Alessandro Siani e interpretata da Sal da Vinci, per la quale si prevede un grande successo di pubblico. L’anno nuovo comincia sempre all’insegna del teatro in musica, con Sette spose per sette fratelli, il musical interpretato da Flavio Montrucchio e Roberta Lanfranchi, che saranno accompagnati da ben venti ballerini-acrobati-cantanti (da venerdì 16 gennaio 2015). Dopo il trinfo al Teatro Sistina di Roma, arriva anche a Napoli Jesus Christ Superstar, la più grande opera rock di tutti i tempi firmata da Tim Rice e Andrew Lloyd Webber, ma questa volta in un allestimento d’eccezione, con la band dei Negrita ad eseguire dal vivo le musiche dello spettacolo, coadiuvata da un’orchestra di 12 elementi (dal 29 gennaio). Un altro musical sarà in cartellone a partire da venerdì 6 febbraio: Tutti insieme appassionatamente, con Luca Word e Vittoria Belvedere. Dal 20 febbraio saranno in scena Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia in Taxi a due piazze, versione italiana di Run for your wife di Ray Cooney, noto commediografo britannico insignito nel 2005 della più alta onorificenza inglese, l’Ordine dell’Impero Britannico. Si ritorna dalla comicità d’Oltre Manica a quella strettamente napoletana a partire dal 13 marzo, con Biagio Izzo che intepreta L’amico del cuore, per la regia di Vincenzo Salemme. Per accontentare la grande richiesta di pubblico che la scorsa stagione non è riuscita a vedere Benvenuti in casa Esposito, anche in questa stagione l’Augusteo riproporrà la commedia di e con Paolo Caiazzo, accompagnato da Pino Imperatore e Alessandro Siani (dal 10 aprile). Torna Sal da Vinci sul palco, ma questa volta in veste di solo cantante, per quattro giorni di concerti (dal 23 al 26 aprile), nell’ambito del tour del suo ultimo disco, Se amore è, chiudendo al contempo la stagione 2014/2015.

Teatro Diana

In un Vomero devastato dalla chiusura di librerie e dove i centri di cultura sono sempre più rari, resiste da ben ottantuno anni il Teatro Diana, inaugurato nel 1933 dal Principe di Piemonte, Umberto di Savoia. Sul suo palco i più grandi nomi del teatro italiano novecentesco si sono esibiti, dai fratelli De Filippo, a Totò, passando per Vittorio Gassman, Dario Fo, Alberto Sordi, Giorgio Albertazzi e tanti altri. Anche quest’anno, il cartellone del teatro vomerese vedrà i grandi nomi della scena teatrale sia napoletana che nazionale, a partire da Luca De Filippo che, nel trentennale della scomparsa del padre, il grande Eduardo, porta in scena Sogno di una notte di mezza sbornia, accompagnato da Carolina Rosi, Nicola Pinto e Massimo De Matteo (da mercoledì 15 ottobre a domenica 2 novembre). Per dieci sere (5 – 16 novembre) Serena Autieri intratterrà il pubblico con il suo “one woman show”, La sciantosa. Ho scelto un nome eccentrico, scritto da Vincenzo Incenzo e diretto da Gino Landi. Chiude il mese un evento notevolissimo: Massimo Ranieri nei panni del Riccardo III di Shakespeare, con musiche originali di Ennio Morricone (19 – 30 novembre). La poliedrica Cristina Comencini, scrittrice, regista e sceneggiatrice fra le più quotate in Italia, presenta la sua nuova fatica, La scena, dirigendo sul palco Angela Finocchiaro e Maria Amelia Monti (da mercoledì 3 a domenica 14 dicembre). Una buona fine e un buon inizio all’insegna del buonumore, con Una famiglia quasi perfetta, scritto e diretto da Carlo Buccirosso, che traghetterà il pubblico del Diana nel nuovo anno (da mercoledì 17 dicembre 2014 a domenica 11 gennaio 2015). Qualche risata, un po’ più amara, strapperà anche il Don Giovanni, testo del commediografo seicentesco francese Molière, adattato da Tommaso Mattei, con il bel Alessandro Preziosi nel ruolo dell’amante per eccellenza e Nando Paone in quello di Sganarello (21 gennaio – 1° febbraio). Continua il divertimento con Vincenzo Salemme ed il suo Sogni e bisogni, che lo vedrà in scena da mercoledì 4 febbraio a domenica 15 marzo. Un altro grande autore napoletano, Silvio Orlando, sarà invece il protagonista de La scuola, adattamento teatrale dello splendido film del 1995. Ora come allora, lo spettacolo, alla pari del film, sarà diretto dal regista Daniele Luchetti. Unica differenza: nel ruolo che fu all’epoca di Anna Galiena vi sarà stavolta Marina Massironi (18 – 29 marzo). Dalla produzione di Tennessee Williams, uno dei maggiori drammaturghi novecenteschi americani, autore dell’indimenticato Un tram che si chiama desiderio, verrà riproposto dal regista Arturo Cirillo La gatta sul tetto che scotta, dramma teatrale del 1954, con protagonisti Vittoria Puccini e Vinicio Marchioni (8 – 19 aprile). Chiude la stagione una commedia, Oggi sto da Dio, di e con Sergio Assisi, accompagnato sul palco da Bianca Guaccero (da mercoledì 29 aprile a domenica 10 maggio 2015).

Teatro Cilea

Anche il Teatro Cilea, al confine fra il Vomero e Posillipo, comincia la stagione 2014/2015 omaggiando Eduardo De Filippo nel trentennale della scomparsa. Difatti, Gigi Savoia porterà in scena Ditegli sempre di si, una delle più note commedie eduardiane (dal 6 novembre). Un altro Eduardo, di cognome però Tartaglia, farà scintille sul palco con la splendida Veronica Mazza, nella commedia Ci sta un francese, un inglese e un napoletano, dove una promessa coppia di sposini dovrà far fronte ad un terzo incomodo molto particolare… (dal 13 novembre). Si ritorna a “casa De Filippo”, con il nipote di Eduardo, Luigi, figlio del fratello Peppino, che propone una commedia del padre, La lettera di mammà, portata in scena per la prima volta dai due fratelli nel lontano 1933 al Teatro Sannazaro (dal 4 dicembre). Natale in compagnia di Biagio Izzo, che rielabora Il Cenerentolo di Jerry Lewis, versione al maschile della celebre favola, chiudendo così anche il 2014 del Teatro Cilea (da giovedì 25 dicembre). Un inizio d’anno a metà fra la prosa ed il musical, con Monica Sarnelli in Sirene, Sciantose, Malafemmene ed altre storie di donne, uno spettacolo che recupera, analizzandole, le storie delle donne che popolano l’immaginario della canzone tipica napoletana (dal 22 gennaio 2015). Ritorniamo a casa dei fratelli De Filippo, con Gianfelice Imparato, accompagnato dall’incantevole Alessandra Borgia, che ripropone un altro testo di Eduardo, Uomo e galantuomo, da giovedì 29 gennaio. Umberto Bellissimo sarà invece il protagonista di E’ arrivata la felicità, commedia amara del 1935 scritta da Peppino, per la regia del figlio Luigi (dal 5 febbraio). Ci traspoterà durante la Seconda Guerra Mondiale, ma con allegria, la commedia musicale Risate sotto le bombe, interpretata da Gianni Fantoni e Le Sorelle Marinetti (dal 26 febbraio). Sbarca per la prima volta in Italia il musical Evita, ispirato alla mitica “first lady” argentina, morta prematuramente nel 1952, a soli 33 anni (da venerdì 6 marzo). Un altro appuntamento musicale sarà invece Un viaggio di canzoni. Dal Vesuvio al Cupolone, una sorta di viaggio fra le canzoni e la cultura di Napoli e Roma, con Lello Pirone e Natalia Cretella alla testa di dodici artisti di scena e sei professori d’orchestra (dal 12 marzo). Il classico schema del triangolo “lui, lei e l’altra” è alla base di Buon compleanno, divertente intrigo a firma di Pier Francesco Pingitore, con Martufello, Manuela Villa e Nadia Rinaldi (dal 19 marzo). Chiude la stagione Benedetto Casillo, che si misurerà con un “testo sacro” della cultura napoletana: Miseria e nobiltà, celeberrima opera di Eduardo Scarpetta, scritta nel 1888 e resa forse ancora più celebre dall’interpretazione cinematografica di Totò nel 1954 (da giovedì 26 marzo 2015).

 

Per maggiori informazioni sulla stagione teatrale 2014/2015:

 

La stagione teatrale napoletana 2014/2015 - Puntate precedenti: