fbpx

L'angolo del libro: Diario di una kemionauta di Maura Messina

Scritto da Serena Venditto Il . Inserito in Letteratura

jkhbkjb

Maura Messina ha poco più di vent'anni, è una pittrice decisamente talentuosa, è carina, piena di energia, innamorata della vita. Vive nella terra dei fuochi e un giorno le capita qualcosa che accade sempre più spesso a chi vive in questa zona: scopre di avere un tumore. Lei lo chiama "il mio limone di Sorrento" perché è più o meno grande così, quel linfoma che le è cresciuto dentro.

Per distruggerlo, per affrontarlo e sperare di sconfiggerlo dovrà intraprendere un viaggio in un universo finora visto da lontano, la chemioterapia. E dal momento che in questo universo i colori a olio (come molte altre cose) sono vietati e gli acquerelli che ha ordinato tardano ad arrivare, Maura pensa di iniziare a scrivere e raccontare in una personale cronaca questa esperienza. Nasce così Diario di una kemionauta, edito da Homo Scrivens, un libro che racconta giorno per giorno un'avventura dentro e fuori il proprio corpo in quello che l'autrice definisce "il pianeta kemioland". Ma non vi aspettate un testo drammatico, al contrario: incredibile a dirsi Diario di una kemionauta è un libro divertente. Sì, divertente. Con una stupefacente levità (che non è leggerezza) Maura si immagina astronauta alla scoperta di un mondo, dove ogni giorno è una scoperta, apre porte sconosciute e da esplorare, dove ogni progresso è una piccola enorme e faticosa conquista. E lo fa con ironia e coraggio. E poiché alla fine gli acquerelli sono arrivati a destinazione, il testo è corredato da splendide tavole che raccontano questo viaggio commovente ed emozionante nella malattia, certo, ma anche e soprattutto nella voglia di vivere. 

 

Maura Messina

Diario di una kemionauta

Homo Scrivens, 120 pagine, 12 euro

Disponibile su: