fbpx

Il congresso della “Felicità”

Scritto da Simone D'Andrea Il . Inserito in Il Palazzo

congresso gd

In questi giorni d’inizio Dicembre, i circoli dei Giovani Democratici dell'Area Metropolitana di Napoli sono impegnati nei Congressi di Circolo per eleggere i delegati che parteciperanno poi al primo Congresso Metropolitano. Un Congresso a cui si arriva in maniera anticipata, dopo le dimissioni improvvise ma, al tempo stesso, ragionate da parte del segretario Marco Sarracino, ora ricandidato alla guida della Giovanile.

Mi sembra giusto fare un passo indietro e parlare delle dimissioni del Segretario, per arrivare a capire cosa intendeva quando sosteneva che le dimissioni fossero “necessarie”, così come lo era l'anticipo del Congresso, e al tempo stesso capire la sua ricandidatura.

Se infatti saltiamo questo passaggio d'analisi, è davvero difficile comprendere l'importanza di questo Congresso, errore che ci possiamo concedere solo se volessimo fare i cronisti dei fatti, ma non nel caso in cui ci volessimo candidare ad essere futura classe dirigente del Partito e attuale classe dirigente della Giovanile.

Le dimissioni del Segretario arrivano in un preciso momento storico: un momento in cui l'organizzazione giovanile più grande del Mezzogiorno era cresciuta molto, soprattutto dopo essere riuscita ad ottenere importanti risultati, non solo nelle istituzioni e nel partito, ma soprattutto nel rapporto con la cittadinanza, grazie al lavoro di tanti circoli, radicati quasi ovunque nelle zone dell'area metropolitana napoletana.

Tutto ciò, a detta del Segretario, avrebbe portato grandi pezzi del Partito ad organizzarsi per mettere le mani sulle potenzialità della Giovanile, ormai forza non più trascurabile nel panorama democratico napoletano.

Un altro importante fattore, che ha contribuito non poco a questa scelta secondo il mio parere, è stato il lento affievolirsi della carica rinnovatrice della classe dirigente che aveva portato l'ex Segretario a vincere il Congresso nel 2012, fatto dovuto a varie ragioni.

Tra queste, parzialmente, l'età anagrafica, ma soprattutto il cambiamento della realtà politico-partitica, che è stato impresso velocemente in questi ultimi tempi dalle vicende nazionali, e che ora sta influenzando con forza anche la realtà giovanile, anche a livello nazionale. Una volta che ci è chiaro il quadro della situazione, possiamo comprendere più facilmente quello che vogliamo che accada con questo Congresso.

Non mi perderò in una disquisizione filosofica sul titolo della mozione congressuale “Alla ricerca della Felicità”, essendo già stato argomento di discussione durante l'Assemblea Pubblica, ma su quello che questo Congresso deve rappresentare nelle nostre intenzioni: una Svolta nella Continuità. L'uso di questi due termini è voluto e tutt'altro che antitetico o contraddittorio.

Svolta perché è innegabile che l'organizzazione giovanile è chiamata a ripensare il suo ruolo storico dopo la grande trasformazione del Partito, voluta dal segretario Matteo Renzi. Svolta perché appare chiaro a tutti che sia necessario un rinnovamento della classe dirigenti dei Giovani Democratici, che porti ad una nuova spinta sinergica di vecchi e nuovi militanti.

Svolta, poi, nel Partito Democratico Napoletano, sempre troppo debole e spento sui grandi temi di cui si discute nella città, che solo una Giovanile pienamente legittimata da un congresso di idee può apportare.

Svolta si, ma nella continuità. Nella Continuità dei risultati e delle forze più vive del percorso che hanno portato la Giovanile Napoletana ad essere una realtà affermata, operazione che non può prescindere dalla riconferma di Marco Sarracino nel ruolo di Segretario.

Una Svolta nella Continuità, alla Ricerca della Felicità, con i compagni democratici vecchi e nuovi, per comprendere il ruolo della Giovanile nell'area metropolitana di Napoli. Un ruolo, necessariamente, da protagonista, nel quale dobbiamo tutti candidarci ad essere protagonisti, nei nostri circoli e negli organi della giovanile. “Siamo la Generazione a cui hanno negato il Futuro, per questo abbiamo deciso di prenderci il Presente”.

Info: https://www.facebook.com/profile.php?id=752368631516166&ref=ts&fref=ts