fbpx

Succede a Napoli

Vivibilità, economia, sicurezza, disagio sociale.

Tutto ciò che accade a Napoli, commentato dall'interno della città.

Pharmexpo, a Napoli torna la fiera B2B del settore farmaceutico

Scritto da Matteo Zapelli Il . Inserito in Succede a Napoli

Foto Expo

Si riaccendono i riflettori su Pharmexpo - la fiera B2B del settore farmaceutico, l’unica manifestazione del centro-sud Italia dedicata al settore che mette in contatto farmacisti, medici ed operatori con le aziende - con l’appuntamento con la sua tredicesima edizione in programma dal 26 al 28 novembre 2021 (venerdì e sabato 10-18:30, domenica 10-15) nei padiglioni 4-5-6 della Mostra d’Oltremare di Napoli (viale Kennedy, 52).

Alla scuola Foscolo Oberdan “Fai Canestro” per l’ambiente!

Scritto da Angela Pascale Il . Inserito in Succede a Napoli

WhatsApp Image 2021 10 28 at 19.22.39 2

L’ambiente, la transizione ecologica, i cambiamenti climatici sono diventati argomenti comuni del dibattito pubblico, e sempre più frequentemente a dimostrarsi più attenti sono i più piccoli. Consapevoli che la salvaguardia del pianeta passa anche per le piccole abitudini quotidiane, sono pronti a darsi da fare, e a coinvolgere, nell’educazione ambientale, anche le proprie famiglie.

Nasce a Portici, nel bene confiscato Villa Fernandes, il “Centro di orientamento agli studi e alle professioni di diritto”

Scritto da La Redazione Il . Inserito in Succede a Napoli

il procuratore Airoma e lincontro pubblico a Villa Fernandes 2

Promosso dal Centro Studi Livatino e dall’associazione di promozione sociale BLab, nasce a Villa Fernandes – bene confiscato alla camorra, oggi hub creativo, polo formativo, di sviluppo locale e servizi alla persona – il Centro di orientamento agli studi e alle professioni di diritto, rivolto a laureandi e laureati in giurisprudenza.

Quarto, in un immobile confiscato al clan Polverino nasce Mehari la casa della legalità dedicata alla memoria di Giancarlo Siani

Scritto da Elisabetta Di Fraia Il . Inserito in Succede a Napoli

Schermata 2020 09 25 alle 18.54.02

A 36 anni dalla morte di Giancarlo Siani, nasce a Quarto, in provincia di Napoli, " Mehari- casa della legalità e delle associazioni" dedicata al giornalista de Il Mattino ucciso per mano della camorra. Mehari, il nome é quello dell’auto del giornalista, nasce in un immobile confiscato dopo le indagini del pool antimafia al boss Nicola Imbriani, affiliato del clan Polverino e acquisito da qualche mese al patrimonio del municipio di Quarto.

Green Blue Days, tre giorni dedicati allo sviluppo sostenibile dal 13 al 15 ottobre nel Complesso monumentale del convento di San Domenico Maggiore a Napoli

Scritto da Maddalena Maria Sorbino Il . Inserito in Succede a Napoli

image0 9

GreenBlueDays aprire al pubblico mercoledì 13 ottobre alle ore 9 nel Complesso monumentale del convento di San Domenico Maggiore a Napoli. Spalancheranno le porte le ideatrici del progetto e fondatrici di Green Blue Days: Sonia Cocozza, Creative Director, Rosy Fusillo, Project & Design Manager, Elisabetta Masucci, Event Manager con la madrina del progetto, l'attrice Veronica Maya.

Quarto, in un immobile confiscato al clan Polverino nasce Mehari la casa della legalità dedicata alla memoria di Giancarlo Siani.

Scritto da Elisabetta Di Fraia Il . Inserito in Succede a Napoli

antonio sabino 1

A 36 anni dalla morte di Giancarlo Siani, nasce a Quarto, in provincia di Napoli, " Mehari- casa della legalità e delle associazioni" dedicata al giornalista de Il Mattino ucciso per mano della camorra. Mehari, il nome é quello dell' auto del giornalista, nasce in un immobile confiscato dopo le indagini del pool antimafia al boss Nicola Imbriani, affiliato del clan Polverino e acquisito da qualche mese al patrimonio del municipio di Quarto.

Il comune di Quarto accoglie una famiglia afghana. Il Sindaco Antonio Sabino mette a disposizione un bene confiscato alla camorra.

Scritto da Elisabetta Di Fraia Il . Inserito in Succede a Napoli

antonio sabino 1

“Benvenuti a Quarto, la nostra comunità vi accoglie con affetto”. Con queste parole il sindaco, Antonio Sabino, ha accolto la famiglia di profughi afghani che sarà ospitata in un alloggio confiscato al clan camorristico dei Polverino ed inserito nel patrimonio comunale. Il sindaco di Quarto ha ricordato che questo gesto di solidarietà è stato possibile anche grazie al lavoro svolto dalla diocesi di Pozzuoli.