fbpx

Port'Alba

Dal nome dello storico mercato dei libri cittadino, uno sguardo sul teatro, la musica, la letteratura e tutto ciò che è cultura, rigorosamente "made in Napoli"

Napoli. Nasce al Rione Sanità il primo vicolo della cultura di Italia.

Scritto da La Redazione Il . Inserito in Port'Alba

il vicolo della cultura opportunity

Napoli è città di primati, si sa. La prima ferrovia d'Italia è napoletana. Esattamente come il primo teatro al mondo, il teatro San Carlo, o il primo orto botanico d'Italia. Dal 21 Dicembre Napoli sarà anche la prima città d'Italia ad avere un "vicolo della cultura": uno dei classici vicoli della città, via Montesilvano, nel cuore del Rione Sanità, si trasformerà infatti in una grandissima biblioteca pubblica all'aperto, tra opere di street art, installazioni artistiche ed "edicole culturali", grazie alla Onlus più giovane d'Italia e alla solidarietà di Toraldo, la famosa azienda Italiana produttrice di caffè.

Notte d’arte 2019 a Napoli: il Centro storico si anima di cultura e spettacolo

Scritto da Vittoria Ziviello Il . Inserito in Port'Alba

break napoli

Giunge alla sua settima edizione il format pensato e realizzato dalla Seconda Municipalità di Napoli. Sabato 14 dicembre 2019, le strade del Centro storico ospiteranno una serie di eventi volti alla valorizzazione culturale della città. Il tema di questa edizione sarà incentrato sull’ “abbattimento dei muri”; una formula che vuole evocare il superamento di barriere costruite sui pregiudizi, sulle distanze, sulle diversità culturali e vuole inibire ogni forma di discriminazione e di paura dell’altro.

Al MANN “Il rumore del silenzio”, ancora troppo attuale il tema della violenza sulle donne

Scritto da Felicia Trinchese Il . Inserito in Port'Alba

Il rumore del silenzio

Il MANN, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulla donna, propone una mostra fotografica, “Il rumore del silenzio”, ed una performance teatrale per sensibilizzare il pubblico su un tema di tragica attualità. Arte, fotografia e spettacolo per una battaglia di civiltà: tutto questo è racchiuso all’interno di un’esposizione unica visitabile fino al prossimo 2 dicembre.

La leggenda di Acquamorta

Scritto da Maddalena Maria Sorbino Il . Inserito in Port'Alba

Acquamort

È risaputo che la città di Napoli sia una terra ricca di miti e leggende. Sono tante, infatti, le storie che descrivono Partenope, circondando di poesia non solo la città stessa ma anche la provincia.
Monte di Procida, ad esempio, parte più estrema della penisola flegrea, ha la sua storia da raccontare.

Storia di Napoli (terza parte parte)

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Port'Alba

Napoli 2

Nel corso della guerra di successione spagnola, il vicereame di Napoli passò agli Austriaci (1707-34) nella persona di Carlo VI d'Austria ma nel 1734 Carlo III di Borbone, figlio di Filippo V di Spagna, cacciò gli Austriaci da Napoli e la città, di nuovo capitale di un regno apparentemente autonomo, ebbe un periodo di straordinario splendore, si arricchì di monumenti, vide fiorire le lettere e le arti e poté godere della politica riformista e illuminata di Carlo III e del suo successore Ferdinando IV e della loro alleanza con la nobiltà locale.

Campania segreta: il Castello di Bisaccia

Scritto da Luca Murolo Il . Inserito in Port'Alba

WhatsApp Image 2019 11 06 at 9.54.59 PM 6

Il paese di Bisaccia si trova all’estremità est-nord-est della Campania, praticamente al confine con la Puglia e la Basilicata. Come tutta la zona fu abitata fin da tempi antichi, risaliamo addirittura all’età del bronzo, di cui sono state trovate tracce e reperti.

Storia di Napoli (seconda parte)

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Port'Alba

Napoli 1

Il governo illuminato di Federico II non valse a riconciliare del tutto Napoli con la nuova dinastia, che le anteponeva sempre Palermo, e l'assoggettava a un pesante regime fiscale. Dopo la scomparsa di Federico II, nonostante la tutela papale, finì col cedere a Manfredi (1256), che s'adoperò per accattivarsene la popolazione.

Gli Ebrei tra Napoli e Bacoli

Scritto da Maddalena Maria Sorbino Il . Inserito in Port'Alba

bacoli

Una delle questioni storiche più appassionanti, tutt’oggi molto dibattuta, riguarda la presenza degli ebrei sul territorio attestata alla metà del 1600.
Essi risiedono in questi luoghi già dal tempo dei romani ma nel 1650 furono espulsi dal viceregno di Napoli dopo che il proclama del vicerè Don Pedro de Toledo aveva costretto loro alla fuga.

Campania segreta: il Castello di Lettere

Scritto da Luca Murolo Il . Inserito in Port'Alba

WhatsApp Image 2019 10 23 at 6.50.28 PM 4

La città di Lettere, che esiste sin dall’epoca imperiale, quando tutta la zona era il fiore all’occhiello della civiltà romana, è dominata dal suo castello, che ne è anche il simbolo. Costruito dagli Amalfitani, probabilmente sotto Masone I, per proteggere la Repubblica dagli attacchi provenienti dal golfo di Napoli, ha una posizione talmente dominante su tutta la valle del Sarno, da poterne controllare tutti i tipi di traffici, militari e commerciali.