fbpx

Succede a Napoli

Vivibilità, economia, sicurezza, disagio sociale.

Tutto ciò che accade a Napoli, commentato dall'interno della città.

La strada della morte

Scritto da Aniello De Crescenzo Il . Inserito in Funiculì, funicolà

SS268 2

La strada statale 268 del Vesuvio, lugubremente nota alla cronaca come statale della morte, attraversa l'area vesuviana interna della Campania, andando da Cercola ad Angri per un tracciato complessivo di circa 30 km.

La riforma della portualità ed il futuro del Porto di Napoli

Scritto da Roberto Calise Il . Inserito in Funiculì, funicolà

2016.09.15 La riforma della portualita ed il futuro del Porto di Napoli

Giovedì 15 settembre 2016 è una data storica per il mondo della portualità italiana. Infatti, entra finalmente in vigore la riforma di riordino del settore, attesa per più di vent’anni. Un iter lungo, che ha visto all’opera negli ultimi due anni il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, prima con l’approvazione del Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica, per poi, di concerto con il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, elaborare la parte più delicata: quella di riordino delle Autorità Portuali.

Le linee flegree dell'EAV: un declino inesorabile?

Scritto da Fabio Lauri Il . Inserito in Funiculì, funicolà

Fabio Lauri

Le condizioni del sistema dei trasporti in Campania sono da sempre al centro di discussioni tra responsabili del settore e non. In particolare, lo stato in cui versano le linee flegree (Cumana e Circumflegrea), il trasporto pubblico che copre gran parte dell’area flegrea, gestita dall’EAV (Ente Autonomo Volturno), ha dell’incredibile.

I'm UNICO

Scritto da Luca di Procolo Il . Inserito in Funiculì, funicolà

trasporti 4 2

A partire dal 20 luglio di quest’anno gli studenti campani potranno utilizzare i mezzi pubblici in maniera totalmente gratuita. La manovra, che è costata alla Regione 15,6 Mln di euro, prevede infatti che gli studenti fino a 26 anni e con un reddito ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) inferiore ai 35.000 euro possano ottenere un abbonamento annuale al costo forfettario di 50 euro.

EAV lancia SaM, app per viaggiare sicuri in Vesuviana

Scritto da Fabio Di Nunno Il . Inserito in Funiculì, funicolà

thumbnail circum 735x400

Ormai, quando viaggiamo in treno o in bus, il telefonino è il nostro compagno di viaggio più fidato: lo usiamo per leggere, parlare, chattare o giocare. Ma, grazie alle moderne tecnologie, lo smatphone si può trasformare anche in uno strumento per la sicurezza dei viaggiatori. È questa l’idea sottesa all’applicazione SaM, per ora disponibile solo per Android e per IoS. L’iniziativa è stata annunciata lo scorso 14 luglio dal Presidente di E.A.V. – Ente Autonomo Volturno, Umberto De Gregorio. 

Lo strano caso di "Stabia Main Port"

Scritto da Mauro Malafronte Il . Inserito in Funiculì, funicolà

pescatore-nel-porto-di-stabia-

Trentatre, trentatre e trentatre. Tre parti uguali. Tre società per un unico consorzio: la “Porto Salvo srl”, la “Pontili San Catello sas” di Catello Buonocore e la “Banchina Alessandro sas” di Aiello Annunziata si sono consorziate nella “Porto Antico di Stabia srl”, concessionaria di alcuni strategici beni demaniali marittimi portuali a Castellammare di Stabia.

La sfida per il salvataggio dell’EAV: intervista ad Umberto De Gregorio

Scritto da Roberto Calise Il . Inserito in Funiculì, funicolà

2015.12.03 - La sfida per il salvataggio dellEAV intervista ad Umberto De Gregorio

L’EAV – Ente Autonomo Volturno, è una delle maggiori aziende di trasporto d’Italia. Con oltre 3000 dipendenti, gestisce 300 km di linee ferroviarie con 150 stazioni, e produce con la sua flotta su gomma oltre 17 milioni di bus/km l’anno. Tuttavia, questo gigante buono, che un tempo aveva come fiore all’occhiello la ferrovia Circumvesuviana, per anni considerata la migliore d’Italia, è anche un gigante malato, la cui cura è stata affidata al dott. Umberto De Gregorio.

Il futuro del Porto di Napoli discusso al seminario internazionale “Maritime identity and urban regeneration for sustainable development of seaside cities”

Scritto da Marcellino Vitolo Il . Inserito in Funiculì, funicolà

cinque

Cinque progetti, cinque strategie, cinque idee. Questo è il frutto del laboratorio di urbanistica collaborativa lanciata dal CNR-IRISS, insieme agli architetti e agli psicologi della Federico II, per riqualificare e restituire, ai cittadini, l’uso degli spazi pubblici del waterfront del golfo di Napoli. I cinque progetti di riqualificazione urbana hanno interessato le seguenti aree: il Molo San Vincenzo, il litorale di Castellamare di Stabia, l’isola di Nisida, il Granatello di Portici ed il golfo di Pozzuoli.

Finita Expo Milano 2015, non si potrebbe avere un pezzo della copertura del suo decumano per piazza Garibaldi?

Scritto da Fabio Di Nunno Il . Inserito in Funiculì, funicolà

Tensostruttura Expo

Era il 24 aprile 2015 quando fu inaugurata la cosiddetta “piazza ipogea” di piazza Garibaldi, con il sottopasso di collegamento fra la stazione della metropolitana Linea 1, la stazione della metropolitana Linea 2 e la stazione ferroviaria di Napoli Centrale, che seguiva l’inaugurazione della sola stazione della metropolitana Linea 1, come raccontato dalla nostra testata nel dicembre 2013.

Il trasporto in Campania e le sue ceneri: sei punti per ripartire

Scritto da Roberto Calise Il . Inserito in Funiculì, funicolà

2015.09.17 - Il trasporto in Campania e le sue ceneri sei punti per ripartire

Lo scorso 25 agosto un treno EN 300 della Cumana, una delle principali ferrovie suburbane della provincia di Napoli, gestita dall’Ente Autonomo Volturno (EAV), è andato a fuoco. Per fortuna, non vi sono state conseguenze per i tanti pendolari che lo affollavano. Tuttavia, quello che può sembrare come un episodio sfortunato è in realtà solo l’ultimo atto di un disagio dell’intero settore dei trasporti campani che viene da lontano. Un disagio che ha nomi e cognomi, e che comincia esattamente cinque anni fa.

Trasporto pubblico in Campania: dal biglietto Unico agli utenti con il TIC

Scritto da Daniele Puglia Il . Inserito in Funiculì, funicolà

caos

“Un pendolare residente in provincia, che si sposta a Napoli ogni giorno, quanti biglietti consuma al mese? Ve lo dico io: quasi 100! Incredibile! ma da oggi c’è UNICO”. Il simpatico bigliettaio, interpretato nello spot da Alessandro Greco, annunciava con semplici parole la rivoluzione della tariffazione che si stava per avviare in Campania. Una rivoluzione che cambiava radicalmente la visione del trasporto pubblico locale, mettendo le esigenze dell’utente al centro dell’azione politica e programmatica e non più quelle delle singole aziende.

Ambarabaciccicocco' questo porto a chi lo do

Scritto da Gianluca Battaglia Il . Inserito in Funiculì, funicolà

porto napoli

Quale società malata potrebbe accettare e acconsentire che una risorsa strategica e fondamentale come l'autorità portuale possa restare nel limbo per quasi un anno e mezzo? Quale amministrazione accorta potrebbe permettere di perdere 80 milioni di euro di fondi strutturali? Come si fa a mettere sullo stesso piano figure politiche senza competenze e figure tecniche di primario livello avulse dalla politica per trovare il migliore soggetto in grado di risollevare le sorti del porto di Napoli?

Arriva il Piano Nazionale dei Porti: cosa cambia per Napoli e l’Italia

Scritto da Roberto Calise Il . Inserito in Funiculì, funicolà

Porto di Napoli

Ormai ci siamo. Dopo più di vent’anni dall’ultima legge degna di nota del settore (la 84/1994), è in dirittura d’arrivo il nuovo Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica, elaborato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) e approvato in Consiglio dei Ministri lo scorso venerdì 3 luglio. Un testo cardine, che mira a ridisegnare il settore della portualità italiana.

Trasporto pubblico in Campania: cercasi miracolo a buon prezzo

Scritto da Daniele Puglia Il . Inserito in Funiculì, funicolà

trasportissimo

Seicentomila passeggeri al giorno persi sull’intera rete dei trasporti pubblici della Campania, Cumana con frequenza di 20/30 minuti (10 minuti nella tratta Montesanto – Bagnoli nel 2010), 50 treni disponibili sulla Circumvesuviana (erano oltre 100 nel 2010), corse dimezzate ed irregolari sulla linea Arcobaleno MCNE, migliaia di corse in meno su tutta la rete autobus regionale, 337 treni in meno sulla rete Trenitalia (1007 nel 2010, 670 nel 2015) nessun cantiere operativo concluso e consegnato, nessun nuovo cantiere aperto, nessun nuovo treno messo in servizio della fornitura FIREMA, cancellazione del biglietto UNICO, aziende pubbliche fallite ed in crisi.