fbpx

Linea di Confine

Temi delicati, eticamente sensibili, trattati con attenzione.

Una linea di confine difficile da tracciare, ma doverosa da chiarire: eutanasia, testamento biologico e dintorni.

La Rai vieta la Blackface

Scritto da Vitaliano Corbi Il . Inserito in Linea di Confine

Ghali 3

Se è vero che il linguaggio non è mai davvero neutro, se le parole sono importanti, allora occorre ricordare che, soprattutto nella comunicazione, il contesto lo è ancora di più. Stiamo scoprendo che non c’è bisogno di una rivoluzione culturale in stile anni Sessanta per vedere una nuova strada dispiegarsi dinnanzi a noi. Oggi, questa strada è quella del politicamente corretto. Tuttavia, non chiedersi dove porterà, imboccandola di corsa, determinerebbe la morte del pensiero stesso.

I Maggio: festa dei non lavoratori e polemiche sul DDL Zan

Scritto da Imma Galluccio Il . Inserito in Linea di Confine

fedez concerto I maggio

Come tradizione vuole c’è stato anche quest’anno il concerto del I maggio, festa dei lavoratori. Pubblicizzato come la riapertura e la rinascita dei settori messi in crisi dalla pandemia, protagonista il settore dello spettacolo duramente colpito quest’anno e poco tutelato dalle scelte politiche. Ha pensato bene il rapper Fedez a mettere sotto le luci della ribalta con un discorso da lui scritto, prima censurato dai vertici di Rai 3 perché non rispettava lo spirito della festa facendo anche riferimento a partiti politici e poi approvato dopo l’insistenza del rapper per il suo diritto alla libera espressione, le mancanze politiche degli ultimi tempi partendo dal lavoro ma arrivando fino al DDL Zan.

L’associazione Onda Rosa realizza un vademecum per aiutare le donne a sopravvivere durante il lock down. La Presidentessa Marinella De Nigris “Le donne, già vittime di violenza, non devono essere vittime anche della giustizia”

Scritto da Elisabetta Di Fraia Il . Inserito in Linea di Confine

onda rosa foto solo logo

L’analisi degli ultimi dati Istat sulla violenza domestica e relativi al periodo compreso tra marzo e ottobre 2020, sono molto preoccupanti. Il numero di chiamate valide sia telefoniche sia via chat pervenute al numero di pubblica utilità 1522 contro la violenza sulle donne e lo stalking è notevolmente cresciuto rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+71,7%), passando da 13.424 a 23.071.