fbpx

Port'Alba

Dal nome dello storico mercato dei libri cittadino, uno sguardo sul teatro, la musica, la letteratura e tutto ciò che è cultura, rigorosamente "made in Napoli"

Cherubino Gambardella – Panorami da un altro Pianeta Terra

Scritto da Luca Murolo Il . Inserito in Port'Alba

WhatsApp Image 2020 10 09 at 23.00.09

La P.R.A.C., Piero Renna Arte Contemporanea, presenta la nuova mostra di Cherubino Gambardella, già prevista per l’inverno scorso, rimandata per il “lock-down” causato dall’ormai tristemente noto COVID. L’esposizione è così arricchita di nuove opere che l’artista ha avuto modo di creare in quel periodo, offrendoci una ventina di lavori, oltre a “Parthenos”, un’opera di gran formato, da cui è stato ricavato uno scialle prodotto dalla “Amina Rubinacci” per la collezione primavera-estate 2020 e presentato alla Milano Design Week.

Benedetto Croce (prima parte)

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Port'Alba

Croce

Filosofo, storico e critico (Pescasseroli 1866-Napoli 1952). Compì i primi studi a Napoli in un collegio di barnabiti e a 17 anni, avendo perduto i genitori e la sorella, fu accolto dal cugino Silvio Spaventa nella sua casa di Roma, dove s'iscrisse, senza troppo entusiasmo, alla facoltà di giurisprudenza.

Giambattista Vico (terza parte)

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Port'Alba

Vico

Lo studio delle lingue e delle etimologie diventa così d'importanza capitale perché possa realizzarsi un'autentica e approfondita conoscenza storica. Da questo appare evidente come l'interpretazione vichiana della storia muova da una condizione primitiva e selvaggia, dalla quale solo gradualmente l'uomo si libera.

Geologia e archeologia: la grotta di Seiano e il parco archeologico di Pausilypon a Napoli

Scritto da Maddalena Maria Sorbino Il . Inserito in Port'Alba

escursione grotta seiano

Nell'ambito della VIII edizione della Settimana del Pianeta Terra, il 7 ottobre 2020 dalle 9;30 alle 13:30, si svolgerà l'evento “Geologia e archeologia: la grotta di Seiano e il parco archeologico di Pausilypon a Napoli”, organizzato dal Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza, patrocinato dal Comune di Napoli in collaborazione con il C.S.I. Gaiola onlus.

Giambattista Vico (seconda parte)

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Port'Alba

Vico

Nella 'Scienza nuova' Vico si propone di scoprire l'intima struttura dello sviluppo delle cose umane, cioè della storia; quali sono le leggi e i principi che reggono e governano questo sviluppo; quali sono le fasi e i gradi successivi attraverso i quali l'uomo è passato partendo da una condizione selvaggia e quasi animalesca per arrivare alla cultura e alla civiltà più progredita.

I mosaici di Piazza Armerina

Scritto da Luca Murolo Il . Inserito in Port'Alba

WhatsApp Image 2020 09 27 at 21.44.15

Così universalmente conosciuti, Patrimonio dell’Umanità, si trovano nella Villa romana del Casale, a pochi chilometri dalla bella cittadina siciliana. Scoperta nel 1950, in seguito alle indicazioni di contadini della zona, dall’archeologo Gino Gentili, fu immediatamente datata attorno ai primi anni del IV secolo d. C., quindi nel periodo della Tetrarchia di Diocleziano, quando suddivise la gestione del potere in quattro. Due Augusti e due Cesari: Diocleziano stesso, Galerio, Costanzo Cloro e Massimiano.

Giambattista Vico (prima parte)

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Port'Alba

Giambattista Vico

Filosofo (Napoli, 1668-1744). Contribuì, sia pur indirettamente, alla formazione della teoria kantiana della conoscenza opponendosi a quella di Cartesio, e soprattutto con la sua filosofia della storia anticipò concezioni successivamente sviluppate dalla cultura preromantica, romantica e idealistica tedesca e in particolare da Herder e da Hegel.

Campania Segreta: Conca della Campania

Scritto da Luca Murolo Il . Inserito in Port'Alba

a199e458 a3f1 4d25 9a7b cc0a8cdd2161

Il territorio di Conca della Campania ricade sul versante nord-orientale del complesso vulcanico del Roccamonfina, che già vedemmo dettagliatamente nel numero del 29/6/2017 di QdiN, ed ha costituito, nei secoli, grazie alla sua posizione, uno snodo fondamentale nelle comunicazioni tra Lazio e Campania.

Benevento – I due teatri (seconda parte)

Scritto da Luca Murolo Il . Inserito in Port'Alba

feba65b0 b213 4360 8217 974c71ab47b1

Se trovare l’antico Teatro Romano si è rivelato facilissimo, tutt’altra cosa è per l’anfiteatro, sconosciuto alla maggior parte della popolazione locale. A chiunque ne chiedo informazioni, a meno di non cascare su di un erudito o un professore di storia, cosa che a me non è capitata, mi rimanda al più conosciuto Teatro al centro del Triggio. Prendo qualche coordinata, e riprendo la mia ricerca da ponte Leproso.

Quarto, il volto di Rosa Parks nel nuovo murales di Jorit

Scritto da Elisabetta Di Fraia Il . Inserito in Port'Alba

jorit quarto

Dopo l’ultimo murales realizzato nel mese di giugno, su un palazzo del rione Bisignano, a Barra, quartiere della periferia orientale di Napoli e dedicato a George Floyd, l’afroamericano ucciso da un poliziotto, durante un fermo, il 25 maggio scorso a Minneapolis, il noto street artist Jorit realizza una nuova opera dedicata sempre alla lotta contro il razzismo ed alla continua battaglia per i diritti civili.

Benevento – I due teatri (prima parte)

Scritto da Luca Murolo Il . Inserito in Port'Alba

d56cca83 7863 404f ae35 6ea2f794b9c8

L’antico Teatro Romano di Benevento è oggi di nuovo restituito alla popolazione, come monumento storico, e nella sua funzione originale, di luogo deputato alla rappresentazione di spettacoli, infatti nel periodo estivo ospita importanti rassegne liriche e teatrali. Ma per secoli non è stato così. Fino agli inizi del XX secolo si presentava interamente invaso da una moltitudine di casette, fabbricate con lo stesso materiale del monumento, già in precedenza saccheggiato di quasi tutti i suoi fregi marmorei, che ricoprivano la struttura in mattoni e pietra calcarea.

Amalfi

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Port'Alba

Duomo di Amalfi

Fondata dai Romani nel sec. IV d.C., fu diocesi e 'castrum' bizantino dopo la vittoria di Narsete sui Goti (573). Assediata da Arechi II di Benevento, Amalfi fu conquistata dai Longobardi (comandati da Sicardo) solo nell'838. Nello stesso anno la città insorse, elesse un capo, Pietro, con il titolo di 'comes' costituendosi libero comune.