fbpx

Napoli IN & OUT

Chi parte e chi resta.

Napoli vista dai suoi figli emigrati e dai suoi nuovi figli provenienti da tutto il mondo.

Napoli vede se stessa morire

Scritto da Gabriele Crispo Il . Inserito in Napoli IN & OUT

barbonicrispo

Napoli è una città ricca di povertà: è questa l'immagine che superficialmente si fa un turista o un pendolare che esce dal Terminal di Piazza Garibaldi. Clochard, venditori ambulanti, gente che urla: gente che sfruttando la buonafede del turista smaliziato educato dalla città stessa si ritroverà a dire “bella si, ma... mai più”.

Sanzioni economiche contro la Russia: un arma a doppio taglio

Scritto da Mario Lettieri e Paolo Raimondi Il . Inserito in Napoli IN & OUT

Lettieri raimondo

Le sanzioni economiche nei confronti di uno Stato allontanano qualsiasi soluzione negoziata, invece occorre creare sempre le condizioni per risolvere i contrasti e ottenere la migliore convivenza ed il più efficace sviluppo comune. Ecco perché noi riteniamo che l’Ue, la Russia e l’Ucraina, che convivono nello spazio euro-asiatico, debbano muoversi in quest’ottica.

Presentato a Mosca il grande progetto di sviluppo del continente euro-asiatico.

Scritto da Mario Lettieri e Paolo Raimondi Il . Inserito in Napoli IN & OUT

trasferimento

Mentre i venti di una nuova guerra fredda e i rischi di veri e propri conflitti intorno alla questione Ucraina crescono, importanti personalità dell’economia e delle scienze della Russia propongono invece una visione pacifica dello sviluppo infrastrutturale, economico e culturale dell’intero continente euro-asiatico.

G20 di Sydney: scontro con i Paesi emergenti

Scritto da Mario Lettieri e Paolo Raimondi Il . Inserito in Napoli IN & OUT

G20

Il recente summit di Sydney tra i ministri delle Finanze ed i governatori delle banche centrali del G20 è stato, più che un incontro di coordinamento, un vero e proprio scontro tra poteri e interessi differenti. E’ avvenuto in un momento assai delicato, all’apice della destabilizzazione valutaria e della spinta inflazionistica in tutti i Paesi emergenti. Ma sembra che sull’argomento sia stato imposto il silenzio.

Crisi monetarie e finanziarie nelle economie emergenti. Che fa l’Europa?

Scritto da Mario Lettieri e Paolo Raimondi Il . Inserito in Napoli IN & OUT

Lettieripadre

Com’era prevedibile, le valute e le borse delle economie emergenti sono sotto enorme stress. Lo sono da quando lo scorso giugno il governatore della Federal Reserve, Ben Bernanke, annunciò la decisione di rivedere la sua “politica monetaria accomodante”. In pratica dichiarò l’imminente riduzione degli acquisti di bond del Tesoro e di derivati asset backed security. Si ricordi che allora erano di 85 miliardi di dollari al mese.

Oltre un milione di euro per i giovani di Napoli

Scritto da Mattia Travaglione Il . Inserito in Napoli IN & OUT

Giovani Napoli

Lo scorso 9 gennaio sono stati presentati dall’Assessore alle Politiche Giovanili Alessandra Clemente importanti bandi del valore totale di 1.195.426,05 Euro “per la progettazione di attività e servizi rivolti ai giovani”. Lo stanziamento è stato possibile grazie ai fondi ministeriali (PLG - Piano Locale Giovani) e regionali (PTG - Piano Territoriale Giovani).

Napoli ha mille colori

Scritto da Manlio Converti Il . Inserito in Napoli IN & OUT

ManlioNapoli

Il detto “Napul’e mille culure” proviene da un effetto cromatico reale, ormai impossibile per l’uso degli acrilici più impermeabili, che ogni anno si riproduceva sui palazzi, dipinti per moda ogni anno in primavera di un colore diverso e poi lavati dalle piogge autunnali. Ogni parete rivelava per tutto l’inverno i mille colori delle stagioni precedenti, arricchendo la città di un incredibile effetto romantico.

Genova per noi; Il paradigma della sinistra

Scritto da Mario Bianchi Il . Inserito in Napoli IN & OUT

MarioBiachiGenova

A Genova in piazza della Vittoria si riunisce il popolo che protesta, il popolo migliore, quello a Cinque stelle! Grillo gli serve il suo piatto preferito, la macedonia della rivolta: un po’ di antieuropeismo, un po’ di pacifismo, qualche pezzetto di ambientalismo No Tav, una fettina di xenofobia, molto giovanilismo tutto condito con “noi siamo i migliori e voi i ladri”.

La fredda accoglienza di Berlino

Scritto da Manlio Converti Il . Inserito in Napoli IN & OUT

Manlio Berlino 1

Come ogni buon nevrotico sono andato a Berlino in autunno, sotto un cielo di ghiaccio, tra palazzi dalle infinite tonalità di grigio, a visitare monumenti dal 1880 in poi, senza uscire mai di notte, nella pur ricca vita bohemien, proprio per evitare di trovare marito!

La Chinatown vesuviana

Scritto da Angela Pascale Il . Inserito in Napoli IN & OUT

Angela cinese

Cercando su youtube capita di trovare una canzone di un localmente noto cantante neomelodico, Pino D’Amato, che canta una canzone intitolata “Sti cinis” dove, in maniera buffa, a metà fra la disperazione e una vena razzista descrive il fenomeno del sempre crescente numero di cinesi presenti sul territorio napoletano e sulle loro attività. Così che un sabato pomeriggio di una settimana fa ho deciso di andare a fare un giro tra gli ingrossi di San Giuseppe Vesuviano e Terzigno per guardare da vicino “questi cinesi”.

La "Sorrento bene" tra spaccio e riciclaggio

Scritto da Mauro Malafronte Il . Inserito in Napoli IN & OUT

panorama di sorrento

Un unico flusso inarrestabile di soldi e droga ci passano sotto il naso. La penisola sorrentina è fatta per essere vissuta al cento per cento, senza il rischio di serate piatte, senza il rischio di risultare banali. Ci sono posti in cui bisogna andare a cento all'ora, meglio fuori giri che fuori dal mondo. Come al solito siamo assuefatti, leggiamo di droga come degli oroscopi o del meteo, nulla ci sfiora ne' ci preoccupa, tantomeno ci interessa.

PISTAAAAAAAAAA....pista ciclabile!

Scritto da Manlio Converti Il . Inserito in Napoli IN & OUT

Manlio BICI

Chilometri di parole non bastano per spiegare la lenta ma inesorabile rivoluzione dei ciclisti a Napoli. Partiamo dagli sportivi, emuli di Pantani o Coppi, ma anche dalle sportive che si ispirano ad Alfonsina Strada e che invadono velocemente le nostre strade di notte, all’alba e nei fine settimana per correre sul serio, a loro rischio e pericolo, sulle superstrade e le provinciali davvero poco ciclabili del nostro meridione.