fbpx

A gamba tesa

I nostri editoriali a commento degli avvenimenti più rilevanti della settimana politica

RC Auto: tariffa Italia

Scritto da Riccardo Barone Il . Inserito in A gamba tesa

3eDITOiriale rici

L’8 maggio verrà depositata in Corte di Cassazione la seguente proposta di legge di iniziativa popolare: “Al comma 1 dell’articolo 133 del decreto legislativo 209 del 2005 dopo il terzo periodo inserire il seguente:

La crisi delle primarie di Napoli 2011. Come uscirne?

Scritto da Nicola Tremante Il . Inserito in A gamba tesa

pd prov

L'annullamento di autorità da parte del PD nazionale delle elezioni “Primarie” del gennaio 2011 per la scelta del candidato Sindaco di Napoli per la coalizione di centrosinistra (con il divieto per gli organi delle Primarie di proclamare i risultati sulla base del relativo regolamento) costituì – e continua a costituire - una “ferita grave” nei rapporti tra il PD e l'opinione pubblica, in particolare a Napoli.

Città metropolitana e PTCP – Capitolo 2

Scritto da Guido Riano Il . Inserito in A gamba tesa

riano

Con l’approvazione definitiva il 3 aprile della legge “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni” da parte della Camera dei Deputati (legge n. 56/2014), sembrerebbe che si sia finalmente giunti alla fine della travagliata riforma iniziata nel 2000 per l’istituzione delle città metropolitane.

Proviamoci ancora!

Scritto da Berardo Impegno Il . Inserito in A gamba tesa

berrypd

Sono anni ormai che non riusciamo a dare una svolta al PD né in Campania né a Napoli.
Ed invece i nostri territori avrebbero bisogno, oggi più che mai, di un PD autorevole, nuovo, con volti affidabili e con idee coraggiosamente riformiste.

Il futuro del porto di Napoli e il necessario impegno del PD

Scritto da Leonardo Impegno Il . Inserito in A gamba tesa

porto di napoli

E’ già calato il silenzio di Regione e Comune sulla vicenda del Porto di Napoli che, con l’addio della COSCO, rischia perdite per circa 30 milioni di Euro l’anno. L’abbandono della compagnia cinese segue quello dell’armatore Messina del maggio scorso, già un duro colpo inferto alle maestranze portuali e al notevole indotto da queste generate.

La megaregione meridionale

Scritto da Berardo Impegno Il . Inserito in A gamba tesa

Editoriale Berry

Non mi sembra il caso di alzare un incomprensibile polverone contro i cinquestelle, per la proposta di una megaregione meridionale.
Bisogna entrare nel merito e capire che cosa oggi è utile per riprendere il cammino dello sviluppo del Sud.

Città della Scienza: il nuovo inizio che non c'è

Scritto da Leonardo Impegno Il . Inserito in A gamba tesa

incendio-citta-della-scienza-2

Disappunto, sconcerto, amarezza, rammarico. Difficile trovare le parole più adeguate per stigmatizzare con la giusta asprezza e incisività l’ultimo flop su Città della Scienza. Il mancato appuntamento con la stipula dell’accordo di programma per la ricostruzione del polo tecno-scientifico è l’ennesimo segnale di un evidente scollamento istituzionale, che desta profondo allarme nell’opinione pubblica.

Il nuovo PD di Renzi oltre Caldoro e De Magistris

Scritto da Ernesto Paolozzi Il . Inserito in A gamba tesa

Editorialepaolozzi

Il Pd ha celebrato le primarie per eleggere il segretario provinciale e regionale. Per una volta vorrei evitare di discutere delle solite polemiche interne circa le divisioni fra correnti, la qualità personale degli eletti, le gelosie e i personalismi che hanno devastato il partito in questi anni.

Time Out. Cronache da un Congresso.

Scritto da Valerio Di Pietro Il . Inserito in A gamba tesa

valerioedit

Finalmente volge al termine l’ultimo atto di un congresso, quello del Partito Democratico, durato circa 4 mesi e con i Congressi Regionali, il PD, ha probabilmente affrontato la fase più dura e concitata. Si perché sullo sfondo di questo appuntamento pesavano le dimissioni di Enrico Letta, avvenute in seguito alle decisioni emerse dalla Direzione Nazionale del Partito Democratico.

Congresso regionale PD, Impegno: “Spettacolo avvilente, Renzi porti il rinnovamento anche a Napoli e nel Mezzogiorno”.

Scritto da Leonardo Impegno Il . Inserito in A gamba tesa

Leo

“Lo spettacolo avvilente che i democratici napoletani stanno offrendo, in queste ore, nella formazione delle liste per il Congresso regionale dimostra che non siamo ancora in grado di acquisire la lezione che ci viene dal disastro delle primarie per il sindaco di Napoli e dall’esperienza di ben due commissariamenti. E i micropoteri personali/locali prendono il sopravvento sulla speranza di cambiamento rappresentata dall’elezione di Renzi a segretario”.

Congresso regionale PD: in direzione ostinatamente uguale a prima

Scritto da Valerio Di Pietro Il . Inserito in A gamba tesa

Editoriale Valerio

 

Da pochi giorni si sono chiusi i termini per la presentazione delle candidature a Segretario Regionale del Partito Democratico. Prima della deadline eravamo tutti consci che il passaggio dell’elezione del Segretario Regionale potesse essere una sorta di “prova di maturità”, un momento attraverso il quale comprendere se la spinta propulsiva ed innovatrice di Renzi potesse sortire effetti positivi anche qui da noi, al sud ed in Campania. La speranza era che anche qui potesse affermarsi una ventata di rinnovamento.

Il PD stia lontano dal sindaco che crede di essere nel 1968

Scritto da Umberto De Gregorio Il . Inserito in A gamba tesa

De Gregorioeditoriale

Il PD è un partito con una forte dialettica interna aperta. Talvolta anche troppo forte e troppo aperta. Sul rapporto con la giunta de Magistris, dopo aver tentato invano di condividere un programma con il Sindaco - che pure aveva costruito la sua vittoria elettorale con furore ideologico e populista contro la vecchia amministrazione targata PD - l’assemblea provinciale di Portici, oltre un anno fa, deliberò che il PD doveva essere all’opposizione della giunta de Magistris.

Congresso regionale PD, una proposta modesta

Scritto da Paolo Donadio Il . Inserito in A gamba tesa

DonadioEditoriale

La regione dopo la provincia: vediamo se nel Partito Democratico prevale anche a livello -macro l’allineamento alla segreteria nazionale, che sta innegabilmente ristrutturando il partito. Non senza malumori ed esclusioni, che hanno lasciato diversi dubbi sul nuovo corso, così come ha stupito il reclutamento di personalità poco vicine alla sensibilità del nuovo segretario. Ma tant’è, forse c’era da aspettarselo.