fbpx

Il Pallonetto

Il nome di un quartiere, che è anche il nome di un gesto tecnico: tutti gli sport dell’area napoletana, con un occhio di riguardo al calcio, per molti la prima vera passione della vita.

Napoli – Roma 1989 - '90

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO Napoli Roma 89 90

Stagione 1989-'90. La prima a Soccavo di Massimo Mauro, Gianfranco Zola e Marco Baroni. L'ultima a Trigoria -da giocatori- di Franco Tancredi e Bruno Conti. L'annata della grande paura per Lionello Manfredonia. In attesa di Ottavio Bianchi, Dino Viola affidava la panchina giallorossa a Gigi Radice, il tecnico dell'ultimo scudetto granata.

Verso Udinese - Napoli

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO2

Il match tra friulani e partenopei è un viaggio nel tempo che unisce tutti i settori del rettangolo verde. Se per i più giovani è facile pensare ad Allan, Morgan De Sanctis e Gokhan Inler, negli anni cinquanta ha indossato entrambe le maglie il centrocampista Antonio Bacchetti.

Mission Impossible Ferrari!

Scritto da Emanuele Russo Il . Inserito in Il Pallonetto

ferrari

“Mission Impossible” è il termine utilizzato da Maurizio Arrivabene per questo finale di stagione della Ferrari, infatti è già un’impresa mantenere aperta la corsa al titolo, in virtù della grande stagione disputata dalla Mercedes, sulla scia di Lewis Hamilton.

Ancelotti tra "Il Gattopardo" e la "Bohemian Rhapsody" napoletana: c'è aria di rivoluzione alle pendici del Vesuvio

Scritto da Simone Santacroce Il . Inserito in Il Pallonetto

SANTACROCE

"Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi" direbbe Tomasi di Lampedusa per bocca di Tancredi ne "Il Gattopardo". Lì si parlava della situazione sociale della Sicilia del Risorgimento ma la frase ci torna utile e diventa quanto mai attuale per parlare del nuovo Napoli di mister Ancelotti.

Una notte a Fuorigrotta

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO1

L'11 ottobre 2002 era venerdì; vigilia di Italia-Jugoslavia al San Paolo, match valido per le qualificazioni all'Europeo in Portogallo. Una gara particolare per Cannavaro, il capitano azzurro dopo l'addio di Maldini alla Nazionale. Una partita che per Fabio significa la prima volta con la fascia al braccio nelle gare ufficiali all'interno dei confini nazionali.

Pokerissimo!

Scritto da Emanuele Russo Il . Inserito in Il Pallonetto

insigne

Perfetta per le italiane la 2° giornata della UEFA Champions League, tutte vittoriose sfoderando grandi prestazioni. La Juventus batte lo Young Boys per 3 reti a 0, la Roma stravince contro il Viktoria Plzeň 5-0 e uno strepitoso Napoli batte per 1 rete a 0 il Liverpool (squadra candidata alla vittoria del torneo).

Pino Corvo: “Salerno può ricoprire un ruolo importate”

Scritto da Andrea Esposito Il . Inserito in Il Pallonetto

ESPOSITO PINO CORVO

Raggiunto dai nostri microfoni Pino Corvo ci racconta gli spiacevoli incidenti di domenica sera e fa il punto sulle aspirazioni della sua Virtus Arechi Salerno.

Nello scorso weekend si è archiviata la prima giornata del girone D del campionato di serie B. A portare a casa i 2 punti è la sola Decò Caserta che si aggiudica il derby contro Salerno, partita molto equilibrata terminata 65-68 per i bianco-neri. Amaro in bocca per Pozzuoli che al PalaErrico getta alle ortiche una partita quasi perfetta contro la IUL Roma (73-79 il finale), e Napoli che contro la LUISS Roma complice un evidente calo fisico nel secondo tempo viene sconfitta dai capitolini col punteggio di 75-68. Battipaglia esce con le ossa rotta dalla trasferta al PalaAia di Palestrina, gli arancio-verdi si impongono col severo punteggio di 72-52. Purtroppo oltre la cronaca sportiva, questa domenica è accaduto qualcosa di brutto che non ha niente a che fare con lo sport. Come riportato da BasketInside.com durante la sfida tra Salerno e Caserta, i tifosi ospiti hanno devastato il PalaZauli di Battipaglia. Prima con fumogeni e poi con atti di vandalismo all’infrastruttura e ai bagni.

Raggiunto dai nostri microfoni Pino Corvo, dirigente della Virtus Arechi Salerno, ha rilasciato alcune dichiarazioni. “Purtroppo un gruppo nutrito di Ultras Casertano hanno fatto un po' di caos, accendendo un fumogeno durante la partita e poi vandalizzando i bagni, ci sono stati problemi con la polizia nel post-partita. Noi non ci aspettavamo la presenza di un gruppo ultras al seguito di Caserta sinceramente. La Virtus Arechi Salerno come società aveva donato 60 ticket omaggio alla Decò Caserta, non credevamo che poi questi ticket venivano girati agli ultras. Non aspettandoci un seguito del genere, il servizio d’ordine per l’evento non era eccessivamente numeroso anche perché il tifo salernitano è fatto da famiglie e bambini non certo da gruppi organizzati. Dispiace per quanto accaduto perché poi non ci sono stati cori offensivi o altri atteggiamenti anti-sportivi, questo gruppo ha solo fatto il tifo per la propria squadra, sfortunatamente nel dopo partita, complice l’irruenza, si è andato un po' troppo oltre.

I danni recati al palazzetto verranno risarciti dalla Decò Caserta a Battipaglia che aveva concesso il proprio campo per ospitare la partita. Tornando al match, non mi sento di rimproverare niente ai miei ragazzi. Siamo andati vicinissimo alla vittoria contro una squadra che a detta di tutti è destinata a vincere il campionato o quanto meno una delle più accreditate a farlo. Secondo me da questa partita possiamo uscirne rafforzati, logicamente la sconfitta fa male ma siamo consapevoli di aver giocato bene e di poter crescere ancora su molti aspetti. Salerno può ambire a ricoprire un ruolo importante in questo campionato, dobbiamo lavorare ancora molto ma giocatori esperti come Maggio e Diomede possono darci una grossa mano.”

FOTOGRAFIA DI GIANCARLO VENOSA

Spal – Inter vista da Napoli

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO Spal

'Bugatti; Burgnich-Facchetti...''. Iniziava così la formazione della Beneamata pronta ad affrontare il Real Madrid nella nona finale della Coppa Campioni. Giuliano Sarti era stato colpito da una pallonata al ventre basso -allarme poi rientrato- e venne così annunciato il vice dell'ex portiere gigliato: Ottavio Bugatti, arrivato all'Inter nel 1961 dopo otto annate tra i pali del Napoli. Nel '53 era passato dalla Spal al club del Golfo.

La Lazio vista da Napoli

Scritto da Antonio Capotosto Il . Inserito in Il Pallonetto

CAPOTOSTO LAZIO

Da Lazio-Napoli alla stracittadina della Capitale. I biancocelesti e le grandi sfide, fino al derby. Le sconfitte della squadra di Simone Inzaghi negli scontri diretti hanno riportato alla mente la seconda stagione di Héctor Cuper ad Appiano Gentile: dopo quattro successi di fila, il 19 ottobre la Beneamata ospitava la Vecchia Signora, indietro di quattro lunghezze.

Napoli-Liverpool, la partita perfetta: gli azzurri dominano e stendono i vice-campioni d'Europa

Scritto da Simone Santacroce Il . Inserito in Il Pallonetto

napoli liverpool

Un tripudio azzurro. Una partita semplicemente perfetta permette al Napoli di battere i vice-campioni d'Europa del Liverpool con un gol di Insigne al 90' e di portarsi in testa al girone di Champions. Napoli-Liverpool, senza ombra di dubbio, sarà ricordata a lungo come una delle migliori partite dell'era De Laurentiis e resterà per sempre impressa nella memoria dei tifosi partenopei.

Zielinski sempre più azzurro

Scritto da Matteo Zapelli Il . Inserito in Il Pallonetto

Zielinski e1518305656763

Piotr Zielinski sarà blindato dal Napoli. Un discorso su cui il ds Cristiano Giuntoli è impegnato da tempo. Il centrocampista polacco si sta preparando a firmare il rinnovo del contratto fino al 2023 con sostanzioso aumento dell'ingaggio, mossa dovuta per gratificare Zielinski ma anche visto l'interesse di tanti top club stranieri su di lui: il solito Liverpool con Klopp che stravede per Piotr, senza escludere il Manchester City che lo ha seguito a lungo.