fbpx

Letteratura

Recensioni delle ultime novità editoriali, interviste agli autori, presentazioni, iniziative: tutto quel che ruota attorno a "il miglior amico dell'uomo dopo il cane" (Groucho Marx)

Attilio Belli: Napoli un’implosione annunciata

Scritto da Evelina Parente Il . Inserito in Letteratura

674c33f2 d9c1 11e8 a936 b2779db545c3

Attilio Belli, professore emerito di Urbanistica della Federico II di Napoli, ha pubblicato per Guida Editori il suo nuovo libro, una raccolta di articoli usciti sul Corriere del Mezzogiorno dal 2016 al 2018. La raccolta ha un titolo sensazionale, e sicuramente evocativo: “Napoli. Cronaca di un’implosione annunciata”.

Il bisogno del positivo nel discorso politico

Scritto da Luigi Santoro Il . Inserito in Letteratura

santoro

In Politica e negazione. Per una filosofia affermativa Roberto Esposito – ordinario di Filosofia teoretica presso la Scuola Normale Superiore – parte da un preciso problema: la mancanza di un’ampia riflessione sul rapporto tra politica e negazione. Sono sempre esistiti, nota l’autore, studi sulla struttura della negazione. A partire dagli albori della filosofia con Parmenide, Platone e Aristotele sino a Hegel, Heidegger e Wittgenstein, la categoria del negativo è stata oggetto di numerose analisi ma a mancare è un discorso organico tra quelle che Esposito chiama «le diverse grammatiche della negazione».

“Morfisa, o L’Acqua che Dorme” di Antonella Cilento, un elegantissimo racconto fantasy ambientato a Napoli

Scritto da Francesco Verdosci Il . Inserito in Letteratura

Morfisa antonella cilento

Teofanès Arghìli, pavido e velleitario poeta bizantino che, in mancanza di storie proprie, si ostina a ricopiare quelle degli scrittori classici che più ammira, è stato inviato suo malgrado, dalle Imperatrici di Bisanzio, nella Napoli pagana e pericolosa dell'anno Mille per compiere una delicata missione diplomatica: condurre in sposa la figlia del Duca napoletano a Costantinopoli.

L’Angolo del Libro – QdN Presenta: “Vodka & Inferno”, la saga gotica di Penelope Delle Colonne

Scritto da Francesco Verdosci Il . Inserito in Letteratura

verdosci

Questa è una storia che va raccontata a bassa voce, sull'epidermide del mondo. Una strana, sanguinosa famiglia. Venezia di echi dissonanti, poi la Russia di forti abbracci. Un alchemico mistero - della vodka che da incolore e innocua diventa rosso-sangue - un maniero che ha occhi per vedere, danze di balalaike, zingari e cosacchi.

VITELIU’”, di Nicola Mastronardi; Appassionante Viaggio alla Scoperta dell’Essenza Italica

Scritto da Francesco Verdosci Il . Inserito in Letteratura

VERDOSCI copertina

“Viteliú” è un antichissimo termine osco da cui derivò la parola latina Italia. “Viteliù” è soprattutto un viaggio nel “mondo nascosto” della nostra storia più arcaica e quasi mitologica. “Viteliù” è un sorprendente dittico storico realizzato dal giornalista/autore RAI e professore Nicola Mastronardi ed edito dalla ITACA Edizioni.

L’Angolo del Libro – QdN, Presenta: “Aglio, Olio & Assassino” di Pino Imperatore

Scritto da Francesco Verdosci Il . Inserito in Letteratura

verdoscio

Dopo il grandissimo successo di “Allah, San Gennaro & i Tre Kamikaze”, l’autore napoletano d.o.c. Pino Imperatore immerge il lettore in una magica “corsa a perdifiato contro il tempo” e verso un finale quanto mai scoppiettante. “Aglio, Olio & Assassino” – edito da DeA Planeta - è un thriller elegantemente “condito” da una buona dose di sangue, mistero e scaramanzia, buona cucina ed humor nero, in cui sapientemente si mescola la cultura pop napoletana, la classica indagine poliziesca e la black comedy (Topòs che, soprattutto negli ultimi anni, spopola sia nel cinema che nella letteratura mondiale).

A Giancarlo Siani

Scritto da Fabio Strinati Il . Inserito in Letteratura

Giancarlo Siani

A GIANCARLO SIANI

Il tuo fertile inchiostro, raffinato,

rinvigorito dal tuo sguardo

sempre acceso sulle cose

e quel tuo senso universale di giustizia

dallo stile serio e deciso

che perforava le soperchierie disgustose,

feroci sopraffazioni, angherie, soprusi

a causa di mani immorali e mafiose

che ti hanno sottratto il tempo

nato nel mese di settembre e spento

durante il raccolto delle uve sulle vigne,

e quel tuo sorriso così dolce, carezzevole

e vitale, dietro un paio di occhiali lucidi

che ancora odorano di un continuato pianto.

di FABIO STRINATI

L’angolo del libro di QDN: Giovanni Menna racconta i primi anni dell’Istituto per i Figli del Popolo di Napoli

Scritto da Fabio Di Nunno Il . Inserito in Letteratura

DI NUNNO

La base Nato di Bagnoli, chiusa nel 2013, è stata ospitata per decenni sulla collina di San Laise, in un complesso architettonico concepito e realizzato per scopi ben diversi. Era l’Istituto per i Figli del Popolo di Napoli, un sistema integrato di edifici e attrezzature per il sostegno all’infanzia disagiata costruito a Bagnoli tra il 1939 e il 1940 su iniziativa del Banco di Napoli e progetto dell’ingegnere Francesco Silvestri.

Un nuovo libro su Napoli nella rivoluzione digitale: benefici e rischi

Scritto da Mariano D'Antonio Il . Inserito in Letteratura

Visit Naples 825x465

Il futuro di Napoli è nella rivoluzione digitale? La diffusione di procedure, macchine, linguaggi che trasformano testi scritti, suoni, immagini in una sequenza di numeri binari (i numeri 1 e 0), darà ai nostri concittadini maggiori opportunità di lavoro oppure farà crescere la disoccupazione? Questa e altre domande sollevate dall'innovazione digitale hanno indotto un gruppo di studiosi napoletani a discutere insieme con me e poi a scrivere alcuni saggi, che ora sono raccolti in un libro, pubblicato da Guida editori e apparso in questi giorni in libreria.

L’Angolo del libro – QdN, Presenta: “Sulla Schiena del Cielo” di Alfredo Carosella.

Scritto da Francesco Verdosci Il . Inserito in Letteratura

alfredo carosella Sulla schiena del cielo Copertina

“Sulla Schiena del Cielo” è l’ultimo struggente racconto realizzato da Alfredo Carosella – classe ’65, architetto ed autore di origini molisane ma campano (porticese) di adozione – che, con la sua raffinata e sferzante prosa, esplora tanto delicatamente quanto in maniera intensamente viscerale la tematica molto novecentesca del conflittuale rapporto padre-figlio (un tipico Topòs letterario che, in particolar modo negli ultimi anni, è tornato di grande attualità).