fbpx

Napoli Servizi al posto di Romeo. E le competenze?

Scritto da Giuseppe Pedersoli Il . Inserito in Succede a Napoli

Politica & Professioni. Pare che da qualche settimana Luigi de Magistris, il primo cittadino di Napoli, abbia siglato un patto con i depositari delle competenze professionali. Il nuovo consiglio dell’ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili partenopeo, infatti, si è insediato alla presenza del sindaco in sala Giunta, a Palazzo San Giacomo. L’opportunità di questo evento è un argomento di cui discutere in altro momento. Quello che preme sottolineare è la “carezza” di de Magistris ai professionisti napoletani, che potrebbe anche essere considerato come incoraggiamento alla valorizzazione di “ci sa come si fa”.

Tuttavia, questo cozza con la scelta di sostituire la società di Alfredo Romeo con la Napoli Servizi, storica partecipata del Comune di Napoli. La “Romeo” gestisce il patrimonio immobiliare dei napoletani e, evidentemente, possiede un “know how” di difficile sostituzione. Al di là delle dichiarazioni di facciata e di quanto previsto dallo statuto sociale, tutti sanno che, sostanzialmente, Napoli Servizi si occupa di pulizie. Attività encomiabile, ci mancherebbe altro. Senza Napoli Servizi gli edifici comunali sarebbero putridi e non agibili sotto l’aspetto ambientale. Ma come si può pensare che, da un giorno all’altro, si possano gestire migliaia di unità immobiliari? Riunioni condominiali, oneri ordinari e straordinari, riscossione di canoni, gestione dei morosi mantenendo un profilo istituzionale, comunicazione periodica al proprietario (il Comune di Napoli) dei dati contabili, riversando l’incasso in surplus alle asfittiche casse municipali: Napoli Servizi sarà in grado onorare gli impegni assunti? Con il massimo rispetto di chi utilizza mazza e scopa, il patrimonio immobiliare napoletano non è roba da poco. Anche perché il passaggio di consegne potrebbe essere traumatico. Non so quanti siano disposti a scommettere sulla trasmissione integrale della banca dati da Romeo a Napoli Servizi. Un cd rom (o un dvd o una pen drive o un hard disk, mi perdonino i tecnici) preziosissimo che deve essere consegnato alla partecipata di de Magistrisi per consentirle di gestire al meglio gli immobili posseduti dal Comune. Una trasmissione, una “traditio” non perfetta, che potrebbe essere la miglior vendetta da parte di chi si è visto esonerare dall’incarico.