fbpx

Vitalizi ed altre amenità

Scritto da Rodolfo Buccico Il . Inserito in Il Palazzo

Movimento 5 Stelle

Il M5S ha nelle mani il boccino per aprire la partita sui vitalizi degli ex parlamentari. Argomento caro agli italiani, sono anni che se ne parla, è innegabile. Si gioca peraltro su questo molto della sua credibilità Fico, il “comunista” del movimento. Deve dare impulso a qualcosa di concreto, da far toccare insomma.

Anche perché il Reddito di Cittadinanza sembra cosa ardua da pensare, prima che da fare. Le finanze italiche sono in sofferenza già tranquillamente così. Il rapporto deficit/PIL in particolare ne andrebbe a risentire, l’operazione costerebbe dai 35 ai 38 miliardi. Con tanta disapprovazione di Merkel & Co. Sarebbe magari più utile ragionare sull’estensione del Rei. Basterebbero circa 4 miliardi.

Boeri in questi giorni ha introdotto il tema degli oneri figurativi dei parlamentari (ma sempre con loro ce l’hanno). Quasi ad aggiungere fuoco al fuoco o forse confusione a confusione, col dubbio che voglia accreditarsi con i grillini, ma magari mi sbaglio.

Qualche dubbio d’altronde emerge sull’applicabilità dell’abolizione dei vitalizi. In particolare lascia perplessi la retroattività dell’efficacia del provvedimento, che i cinquestelle vorrebbero licenziare con una delibera dell’Ufficio di Presidenza.

Si ipotizza già la pioggia di ricorsi che gli interessati dal provvedimento potrebbero far partire, proprio facendo uso del perno costituzionale dei diritti acquisiti. Verrebbe da pensare che in seguito la cosa potrebbe applicarsi in modo diffuso a tutti i cittadini.

E che si vuol fare con la Riforma Fornero? Da calcoli non tanto peregrini la sua cancellazione costerebbe circa 85 miliardi e peserebbe in maniera significativa sulle giovani generazioni, ma anche su coloro che hanno già pagato il prezzo della riforma.

Manovre da terza Repubblica già hanno fatto capolino sulla ripartizione delle nomine parlamentari (M5S e Lega), con buona pace di chi continua a raccontare di veti incrociati e voto a brevissimo termine. Resta tutto da vedere...e da capire.